World Press Photo Awards 2017 (Foto)

1 di 52
    continua
    http://www.nanopress.it/cultura/foto/world-press-photo-awards-2017_8541.html
    La foto dell'anno
    La foto dell'anno. È del fotografo Burhan Ozbilici la foto dell'anno 2017. Lo scatto è stato premiato nella 60esima edizione del World press photo 2017, il più prestigioso premio fotogiornalistico. La giuria, presieduta dal fotografo della Magnum Stuart Franklin, ha vagliato 80.408 foto, scattate da 5.034 fotografi da 125 paesi. Il premio è andato al turco Burhan Ozbilici dell'Associated Press per l'immagine scattata ad Ankara il 19 dicembre 2016, e coglie il momento in cui Mevlut Mert Altıntas rivendica l'assassinio dell'ambasciatore russo Andrey Karlov in Turchia, durante l'inaugurazione in una galleria d’arte. "È stato molto difficile ma alla fine la foto dell’anno doveva essere un'immagine esplosiva che rappresentasse veramente il clima di odio che si respira nella nostra epoca", ha spiegato la giurata e fotografa Mary F. Calvert.

    La foto dell'anno

    È del fotografo Burhan Ozbilici la foto dell'anno 2017. Lo scatto è stato premiato nella 60esima edizione del World press photo 2017, il più prestigioso premio fotogiornalistico. La giuria, presieduta dal fotografo della Magnum Stuart Franklin, ha vagliato 80.408 foto, scattate da 5.034 fotografi da 125 paesi. Il premio è andato al turco Burhan Ozbilici dell'Associated Press per l'immagine scattata ad Ankara il 19 dicembre 2016, e coglie il momento in cui Mevlut Mert Altıntas rivendica l'assassinio dell'ambasciatore russo Andrey Karlov in Turchia, durante l'inaugurazione in una galleria d’arte. "È stato molto difficile ma alla fine la foto dell’anno doveva essere un'immagine esplosiva che rappresentasse veramente il clima di odio che si respira nella nostra epoca", ha spiegato la giurata e fotografa Mary F. Calvert.

    Iraq

    Iraq

    Le fiamme che salgono dai pozzi petroliferi a Basra, in Iraq, fotografate nel gennaio 2017.

    Ieshia Evans

    Ieshia Evans

    L'immagine simbolo delle proteste di Baton Rouge, Louisiana, nell'ambito delle manifestazioni del movimento Black Lives Matter ritrae l'attivista Ieshia Evans ferma davanti ai poliziotti.

    No Dapl

    No Dapl

    I manifestanti No Dapl presso il campo Standing Rock Sioux. Nativi americani di tutte le tribù e attivisti protestano da mesi contro la realizzazione della Dakota Access Pipeline, prevista attraverso territori sacri ai Sioux e col rischio di inquinare le acque. Il provvedimento di revoca, firmato da Barack Obama è stato ripristinato da Donald Trump, tra gli investitori della Energy Transfer Partner, società che dovrebbe costruire la Dapl.

    Usain Bolt

    Usain Bolt

    Il velocista giamaicano sorride ai fotografi mentre va a vincere la semifinale dei 100 metri alle Olimpiadi di Rio.

    Funerali di Castro

    Funerali di Castro

    Membri dell'Ejercito Juvenil del Trabajo aspettano lungo la strada per Santiago de Cuba il passaggio della bara di Fidel Castro il 3 dicembre 2016. La morte del Lìder Maximo è stata celebrata con nove giorni di lutto sull'Isla Grande.

    Scontri tra No Dapl e polizia

    Scontri tra No Dapl e polizia

    Scontri tra i manifestanti No Dapl a Cannon Ball, North Dakota, e la polizia. Gli agenti hanno usato proiettili di gomma, spray urticanti e idranti per fermare le manifestazioni: centinaia i fermati.

    Addio a Fidel

    Addio a Fidel

    Il passaggio del carro funebre con la bara di Fidel Castro a Santa Clara.

    L'Avana

    L'Avana

    Un barbiere a l'Avana vecchia riapre i battenti dopo i nove giorni di lutto per Fidel Castro.

    Il treno degli Uiguri

    Il treno degli Uiguri

    Una donna uigura porta dei soldi nelle calze come è loro usanza. Gli uiguri sono una minoranza cinese di religione musulmana ma non aderiscono al codice di abbigliamento conservatore tipico dei paesi arabi. La foto è stata scattata sul treno che parte da Kashgar.

    Virus Zika

    Virus Zika

    L'oftalmologa Liana Ventura visita Alice, di 11 mesi, nata con la sindrome da microcefalia dovuta al virus Zika.

    Piccole ginnaste

    Piccole ginnaste

    Lo scatto ritrae gli allenamenti di quattro studentesse alla scuola di ginnastica di Xuzhou, Cina.

    La Pietà afgana

    La Pietà afgana

    Una mamma piange mentre tiene in braccio il figlio ferito negli scontri che stanno insanguinando ancora l'Afghanistan. La foto è stata scattata nell'ospedale di Kabul.

    San Paolo

    San Paolo

    Adriana Cordeiro Soares, 30, fa il bagnetto al figlio Joao Miguel, 3 mesi, nato con microcefalia causata dal virus Zika, a San Paolo, Brasile.

    Virus Zika in Brasile

    Virus Zika in Brasile

    Heloa, sette mesi, prende il latte dal biberon dalla nonna nella casa di famiglia ad Areia, Brasile. Come lei, anche la sorella Heloisa è nata con microcefalia causata dal virus Zika.

    La piaga del virus Zika

    La piaga del virus Zika

    Marcela (2 anni) guarda le sorelle in braccio alla madre nella casa di famiglia ad Areia, Brasile. Le due piccole, gememell, sono affette da microcefalia causata dal virus Zika.

    Il teepee dell'Unità

    Il teepee dell'Unità

    Jesse Jaso, 12 anni, entra nel Teepee dell'Unità presso il Sacred Stone Camp vicino Cannonball, Nord Dakota. Le proteste contro la Dapl hanno riunito tutti i popoli nativi contro il progetto.

    Il dramma delle donne rifugiate

    Il dramma delle donne rifugiate

    Due donne nigeriane rifugiate piangono e si abbracciano nel centro di detenzione per rifugiati a Surman, in Libia, il 17 agosto 2016. Il centro ospita centinaia di donne in condizioni precarie, dopo aver subìto violenze nei loro viaggi verso il Mediterraneo.

    La rotta dei Balcani

    La rotta dei Balcani

    Una donna viene aiutata a passare un fiume al confine con la Macedonia, lungo la rotta dei Balcani il 14 marzo 2016.

    Scontri nelle terre Sioux

    Scontri nelle terre Sioux

    Un uomo viene medicato dopo gli scontri con la polizia che ha usato spray al peperoncino contro i manifestanti No Dapl il 20 novembre 2016. Molte persone sono state gravemente ferite dai cannoni d'acqua sparati a temperature polari.

    La lotta alla droga di Duterte

    La lotta alla droga di Duterte

    Una bimba di sei anni piange sul corpo del padre ucciso nel corso della campagna contro la droga lanciata dal presidente delle Filippine.

    Le carceri nelle Filippine

    Le carceri nelle Filippine

    La foto scattata nel carcere di Quezon City Jail, una delle prigioni più sovraffollate del paese dopo il piano anti droga di Duterte.

    La tragedia del Mediterraneo

    La tragedia del Mediterraneo

    Una bambina di 11 anni, proveniente dalla Nigeria, piange la madre morta nella traversata accanto al fratello, a bordo di una nave di un'Ong che li ha salvati.

    La benedizione

    La benedizione

    Un prete ortodosso benedice l'acqua di un pozzo.

    Matrimonio ortodosso

    Matrimonio ortodosso

    Per accedere al sacerdozio nella religione ortodossa prima è necessario diventare monaco o sposarsi: nella foto Vladimir sposa Vittoria.

    Contro Daesh

    Contro Daesh

    Le operazioni delle forze per le operazioni speciali nelle case di Gogjali, un quartiere di Mosul, alla ricerca di membri di Daesh, il 2 novembre, 2016.

    Vita incontaminata

    Vita incontaminata

    La vita non è cambiata molto negli ultimi secoli per le popolazioni che vivono in mezzo alla natura incontaminata, come avviene nelle terre della Siberia.

    Popoli di cacciatori

    Popoli di cacciatori

    La lotta contro il freddo lungo il fiume Nizhnyaya Tunguska in Siberia.

    Comunità protetta

    Comunità protetta

    Due piccole studentesse si riposano tra una lezione e l'altra presso la comunità appartata e silenziosa chiamata "Isola della Salvezza", tra Mosca e Yaroslavl. Fondata nei primi anni 1990 da un prete ortodosso, si tratta di un centro spirituale, educativo e culturale unico che ospita attualmente 300 ragazzi e ragazze, molti emarginati sociali.

    World Press Photo Awards 2017

    World Press Photo Awards 2017

    Un'immagine del villaggio russo premiata dal World Press Photo Awards 2017.

    Cuba piange Castro

    Cuba piange Castro

    Un camion porta gli studenti a casa dopo aver assistito al passaggio del feretro di Castro a Cuba.

    Passato e presente

    Passato e presente

    La società moderna penetra il modo di vivere anche delle comunità più remote.

    Contro gli orsi

    Contro gli orsi

    La pelle dell'orso viene messa in bella vista davanti a questa casa russa: la coppia ha ucciso l'animale che aveva attaccato i cani di famiglia.

    Guerra in Ucraina

    Guerra in Ucraina

    Il funerale di Vanya Ermilov (7 anni), rimasto ucciso durante gli scontri nei pressi di Luhanskaya, in Ucraina.

    La situazione in Ucraina

    La situazione in Ucraina

    Un bimbo dorme in una scuola abbandonata in Ucraina. Molte persone, costrette a vivere di giorno nelle zone degli scontri, di notte cercano riparo anche sotto terra.

    Civili vittime in Ucraina

    Civili vittime in Ucraina

    Civili scappano dalla loro casa in fiamme dopo un attacco aereo nel villaggio di Luhanskaya, in Ucraina.

    Funerale in Ucraina

    Funerale in Ucraina

    Il funerale di Vladimir Tcymbalist nel villaggio di Chernukhino in Ucraina.

    Civili sotto attacco

    Civili sotto attacco

    Civili sotto attacco nel villaggio di Luhanskaya, in Ucraina.

    Il conflitto in Ucraina

    Il conflitto in Ucraina

    Un uomo annaffia un fiore per le strade di Spartak. Sono i civili le vittime del conflitto nella regione di Donbass iniziato nel 2014 tra la repubblica autoproclamate e le autorità ufficiali ucraine.

    Ucraina

    Ucraina

    Il dramma del conflitto ucraino in uno scatto che ha vinto il World Press Photo Awards 2017.

    Isis in Libia

    Isis in Libia

    Un soldato delle forze libiche affiliate al governo di Tripoli porta in braccio un compagno gravemente ferito pochi secondi prima da una trappola collocata dai combattenti ISIS il 14 luglio 2016.

    I danni della guerra

    I danni della guerra

    Un uomo controlla i danni ai palazzi nel quartiere di Mirny a Luhansk.

    Combattimenti in Libia

    Combattimenti in Libia

    Combattenti delle forze libiche affiliati al governo di Tripoli intorno al gigantesco lampadario della sala conferenze del centro congressi Ouagadougou.

    Guerra in Libia

    Guerra in Libia

    Una donna con il figlio piccolo, forse familiari di un combattente del'Isis, vengono portati via dalla zona dei combattimenti nel quartiere di Al Jiza dalle forze libiche affiliate al governo di Tripoli.

    Gli orrori dell'Isis in Iraq

    Gli orrori dell'Isis in Iraq

    Un corpo in via di decomposizione ritrovato in una fossa comune scoperta alla periferia di Hamam al-Alil, in Iraq: i combattenti anti Isis hanno scoperto molte fosse comuni nei territori liberati da Daesh.

    Linciaggio

    Linciaggio

    Poco dopo essersi arreso, un combattente ISIS è trascinato vai dai combattenti libici affiliati al governo di Tripoli, mentre gli altri soldati gridano e minacciano di linciarlo il 5 dicembre 2016.

    La violenza nelle Filippine

    La violenza nelle Filippine

    Il corpo di Edwin Mendoza Alon-Alon (36 anni) viene portato via dopo lo scontro a fuoco avvenuto per strada a Manila.

    In fuga dall'Isis

    In fuga dall'Isis

    Una famiglia fugge da Mosul durante la battaglia tra esercito e Isis.

    La guerra contro l'Isis

    La guerra contro l'Isis

    Un bambino tiene stretto a sé il corpo del padre, ucciso dallo Stato Islamico, al suo arrivo in un ospedale da campo alla periferia di Mosul, Iraq.

    In fuga

    In fuga

    Una famiglia in fuga da Mosul; sullo sfondo i giacimenti di petrolio di Qayyara in fiamme.

    Carceri affollate a Manila

    Carceri affollate a Manila

    Il sovraffollamento delle carceri nelle Filippine è dovuto alla politica anti droga del presidente Duterte.

    La guerra di Duterte

    La guerra di Duterte

    La pioggia cade sul corpo di Romeo Joel Torres Fontanilla, 37 anni, ucciso in uno scontro in strada a Manila.