Movember: cos’è e a cosa serve il ”mese con i baffi”?

Movember: cos’è e a cosa serve il ”mese con i baffi”?
da in Curiosità, Facebook, Malattie, Mobile, Social Network, Tumore
Ultimo aggiornamento:
    Movember: cos’è e a cosa serve il ”mese con i baffi”?

    Movember: cos’è e a cosa serve? Impazza per tutto il mese di novembre di ogni anno (fin dal 2013) ed è la campagna mondiale di raccolta fondi per programmi di salute maschile. Come si partecipa al Movember: è semplice, diventi ”Mo bro” (un – chiamiamolo così – fratello di baffo) radendoti completamente la barba o i baffi, e diventando un fenomeno social. Come? Continua a leggere e scoprilo!

    Basta postare una foto al giorno per far ammirare a tutti la crescita dei tuoi baffi e contestualmente parlare della salute maschile, diventando a tua volta un testimonial di Movember e di tutte le sue iniziative. L’importante è trovare sempre nuovi sostenitori per far arrivare a più persone possibili il messaggio chiave dell’iniziativa: prendersi cura della propria salute. Tutto è nato nel 2003 da un’idea di quattro amici di Melbourne, in Australia: negli anni è diventata sempre più popolare e ha trovato sostenitori famosi e sponsorizzazioni di brand importanti.

    Ad esempio il canale You tube Simple Pickup ha realizzato un evento di sensibilizzazione per il cancro ai testicoli, dando la possibilità di accedere subito a esami gratuiti . Per ogni ragazzo che ha accettato sono stati donati 100 dollari.

    Movember: campagna contro il cancro ai testicoli

    Ci sono molti modi di partecipare alle tante iniziative per diffondere consapevolezza sul carcinoma della prostata, sul cancro ai testicoli ed altre patologie, anche seguendo la pagina Facebook italiana.

    Gli obiettivi di Movember sono certamente invogliare ad adottare uno stile di vita più sano oltre che favorire la diagnosi precoce dei tumori riducendo il numero di decessi. Sul sito ufficiale di Movember trovi tutte le informazioni per partecipare al mese della prevenzione al maschile.


    424

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CuriositàFacebookMalattieMobileSocial NetworkTumore
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI