I romanzi censurati nella storia (Foto)

1 di 30
    continua
    http://www.nanopress.it/cultura/foto/i-romanzi-censurati-nella-storia_3795.html
    I romanzi censurati nella storia
    I romanzi censurati nella storia. I romanzi censurati nel corso della storia sono stati davvero tanti, molti dei quali diventati poi grandi capolavori della letteratura mondiale. All'atto della pubblicazione, però, molte opere hanno dovuto fare i conti con la severità censoria, a cominciare dal Medioevo, con l'isituzione, da parte della Chiesa, del famigerato Indice dei libri proibiti. Il terribile tribunale sanzionatorio, infatti, portò al rogo non solo le opere contestate perchè lesive della fede, ma molto spesso anche i loro autori. Ma i libri, si sa, sovente fanno discutere e per cause ideologiche, di contenuto o di linguaggio, molti di loro sono finiti sulla lista nera: non solo durante i secoli della repressione ecclesiastica medievale, ma anche nell'era contemporanea e in quei Paesi che vantano la più totale libertà di espressione. Nella fotogalley che segue, alcuni esempi illustri di libri finiti al bando, molti dei quali, un tempo proibiti, ora letture scolastiche o grandi classici della narrativa mondiale.

    I romanzi censurati nella storia

    I romanzi censurati nel corso della storia sono stati davvero tanti, molti dei quali diventati poi grandi capolavori della letteratura mondiale. All'atto della pubblicazione, però, molte opere hanno dovuto fare i conti con la severità censoria, a cominciare dal Medioevo, con l'isituzione, da parte della Chiesa, del famigerato Indice dei libri proibiti. Il terribile tribunale sanzionatorio, infatti, portò al rogo non solo le opere contestate perchè lesive della fede, ma molto spesso anche i loro autori. Ma i libri, si sa, sovente fanno discutere e per cause ideologiche, di contenuto o di linguaggio, molti di loro sono finiti sulla lista nera: non solo durante i secoli della repressione ecclesiastica medievale, ma anche nell'era contemporanea e in quei Paesi che vantano la più totale libertà di espressione. Nella fotogalley che segue, alcuni esempi illustri di libri finiti al bando, molti dei quali, un tempo proibiti, ora letture scolastiche o grandi classici della narrativa mondiale.

    1984, George Orwell

    1984, George Orwell

    Pubblicato nel 1949, fu censurato poichè ritenuto comunista e dal contenuto sessuale troppo esplicito.

    Fahrenheit 451, Ray Bradbury

    Fahrenheit 451, Ray Bradbury

    Romanzo di fantascienza del 1953, venne ripubblicato in versione censurata nel 1967 all'insaputa dell'autore. Questo per omettere le parole 'inferno' e 'maledetto'.

    Ulysses, James Joyce

    Ulysses, James Joyce

    Tra i romanzi più importanti della letteratura del XX secolo, venne pubblicato per la prima volta nel 1922. Negli Stati Uniti, però, rimase nella lista nera dei libri proibiti per ben 15 anni, a causa del contenuto sessuale della storia.

    La fabbrica di cioccolato, Roald Dahl

    La fabbrica di cioccolato, Roald Dahl

    Scritto nel 1964, fu bandito in Colorado poiché il contenuto inneggiava ad una filosofia di vita all'insegna della povertà.

    I viaggi di Gulliver, Jonathan Swift

    I viaggi di Gulliver, Jonathan Swift

    Capolavoro della letteratura inglese settecentesca, fu pubblicato per la prima volta nel 1726 ma ritirato immediatamente dall'editore nel timore che i lettori e le autorità potessero ritenerlo troppo audace. Modificato nella seconda edizione, apparve in versione completa solo nel 1934.

    Pasque di sangue, Ariel Toaff

    Pasque di sangue, Ariel Toaff

    Pubblicato nel 2007, venne poco dopo ritirato dallo stesso autore a causa della forti polemiche suscitate dall'esito della sua ricerca storica. In realtà l'autore fu, nelle sue considerazioni, totalmente frainteso, perciò ripubblicò l'opera apportandovi le dovute precisazioni.

    Il principe, Niccolò Macchiavelli

    Il principe, Niccolò Macchiavelli

    Come molti degli scritti del Macchiavelli anche quest'opera finì nell'Indice dei libri proibiti: questo perchè smontava tutte le dottrine politiche cristiane dei Padri della Chiesa.

    Tropico del cancro, Henry Miller

    Tropico del cancro, Henry Miller

    Pubblicato per la prima volta nel 1934, fu censurato per oscenità e bandito in tutti i Paesi anglosassoni.

    De monarchia, Dante Alighieri

    De monarchia, Dante Alighieri

    Scritto nel 1313, fu messo al rogo nel 1929 con l'accusa di eresia.

    Black beauty, di Anne Sewell

    Black beauty, di Anne Sewell

    Pubblicato nel 1877, fu censurato in Sudafrica a causa della parola 'negro' presente nel titolo.

    Le mille e una notte

    Le mille e una notte

    La celebre raccolta di novelle orientali è finita nella lista dei libri proibiti in Arabia Saudita poiché minaccia il tessuto morale del Paese.

