NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Come risparmiare sul mutuo? Tutti i consigli

Come risparmiare sul mutuo? Tutti i consigli
da in Banche, Come risparmiare, Economia, Mercato immobiliare, Mutui, Reddito, Risparmio
Ultimo aggiornamento: Giovedì 24/11/2016 07:17

    Come risparmiare sul mutuo? Ci sono molti consigli che potremmo dare a questo proposito, anche perché in fin dei conti si tratta soltanto di seguire alcune semplici regole, in modo da avere la possibilità di scegliere il finanziamento migliore. Bisogna tenere in considerazione i tassi fissi stipulati alle condizioni medie e occorre fare attenzione allo spread e non al tasso del finanziamento. In questo senso si può dire, infatti, che i prestiti indicizzati in corso stanno beneficiando della riduzione dell’Euribor.

    Per risparmiare su un mutuo è importante adottare tutte quelle misure che consentono di usufruire di un tasso più basso e allo stesso tempo non bisogna sempre affidarsi ai prodotti misti, perché a volte possono anche non convenire. Da tenere presenti, invece, sono le agevolazioni sulla prima casa, perché consentono di risparmiare.

    Ogni banca richiede ai clienti un costo effettivo per la concessione del mutuo, che corrisponde allo spread. Più basso è quest’ultimo, minori saranno gli interessi da restituire. E’ importante che lo spread, quindi, sia basso fin dall’inizio, perché il mutuo dovrà essere rimborsato, calcolandone proprio il valore.

    A volte, se non abbiamo gli strumenti adatti per scegliere, finiamo con il preferire una soluzione intermedia tra un tasso variabile e uno fisso. In questo caso possiamo optare per un mutuo variabile con Cap (oltre il quale il tasso di interesse non potrà mai salire) oppure possiamo decidere per un mutuo a tasso misto, per cambiare il tasso di interesse in maniera periodica. Ricordiamoci che in questi casi la banca di solito prevede costi maggiori. Sono compresi, infatti, nelle spese anche dei costi dovuti alla copertura aggiuntiva, che di solito non vengono previsti dai mutui tradizionali per la casa.

    Ci sono delle agevolazioni quando il mutuo è destinato all’acquisto della prima casa. Bisogna sempre informarsi sui requisiti necessari per avere diritto a questi sconti. In questo modo si può ricorrere alla detrazione fiscale, per ridurre i costi del mutuo.

    Bisogna essere consapevoli non solo del valore delle singole rate del mutuo, ma anche del suo costo globale, in modo da poter includere anche le spese accessorie. Si tratta, quindi, del Taeg, il tasso annuo effettivo globale previsto. Soltanto in questa maniera ci si può rendere conto delle spese effettive a cui si può andare incontro e si può cercare di conseguenza di risparmiare.

    A volte, prima di fare la richiesta di mutuo, si possono richiedere dei nuovi finanziamenti. Tutto ciò può penalizzare, perché la banca valuta la capacità del cliente di sostenere l’impegno economico. Ci si può mettere anche nelle condizioni di non avere i requisiti necessari per ottenere la soddisfazione della richiesta. In particolare la banca cerca di verificare se gli impegni finanziari presi dal cliente superino il 30-35% del suo reddito mensile. Tuttavia, naturalmente, non sono presi in considerazione i redditi percepiti non ufficiali.

    714

    PIÙ POPOLARI