11 storie di nonni bastardi

E' bello fare le cose insieme, in famiglia. Tuttavia, se hai un nonno così, puoi finire nei guai!

da , il

    Essere nonni può essere una responsabilità che riempie di gioia la vita. I nonni più amorevoli pensano ai propri nipoti come gli esseri che porteranno avanti sulla Terra un po’ della loro eredità (anche, ma non solo, genetica). Al tempo stesso i nonni sono quelle creature piene di saggezza che sanno essere una guida per i nipoti. Ma non è sempre così. Esistono anche brutte persone sul nostro pianeta, e molto spesso sono proprio dei nonni! Qui abbiamo raccolto delle storie di nonni che si sono comportati molto, ma molto male con il prossimo, e che probabilmente meriterebbero un posticino in carcere!

    La nonna che massacra i gatti per punire i nipoti

    La 71enne Josephine E. Bell ha deciso di punire in maniera esemplare i suoi nipoti che non avevano messo in ordine la loro stanza. Per questo motivo ha preso la gatta di famiglia e l’ha presa a martellate insieme ai suoi quattro micini, gettati chissà dove. Una delle nipoti della donna ha trovato il povero gatto nel freezer e ha allertato la polizia. I corpi dei gattini non sono mai stati ritrovati. Giunti sul posto gli agenti hanno stabilito che la donna ha ucciso gli animali dopo aver più volte minacciato i nipoti di farlo, proprio perché voleva che i ragazzi mettessero a posto la loro camera. La donna è stata arrestata e messa in prigione.

    La nonna che punisce la nipote a morte

    Joyce Hardin Garrard è la nonna che ha fatto morire di fatica la nipotina Savannah Hardin, dopo averla messa in punizione. Nel 2015 un tribunale ha deciso per la donna – che vive in Alabama – il carcere a vita. Nel 2012 aveva deciso di dare una lezione alla nipote di nove anni che aveva mentito sulla quantità di dolci mangiati. ”Fai il giro del palazzo correndo e non fermarti”, le aveva tuonato contro, riprendendola se accennava a rallentare. Alcuni testimoni hanno infatti raccontato di aver assistito alla scena: la nonna ha costretto la piccola a reggere dei bastoni e a correre senza sosta. Dopo due ore Savannah è collassata al suolo per poi morire tre giorni dopo in ospedale.

    Il nonno che forza i nipoti a fare un’escursione

    Andare a fare una passeggiata con il nonno mirando una zona panoramica può essere un’esperienza molto gratificante per i bambini di ogni età, a meno che il nonno in questione sia Christopher Alan Carlson. In questo caso, si potrebbe voler evitare una gita in famiglia all’aperto. Carlson ha pensato che i suoi tre nipoti (età 8, 9 e 12 anni), erano troppo grassi e li ha condotti in una passeggiata attraverso il Grand Canyon per aiutarli a perdere qualche chilo. L’escursione però si è trasformata in una sorta di marcia della morte. Il 28 agosto 2012 i ragazzi sono stati costretti a camminare e correre per 19 chilometri. Era stata una giornata calda. Uno dei ragazzi cadde a terra scosso da crampi da disidratazione. Per fortuna, un ranger del parco li vide e intervenne. Carlson è stato accusato di abusi sui minori. In tribunale, i suoi tre nipoti hanno testimoniato contro di lui ed è stato condannato a 27 mesi di prigione.

    Il nonno che non riconosce sua nipote

    Nell’ottobre 2013, un nonno del Kent, in Inghilterra, si è recato a scuola della nipote di sei anni, per prenderla e portarla dal medico. Tutto è andato liscio fino al loro rientro a casa. Qui la bimba ha mostrato ai suoi genitori il paracetamolo liquido che il medico le aveva prescritto. Il problema però era un altro, ovvero il nonno aveva preso da scuola la bambina sbagliata, che si chiamava esattamente come sua nipote, e non si era accorto che la giovane non faceva parte della sua famiglia. Nella classe elementare, infatti, c’era un caso di omonimia. Anche la scuola ha cambiato le procedure dei controlli dopo l’episodio.

    Il nonno che rapisce suo nipote appena nato per venderlo su Facebook

    Nel 2013 in Punjab, India, la figlia di Feroz Khan ha dato alla luce un bimbo. Kahn le aveva detto che il bambino era nato morto, ma in realtà lo ha venduto per circa 830 dollari a un infermiere, che poi a sua volta lo ha rivenduto ad un assistente di laboratorio per 5500 dollari. Il bambino è statao poi piazzato su Facebook ed è stato venduto a un imprenditore che ha pagato 15mila dollari. La polizia, allertata, ha proceduto all’arresto di cinque persone, tra cui il nonno del bambino, e al recupero del piccolo dalla casa dell’imprenditore.

    Il nonno che fuma spinelli con i nipoti

    E’ bello fare le cose insieme in famiglia. Tuttavia, fumare erba coi nipoti non rientra tra le cose da fare per forza! Il 5 dicembre 2013, il 54enne Don Baker si trovava con sua figlia 17enne, Jessica Kelsey, il di lei marito, George (18 anni), e i suoi nipoti. Erano nel loro appartamento di Chautauqua County. Ad un certo punto, Baker ha confezionato una canna per suo nipote di 23 mesi, l’ha accesa e ha incoraggiato il bambino a fumare. Baker e Kelsey sono stati arrestati e accusati in secondo grado di comportamento irresponsabile e di avere messo in pericolo il benessere deò bambino. Il bambino e suo fratello sono stati affidati ai servizi sociali.

    Il nonno che guida ubriaco col nipote al fianco

    Fred Campbell stava guidando ubriaco tenendo una birra in mano e la sua nipote di due anni sulle ginocchia. Aveva già consumato almeno ‘sei o sette birre’. Quando Campbell fu fermato dalla polizia, scese dalla macchina con il bambino in braccio. Venne eseguito l’alcol test. Campbell aveva una volta e mezzo il limite legale in Tennessee. Fu arrestato e dichiarato colpevole di comportamento irresponsabile. Fu condannato a un anno di reclusione.

    Il nonno che abbandona il nipote per un burrito

    Il 3 gennaio 2014, intorno alle 22:00, Frank Moreno uscì per andare a mangiare un boccone a tarda notte. Prese suo nipote di due anni e lo mise nel passeggino, poi si avviò verso un fast food locale, aperto anche di notte. Circa un’ora più tardi, uno skateboarder che passava sulla strada trovò il bambino che dormiva nel suo passeggino nell’area del Chula Vista di San Diego, e allertò la polizia. La famiglia, nel frattempo, stava conducendo la propria ricerca di Moreno e del bambino. Verso l’01:00 di notte lo trovarono mentre stava mangiando un burrito, e sembrava un po’ ubriaco. La madre del bimbo ha chiamato la polizia in preda al panico, ma gli agenti per fortuna avevano già trovato il bambino. Moreno è stato arrestato con l’accusa di abbandono di minore e ubriachezza.

    Il nonno che perde il nipote mentre si ubriaca con gli amici

    Devi tenere un occhio su bambini in ogni momento, anche durante il sonno. L’8 settembre 2014 il nonno Chauncey Lewis di Jeffersonville, Indiana, ha imparato una lezione importante. Lui e sua moglie stavano accudendo loro nipote di tre anni. Ad un certo punto, la nonna durante il pomeriggio è uscita, e ha detto a Chauncey di controllare il bambino, che in quel momento stava dormendo in soggiorno. L’uomo però è uscito per bere con i suoi amici. Al suo ritorno trovò la casa aperta, ma ancora non si allarmò circa la sorte di suo nipote. Il bambino era infatti uscito da solo di casa, e si era messo a vagare per circa due miglia. La polizia ha rintracciato la casa del bimbo e presto ha trovato Lewis ubriaco, che stava davanti a casa sua con due amici. Chauncey è stato immediatamente arrestato per abbandono.

    Il nonno che picchia i nipoti dopo uno scherzo

    Newton Baldwin di Henrico, Virginia, non apprezza gli scherzi, o forse non gli piacciono prima che si sia alzato dal letto al mattino. O forse non gli piace il burro di arachidi. Ad ogni modo, quando si svegliò la mattina del 13 febbraio 2011, era talmente arrabbiato da prendere tutti a schiaffi, dopo aver capito di avere la bocca piena di burro di arachidi. I suoi nipoti di 13, 9 e 7 anni, avevano pensato che sarebbe stato divertente. Ma invece Baldwin reagì male e colpì sia i bambini che la moglie. Anche se nessuno è stato gravemente ferito, Baldwin è stato arrestato.

    Il nonno che tenta di contrabbandare la droga in carcere

    Richard Heritz, 85 anni, ha cercato di contrabbandare 22 grammi di marijuana all’interno del Warren Correctional Institution a Lebanon, Ohio, mentre era in visita al nipote carcerato per una condanna dovuta a un furto con scasso. Richard è stato arrestato. Se giudicato colpevole, rischia fino a sette anni di carcere e una multa 15.000 dollari.