NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

CUD 2014 editabile: istruzioni e informazioni per compilarlo e presentarlo [PDF]

CUD 2014 editabile: istruzioni e informazioni per compilarlo e presentarlo [PDF]
da in Dichiarazione dei redditi, Economia, Tasse
Ultimo aggiornamento:
    CUD 2014 editabile: istruzioni e informazioni per compilarlo e presentarlo [PDF]

    E’ fissato per il giorno 28 febbraio, il termine ultimo per la consegna del modello CUD 2014, da parte del datore di lavoro o ente pensionistico ai propri dipendenti e/o pensionati per certificare i redditi di lavoro dipendente, assimilati e di pensione che viene rilasciato per attestare le somme erogate e le relative ritenute effettuate e versate all’Erario. Scopriamo insieme tutte le novità relative al modello CUD 2014 editabile, le istruzioni per compilarlo e tutte le informazioni necessarie.

    La prossima importante scadenza fiscale per tutti i contribuenti italiani è quella del 28 febbraio 2014, ovvero quella in cui lavoratori e pensionati otterranno la consegna del CUD 2014 da parte del proprio datore di lavoro o ente pensionistico.

    A partire dal nuovo anno, da poco cominciato, sono sono cambiate le modalità di consegna CUD 2014. Scopriamo insieme tutte le informazioni utili.

    Innanzitutto ricordiamo che il modello CUD 2014 è la certificazione unica dei redditi di lavoro dipendente, redditi assimilati e di pensione che il datore, o l’ente pensionistico, consegna ai dipendenti o ai pensionati per certificare l’importo totale dei redditi di lavoro dipendente, equiparati (come le pensioni) e assimilati, corrisposti nell’anno precedente e assoggettati a tassazione ordinaria, a tassazione separata, a ritenuta a titolo d’imposta e a imposta sostitutiva; le relative ritenute di acconto operate dal datore di lavoro o dall’ente pensionistico; le detrazioni effettuate; redditi corrisposti nel 2013 che non hanno contribuito a formare il reddito imponibile ai fini fiscali e contributivi, dei dati previdenziali ed assistenziali relativi alla contribuzione versata o dovuta all’Inps, comprensivo delle gestioni ex Inpdap.

    La consegna del modello CUD 2014 deve essere effettuata da parte del datore o dall’ente pensionistico, in duplice copia, nei confronti del contribuente che può essere lavoratore dipendente, pensionato, percettore di redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente. La consegna del modello CUD 2014 deve avvenire entro e non oltre il 28 febbraio 2014 o entro 12 giorni dalla domanda presentata dal dipendente in caso di cessazione del rapporto di lavoro.

    La consegna del modello CUD 2014 ai contribuenti in formato cartaceo può essere effettuata attraverso uno dei seguenti sistemi:

    • richiederlo agli sportelli veloci degli uffici INPS, ex INPDAP ed ex ENPALS;
    • stamparlo dalle postazioni informatiche self service che si trovano presso le sedi INPS con il proprio Pin.
    • richiedendolo all’ufficio postale, dietro il versamento di 2,70 euro più IVA;
    • richiedendolo a CAF o altri centri per l’assistenza fiscale, inclusi i commercialisti;

    E’ possibile scaricare anche direttamente online, dal sito dell’Inps, il modello CUD 2014. Possono farlo in particolare:

    • i pensionati
    • i lavoratori disoccupati
    • i lavoratori in cassa integrazione e mobilità
    • chi ha ricevuto l’indennità di disoccupazione nel 2013

    Ricordiamo che l’accesso al portale INPS è consentito tramite l’uso del PIN personale, seguendo il percorso indicato nella Servizi Online. In alternativa, è possibile fare richiesta di invio del CUD 2014 al proprio indirizzo di posta elettronica Pec scrivendo all’indirizzo richiestaCUD@postacert.inps.gov.it.

    Possono infine richiedere la consegna del Cud 2014 a domicilio le seguenti tipologie di contribuenti:

    • pensionati residenti all’estero
    • pensionati con più di 85 anni e fruitori dell’indennità di accompagnamento
    • tramite telefonata allo Sportello Mobile della propria sede INPS o tramite telefonata al numero verde

    649

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Dichiarazione dei redditiEconomiaTasse
    PIÙ POPOLARI