10 curiosità su Halloween, la notte delle streghe. Origini, significato e usanze

10 curiosità su Halloween, la notte delle streghe. Origini, significato e usanze
da in Chiesa cattolica, Civiltà antiche, Cristianesimo, Curiosità, Feste, Halloween, Horror, Religione
Ultimo aggiornamento: Venerdì 18/03/2016 15:41

    Come tagliare una zucca di Halloween

    Quali sono le origini e il significato di Halloween? Quali le usanze in giro per il mondo? C’è da dire che oggi poco rimane degli antichi riti di Halloween. La notte più magica e misteriosa per eccellenza si è trasformata in occasione, per tutti gli appassionati di horror e di divertimento, di parteciare a party e travestimenti di ogni tipo. Ma questa celebrazione è fortemente collegata ai ritmi delle comunità contadine, che celebravano i cicli naturali ringraziando la madre terra per i frutti del raccolto, ed esorcizzavano la paura della fredda e buia stagione invernale, simbolo in qualche modo della morte. Sfogliamo nelle pagine seguenti interessanti aneddoti su Halloween.

    Le origini di Halloween risalgono al popolo dei Celti, indoeuropei che, nel periodo di massimo splendore (IV-III secolo a.C.), oltre ad essersi espansi in mezza Europa, dalle Isole britanniche fino al bacino del Danubio, avevano anche alcuni insediamenti isolati più a sud, frutto dell’espansione verso le penisole iberica, italica e anatolica.

    Nei giorni di fine di ottobre l’antico popolo celtico, stanziato nelle terre di Gran Bretagna, Irlanda e Francia, celebrava l’arrivo dell’inverno con una grande festa, il 31 ottobre, appunto. Inoltre l’inizio del Nuovo Anno coincideva con il 1° Novembre, quindi questa festa segnava la fine della stagione calda e l’inizio della stagione fredda e buia.

    La notte tra il 31 ottobre e il 1° Novembre era il momento più solenne di tutto l’anno druidico e rappresentava per i Celti la più importante celebrazione, chiamata notte di Samhain.

    I Celti credevano inoltre che Samhain, Signore della Morte e delle Tenebre, chiamasse a sé gli spiriti dei morti, in un giorno (il 31 Ottobre, la vigilia di ogni nuovo anno), in cui tutte le leggi dello spazio e del tempo erano sospese, permettendo al mondo degli spiriti di unirsi al mondo dei viventi.

    In occasione di questa ricorrenza pagana, si accendevano dei roghi, e attorno a questi fuochi tutti i convenuti danzavano, e per allontanare le streghe le spaventavano. A questo proposito indossavano delle maschere grottesche.

    L’usanza moderna di travestirsi nel giorno di Halloween, nasce proprio dalla tradizione Celtica di festeggiare per 3 giorni mascherandosi per esorcizzare e spaventare gli spiriti indossando le pelli degli animali uccisi durante i sacrifici del 31 Ottobre, fatti per placare gli spiriti erranti.

    In ricordo di quell’antica festa, ancora oggi si festeggia Halloween la notte del 31 ottobre. Ci si maschera, e i bambini vanno di casa in casa bussando alle porte e dicendo ‘trick or treat‘ (Dolcetto o scherzetto?). Aprendo la porta si offre loro caramelle, dolcetti o biscotti.

    La parola Halloween o Hallowe’en è di origine cristiana, vuol dire ‘serata santa’. Nel corso del tempo, dai celti in poi, il nome della festa ha subito varie contrazioni, fino ad arrivare a noi. Partendo da un termine scozzese (All) Hallow(s) Eve(n) (vigilia di Ognissanti) si è evoluto in Halloween.

    Visto che la Chiesa Cattolica non riusciva a sradicare questi antichi culti pagani, escogitò un tentativo per farne perdere il profondo significato: nell’835 Papa Gregorio spostò così la festa di Tutti i Santi dal 13 Maggio al 1° Novembre, pensando di poter dare un nuovo significato ai culti pagani. Ma questo non servì, e la Chiesa aggiunse, nel X secolo, una nuova festa: il Giorno dei Morti, celebrato il 2 novembre in memoria delle anime trapassate.

    Il simbolo di Halloween conosciuto in tutto il mondo sono le zucche. La Jack-o’-lantern è una zucca lavorata a mano con dentro una candela o un’altra fonte di luce. La zucca di Halloween può essere decorata nei modi più vari, ma caratteristica essenziale resta la fonte luminosa: la luce serve infatti a tenere lontani gli spiriti maligni della notte.

    1296

    Referendum costituzionale 2016

    PIÙ POPOLARI