    Ragazzi di vita, Pier Paolo Paolini

    Ragazzi di vita, Pier Paolo Paolini

    Il romanzo, pubblicato nel 1955, fu tacciato di oscenità, mentre l'autore fu accusato di pornografia.

    Porci con le ali, Rocco e Antonia

    Porci con le ali, Rocco e Antonia

    Non completamente censurato, il romanzo fu però vittima di tagli importanti: questo a causa del linguaggio spinto e delle situazioni intime descritte in maniera piuttosto esplicita.

    Il signore della mosche, William Golding

    Il signore della mosche, William Golding

    Romanzo d'esordio del Premio Nobel per la Letteratura William Golding, fu pubblicato nel 1954. Nonostante i 14 milioni di copie vendute nei soli paesi anglofoni, fu vittima della censura perchè descrive l'omicidio di un minorenne.

    L'amante di Lady Chatterley, David Herbert Lawrence

    L'amante di Lady Chatterley, David Herbert Lawrence

    Scritto e pubblicato per la prima volta a Firenze nel 1928, fu immediatamente tacciato di oscenità e messo al bando in tutta Europa.

    L'origine della specie, Charles Darwin

    L'origine della specie, Charles Darwin

    Pubblicato nel 1859 fu proibito in Regno Unito, in Grecia e in Jugoslavia per ragioni religiose.

    I fiori del male, Charles Baudelaire

    I fiori del male, Charles Baudelaire

    Tra le raccolte di poesie più famose di sempre, l'opera fu pubblicata nel 1857 ma immediatamente censurata a causa dei temi e della forma poetica giudicati troppo spinti. Qualche anno dopo l'autore pubblicò una nuova versione corretta, dalla quale escluse le sei poesie incriminate poiché oltraggiavano la decenza comune.

    Il dottor Zivago, Boris Pasternàk

    Il dottor Zivago, Boris Pasternàk

    Unico romanzo dell'autore russo, fu ampiamente censurato dal regime sovietico tanto che fu pubblicato per la prima volta proprio in Italia, nel 1957.

    Le avventure di Sherlock Holmes, Arthur Conan Doyle

    Le avventure di Sherlock Holmes, Arthur Conan Doyle

    La celebre raccolta poliziesca, pubblicata nel 1892, fu vietata in Unione Sovietica non per i contenuti ma per il credo dell'autore il quale, secondo il regime, 'occultava alcune cose'.

    Elogio della follia, Erasmo da Rotterdam

    Elogio della follia, Erasmo da Rotterdam

    Come molti dei suoi scritti anche il celebre saggio sulla follia fu censurato.

    La mascherata, Alberto Moravia

    La mascherata, Alberto Moravia

    Il romanzo, pubblicato nel 1941, fu messo al bando subito dopo l'uscita della seconda edizione: l'opera, infatti, è una satira piuttosto violenta nei confronti del regime fascista.

    Le avventure di Huckleberry Finn, Mark Twain

    Le avventure di Huckleberry Finn, Mark Twain

    Il celebre classico per ragazzi, seguito ideale del precedente Le avventure di Tom Sawyer, fu pubblicato per la prima volta nel 1884. Entrambi i romanzi, ormai grandi classici per ragazzi, furono esclusi dalle selezioni di alcune biblioteche perchè giudicati razzisti.

    Frankenstein, Mary Shelley

    Frankenstein, Mary Shelley

    Pubblicato nel 1818, fu inizialmente censurato perchè indecente, discutibile e osceno.

    Amleto , William Shakespeare

    Amleto , William Shakespeare

    Una delle tragedie più famose del bardo fu censurata in Etiopia a causa del tema ritenuto troppo spinto.

    Il mago di Oz, Frank Baum

    Il mago di Oz, Frank Baum

    Secondo alcuni il celebre romanzo per ragazzi, pubblicato nel 1900, potrebbe essere nato come allegoria della politica monetaria statunitense di fine Ottocento. Per questo motivo, oltre che per gli elementi fantastici che conteneva, fu messo al bando, tacciato di 'nichilismo'.

    Il codice da Vinci, Dan Brown

    Il codice da Vinci, Dan Brown

    Il bestseller dello scrittore americano fu vietato in Libano dopo che i leader cattolici definirono l'opera un'offesa al Cristianesimo.

    Odissea, Omero

    Odissea, Omero

    Platone ne suggerì la censura soprattutto per i lettori adolescenti, a causa delle idee di libertà insite nelle vicende narrate.

    Alice nel paese delle meraviglie, Lewis Carrol

    Alice nel paese delle meraviglie, Lewis Carrol

    Anche quest'altro celebre classico per ragazzi è stato vittima della censura: la Cina, infatti, mise al bando il libro a causa degli animali parlanti, al pari, in qualche modo, dell'essere umano.

    I versi satanici, Salman Rushdie

    I versi satanici, Salman Rushdie

    Romanzo pubblicato nel 1988, suscitò le ire dell'ayatollah Khomeini che colpì l'autore con la fatwa, una specie di scomunica che ha anche valore di condanna a morte. Questo perchè il libro contiene una rivisitazione romanzata dell'episodio dell'ispirazione diabolica di Maometto. La censura, ovviamente, trasformò l'opera in un bestseller internazionale.