NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Addii al celibato (e al nubilato) finiti molto male

Addii al celibato (e al nubilato) finiti molto male
da in Arresti, Curiosità, Feste, Marijuana, Matrimonio
Ultimo aggiornamento: Lunedì 20/10/2014 15:30

    Ci sono casi in cui le feste degli addio al celibato, o al nubilato (nel caso di feste per ‘solo donne’) non vanno proprio nella maniera in cui vorrebbero gli organizzatori. Prima di un matrimonio, anche in Italia è consuetudine che il testimone dello sposo organizzi l’addio al celibato, una festa che vede presenti tutti gli amici più intimi del futuro sposo. Questo accade per salutare definitivamente la condizione di scapolo in favore di quella di uomo sposato. Questa tradizione, negli anni ’60, dopo la rivoluzione sessuale del periodo, fu estesa anche alle ragazze, per cui ai giorni d’oggi si festeggia pure l’addio al nubilato, ovviamente il criterio è lo stesso, solo che le protagoniste sono le donne. Qui abbiamo selezionato una raccolta di casi in cui un giorno speciale come l’addio al celibato (o al nubilato), ha finito per trasformarsi in un giorno davvero indimenticabile, ma non certo per l’ottima riuscita della festa!

    Ottobre 2014. Fa sesso con un nano all’addio al nubilato e le nasce un figlio affetto da nanismo. Molti giornali titolavano proprio così la notizia incredibile proveniente da Valencia, in Spagna. A gennaio, prima di sposarsi, una giovane coppia innamorata decide di festeggiare, ognuno con i propri amici di sempre, l’addio alla condizione di single. Fino a qui, niente di strano, ma dopo il matrimonio, con la nascita di un figlio, la coppia ha vissuto una specie di incubo. Infatti è venuto alla luce un bambino affetto da nanismo: e la donna si è vista così costretta a confessare al marito il tradimento, avvenuto proprio durante la festa dell’addio al nubilato: ‘Ho fatto sesso con uno stripper nano‘, avrebbe infine ammesso la donna.

    Ottobre 2014. All’insegna della trasgressione, una festa al celibato organizzata ad Alatri, ha avuto un risvolto poco felice. La futura sposa ha deciso di lasciare il fidanzato e di tornare a casa dei genitori. Ma cosa è accaduto? La coppia era consolidata, i due avevano già figli e vivevano insieme da tempo. Volevano però fare un matrimonio classico, ma il consueto addio al celibato è diventato motivo di rottura. Colpa della ragazza ingaggiata per lo spettacolo? Gli amici hanno parlato di un semplice ballo sensuale, ma la sposa avrebbe ascoltato una versione dei fatti a seguito della quale avrebbe mandato tutto all’aria, ritenendo inaccettabile il comportamento del suo futuro marito. Cosa sarà mai successo?

    Aprile 2013. Volendo festeggiare in maniera davvero particolare l’addio al celibato di un amico trentenne, un gruppo di bergamaschi ha affittato un locale sul lago di Garda, nel bresciano. In sedici sono saliti su un pulmino affittato, in modo da raggiungere insieme la destinazione. Qui il festeggiato ha tirato fuori una torta alla marijuana. Ma non era stato calcolato che gli effetti di una torta alla marijuana sono molto diversi e certamente più potenti dello sballo da fumo. Vedendoli stare male, i titolari del locale hanno chiamato il 118 e i carabinieri. Tre persone sono state ricoverate e altre quattro sono state portate nelle celle di sicurezza, compreso il festeggiato. L’accusa è detenzione ai fine di spaccio di sostanza stupefacente e lesioni come conseguenza di altro delitto.

    Luglio 2012, Montesilvano. Per l’ultima notte prima delle nozze, la festa con spogliarello al night deve essere sembrata una buona idea agli amici che hanno organizzato l’addio al celibato per il loro amico. Ma non avevano calcolato il blitz dei carabinieri di Montesilvano che avevano in mente di controllare il night della città adriatica proprio la sera della festa. I militari dell’Arma hano sequestrato il locale, denunciato il responsabile e interrotto il party. A parte i problemi relativi a licenze e personale del locale, i militari hanno notato l’esibizione della giovane in perizoma, assoldata per l’addio al celibato. Lo spogliarello e la danza sexy della avvenente mora alta un metro e 80, è bastato ai carabinieri per configurare la fattispecie della prostituzione e il reato di tolleranza, favoreggiamento e sfruttamento alla prostituzione. Questo perchè la donna utilizzava una banana semi-sbucciata per mimare un atto sessuale orale.

    Settembre 2009. La festa di addio al celibato degenera e si trasforma in orgia, così la ballerina resta incinta e in otto sono costretti a fare il test di paternità. La vicenda è accaduta in Gran Bretagna. La notizia, riportata all’epoca sul tabloid inglese The Mirror, scatenò un vero e proprio scandalo in Inghilterra. La festa, durata alcuni giorni, si è svolta in trasferta a Merseburg, Germania. Per la serata clou era stata contattata una ballerina-spogliarellista, la ventenne Mandy Moeller. Tutto si è svolto come da copione, ma lo show non è finito con lo spogliarello perchè la ventenne si è ritrovata a letto con tutti i partecipanti alla festa. La Moeller ha spiegato: ‘Dovevo solo ballare, ma mi sono lasciata andare. Era come stare sulla linea di montaggio alla Ford‘. La donna però è rimasta incinta, e il tribunale ha provveduto a un’ingiunzione che ha obbligato i potenziali padri a sottoporsi al test del DNA. Secondo la legge tedesca, infatti, il padre biologico della bimba è costretto a pagare gli alimenti per il suo sostegno.

    1126

    PIÙ POPOLARI