La ragazza che vive su un treno per risparmiare i soldi dell’affitto

da , il

    La ragazza che vive su un treno per risparmiare i soldi dell’affitto

    Leonie Müller è una ragazza tedesca che vive su un treno. No, non ha perso una scommessa, e non sta svolgendo un esperimento sociale: semplicemente ha deciso di risparmiare sull’affitto di un appartamento pagando un abbonamento al treno, e vivendo nelle carrozze tra i passeggeri occupati nei loro viaggi. La sua esperienza è stata trattata e divulgata dal Washington Post, e lei sul web aggiorna periodicamente i suoi seguaci grazie ai social network, dove posta immagini e riflessioni quotidiane.

    Tutto è iniziato con alcune discussioni che ho avuto con il mio padrone di casa. Ho deciso che non avrei più voluto vivere lì. In verità, non volevo più vivere da nessuna parte”, racconta la ragazza ventitreenne, ed è allora che ha deciso di pagare 380 euro per un abbonamento mensile al treno, al posto dei 450 euro dell’affitto, mettere tutte le sue cose in uno zaino e andare alla scoperta della vita sui treni. Certo, il risparmio non è tantissimo, non si arriva nemmeno a cento euro al mese, ma le esperienze che la giovane sta vivendo la rendono felice e soddisfatta.

    Leggo, scrivo, guardo fuori e incontro sempre persone gentili. Ci sono un sacco di cose da fare in treno”, racconta la studentessa che sopo il successo delle sue foto su Instagram ha aperto anche un blog dove aggiorna i suoi seguaci.

    Chiaramente il suo titolo di viaggio è regolare, quindi nessuno può contestarle la presenza sui convogli. Sembra strano l’idea si vivere sui vagoni idi un treno, ma è proprio così! Intervistata di recente ha dichiarato: ”Voglio che le altre persone prendano ispirazione da questa mia decisione e inizino a farsi domande su ciò che giudicano normale. Non c’è mai una sola strada da prendere, ma sempre diverse. La prossima avventura magari ti sta aspettando ed è proprio dietro l’angolo. Assicurati solo che tu voglia davvero provarla”. Come darle torto?

    Foto da Tyatravel/Facebook