Cubo di Rubik: curiosità sul rompicapo matematico

Scopriamo aneddoti e curiosità che riguardano questo oggetto di culto celebrato da appassionati ed esperti in tutto il mondo.

da , il

    Intere generazioni sono cresciute con in mano il cubo di Rubik, il puzzle tridimensionale nato in Ungheria e divenuto famoso in tutto il mondo dopo essere stato messo in commercio verso la fine degli anni ’70. Scopriamo alcuni aneddoti e curiosità che riguardano proprio questo oggetto di culto celebrato da appassionati ed esperti che hanno dato vita, nel corso degli anni, a eventi dedicati al rompicapo, a gare e competizioni di abilità, e ovviamente a tutto un filone di collezionismo dedicato proprio al Rubik’s Cube

    Quando è nato?

    Nel 1974, un giovane professore di architettura a Budapest Ernő Rubik, crea un cubo magico a scopi didattici che viene all’inizio usato solo tra i matematici ungheresi, interessati a risolvere problemi statistici e teorici.

    A cosa serviva?

    Questo cubo magico non era altro che un modello di lavoro per aiutare a spiegare la geometria tridimensionale. Era leggermente diverso da quello che conosciamo oggi: era di legno, con gli angoli smussati e senza colori. Il primo esemplare fu venduto in un negozio di giocattoli a Budapest nel 1975.

    Il Magic Cube

    Dopo alcune modifiche, nel 1977 Rubik brevetta il cubo come lo conosciamo noi battezzandolo Magic Cube e parte la distribuzione nei negozi. Nel 1980 la Ideal Toys Company lo esporta con il nome Rubik’s Cube, cubo di Rubik.

    Record di vendite

    Più di 350 milioni di cubi di Rubik sono stati venduti in tutto il mondo – il che lo rende il giocattolo più venduto di tutti i tempi.

    Lo scopo del gioco

    Con sei facce colorate composte da nove quadrati per un totale di 54 superfici quadrate, il cubo di Rubik ha 43.252.003.274.489.856.000 possibili combinazioni, di cui una sola è corretta. Lo scopo del gioco è di risalire alla posizione originale dei cubetti in modo che ogni faccia abbia un colore uguale.

    Le versioni

    Tra edizioni ufficiali e non ufficiali, i cubi di Rubik vanno dalla versione 2x2x2 fino alla 17x17x17.

    Il Cubo di Rubik più prezioso

    Nel 1995 la Diamond Cutters Int. creò il ‘Masterpiece Cube’, un esemplare di cubo in oro 18 carati e pietre preziose come rubini, smeraldi, ametiste valutato 1.5m dollari.

    Il cubo di Rubik più piccolo

    Il designer Evgeniy Grigoriev è il realizzatore del più piccolo esemplare di Cubo di Rubik perfettamente funzionante. Lo ha creato grazie a una stampante 3d, è un 3x3x3 e misura solo un centimetro di lato.

    Le competizioni

    Esistono gare e competizioni ufficiali e non ufficiali in cui i migliori risolutori del rompicapo matematico si sfidano per guadagnare il record del mondo di velocità. Gli eventi organizzati dalla World Cube Association sono considerati i più autorevoli e dunque vengono presi come validi i tempi segnati durante queste competizioni.

    Sfoglia la gallery con i Cubi di Rubik più strani al mondo

    Un clic sull’immagine per aprire la gallery.