Vive in povertà ma lascia un’eredità milionaria alla biblioteca

Vive in povertà ma lascia un’eredità milionaria alla biblioteca
da in Buone notizie, Curiosità, Gente strana, Stati Uniti d'America, Testamento
Ultimo aggiornamento:
    Vive in povertà ma lascia un’eredità milionaria alla biblioteca

    Un uomo che ha vissuto tutta la sua esistenza in maniera piuttosto frugale ha sorpreso tutti i suoi concittadini, che lo hanno sempre creduto povero e indigente. Invece, dopo la sua morte, si è scoperto che l’uomo aveva tanti soldi, era ricco, anzi ricchissimo. All’apertura del suo testamento si è scoperto che ha lasciato la sua eredità milionaria alla biblioteca cittadina, e all’ospedale in cui è stato ricoverato durante i suoi ultimi giorni su questa terra. Con buona pace dei parenti e amici che credevano fosse senza soldi.

    I suoi concittadini di Brattleboro, Vermont, Stati Uniti d’America, avevano pensato che fosse povero. Per questo motivo gli offrivano i pasti e gli abiti per permettersi di coprirsi dal freddo.

    Ronald Read però, che fu veterano della seconda guerra mondiale, di soldi ne aveva, e pure tanti. Il punto è che non voleva servirsene. In genere cercava di risparmiare, ad esempio andava raccogliendo legna per il camino, e usava da anni lo stesso cappotto consumato, chiuso con degli spilloni. Inoltre, quando si muoveva in città con la sua auto, faceva molto attenzione a non pagare il parcheggio, preferendo strade periferiche.

    Quando è morto all’età di 92 anni, la sua eredità di circa otto milioni di dollari è stata divisa. Una parte è stata impiegata per piccole donazioni ad amici e parenti. mentre la parte più consistente è stata ulteriormente divisa in due: un gruzzolo da un milione e 200 mila dollari è andato alla Brooks Memorial Library, la biblioteca comunale, dove l’umo passava i pomeriggi a leggere libri. L’altra somma (4 milioni di dollari) è stata consegnata all’ospedale dove è stato ricoverato nelle ultime settimane di vita, il Brattleboro Memorial Hospital.

    312

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Buone notizieCuriositàGente stranaStati Uniti d'AmericaTestamento

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI