Opere d'arte andate perdute (Foto)

1 di 20
    continua
    http://www.nanopress.it/cultura/foto/opere-darte-andate-perdute_1955.html
    I capolavori dell'arte che non potremo mai più ammirare
    I capolavori dell'arte che non potremo mai più ammirare. Sono tanti i capolavori dell'arte che non potremo mai più ammirare: scomparse, trafugate o distrutte per cause naturali o per mano dell'uomo, molte opere che hanno fatto la storia dell'arte e della cultura mondiale sono andate irrimediabilmente perse. Ma quand'è che un'opera si definisce perduta? Quando fonti storiche e documentate ne attestano l'esistenza passata, dopo averne comprovato la distruzione. Da Michelangelo a Picasso, passando per Monet e Van Gogh, ecco una carrellata di opere d'arte che non avremo più modo di ammirare, se non in foto o attraverso qualche ricostruzione o copia. Iniziamo da una delle opere più maestose mai realizzate nel campo dell'arte, una delle sette meraviglie del mondo antico: il Colosso di Rodi. L'imponente statua di bronzo fu eretta dai rodiesi in onore del dio Helios, dopo la vittoria contro il re di Macedonia. Rimase 'a guardia' dell'isola per circa cinquant'anni, fino a che, a causa di un terremoto, crollò rovinosamente in mare.

    I capolavori dell'arte che non potremo mai più ammirare

    Sono tanti i capolavori dell'arte che non potremo mai più ammirare: scomparse, trafugate o distrutte per cause naturali o per mano dell'uomo, molte opere che hanno fatto la storia dell'arte e della cultura mondiale sono andate irrimediabilmente perse. Ma quand'è che un'opera si definisce perduta? Quando fonti storiche e documentate ne attestano l'esistenza passata, dopo averne comprovato la distruzione. Da Michelangelo a Picasso, passando per Monet e Van Gogh, ecco una carrellata di opere d'arte che non avremo più modo di ammirare, se non in foto o attraverso qualche ricostruzione o copia. Iniziamo da una delle opere più maestose mai realizzate nel campo dell'arte, una delle sette meraviglie del mondo antico: il Colosso di Rodi. L'imponente statua di bronzo fu eretta dai rodiesi in onore del dio Helios, dopo la vittoria contro il re di Macedonia. Rimase 'a guardia' dell'isola per circa cinquant'anni, fino a che, a causa di un terremoto, crollò rovinosamente in mare.

    Entrata  del porto di Mandraki, Rodi

    Entrata del porto di Mandraki, Rodi

    Sulle due colonne poste alle estremità dell'accesso al porto, secondo la tradizione, poggiava l'imponente Colosso di Rodi.

    The Painter, di Pablo Picasso

    The Painter, di Pablo Picasso

    Il dipinto andò perduto in seguito ad un incidente aereo nel settembre del 1998.

    Schubert al piano, di Gustav Klimt

    Schubert al piano, di Gustav Klimt

    Il dipinto, risalente al 1899, fu distrutto dai nazisti durante un incendio nel 1945.

    Lost waterlilies (Ninfee), di Claude Monet

    Lost waterlilies (Ninfee), di Claude Monet

    Anche quest'opera andò persa a causa di un incendio.

    Ritratto di Wiston Churchill, di Graham Sutherland

    Ritratto di Wiston Churchill, di Graham Sutherland

    Il dipinto, che non piacque affatto allo statista britannico, fu distrutto dalla moglie subito dopo la sua morte.

    Leda e il cigno, di Michelangelo

    Leda e il cigno, di Michelangelo

    Semplicemente scomparso.

    Uno dei pezzi che componeva il Panorama del Mississippi, di John Banvard

    Uno dei pezzi che componeva il Panorama del Mississippi, di John Banvard

    The Painter on His Way to Work, di Vincent Van Gogh

    The Painter on His Way to Work, di Vincent Van Gogh

    Anche questo straordinario dipinto fu distrutto da un incendio.

    Primavera, di Antoine Watteau

    Primavera, di Antoine Watteau

    Ennesimo dipinto distrutto da un incendio.

    Il concerto, di Johannes Vermeer

    Il concerto, di Johannes Vermeer

    Trafugato all'Isabella Stewart Gardner Museum di Boston, nel 1990.

    Buddha di Barmiyan

    Buddha di Barmiyan

    Le due enormi statue furono scolpite da una setta buddista nelle pareti di roccia della valle di Bamiyan, in Afghanistan, a qualche centinaio di chilometri da Kabul e ad un'altezza di circa 2500 metri. Le imponenti sculture (una alta 38 metri, l'altra 53, e risalenti, rispettivamente, a 1800 e a 1500 anni fa) furono distrutte dai Talebani nel marzo del 2001.

    Testa di Arlecchino, di Pablo Picasso

    Testa di Arlecchino, di Pablo Picasso

    Il dipinto, olio su tela del 1971, è stato rubato al museo Kunsthal di Rotterdam.

    Natività con i santi Francesco e Lorenzo, Caravaggio

    Natività con i santi Francesco e Lorenzo, Caravaggio

    Il dipinto, olio su tela realizzato tra il 1600 e il 1609, fu trafugato la notte tra il 17 ottobre e il 18 ottobre 1969 dall'Oratorio di San Lorenzo a Palermo. Non è stato mai più recuperato.

    La battaglia di Anghiari,

    La battaglia di Anghiari,

    Pittura murale realizzata da Leonardo da Vinci nel 1503, era situata nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze. Lasciato incompiuto e mutilo, il dipinto scomparve (non si sa se sotto il nuovo intonaco o perchè cancellato) dopo che la decorazione del salone fu ripresa dal Vasari. Nella foto, una copia del Rubens, tratta dai cartoni di Leonardo.

    La lettrice in bianco e giallo, di Henri Matisse

    La lettrice in bianco e giallo, di Henri Matisse

    Il quadro, rubato a Rottardam nel 2012, fu bruciato dalla madre di uno dei ladri per salvare il figlio dall'accusa di furto.

    Donna davanti ad una finestra aperta detta La fidanzata,  Paul Gauguin

    Donna davanti ad una finestra aperta detta La fidanzata, Paul Gauguin

    Stessa sorte anche per questo magnifico dipinto realizzato nel 1888 da Gauguin.

    Waterloo Bridge, Claude Monet

    Waterloo Bridge, Claude Monet

    Anche quest'opera fu rubata al museo Kunsthal di Rotterdam e bruciata dalla madre di uno dei ladri.

    Lo spaccatore di pietre, di Gustave Coubert

    Lo spaccatore di pietre, di Gustave Coubert

    Rappresentazione monumentale del lavoro contadino, il capolavoro del pittore realista francese è stato distrutto durante un attacco aereo a Dresda, in Germania, nel 1945.

    Serie Velazquez III, di Francis Bacon

    Serie Velazquez III, di Francis Bacon

    Francis Bacon è stato uno degli artisti più controversi e ammirati di tutto il XX secolo. Oltre ad essere piuttosto incline alla rabbia, Bacon era spesso insoddisfatto del suo lavoro e durante uno scatto d'ira pare abbia distrutto molte delle sue tele, tra le quali alcune della serie dedicata a Velazquez.