Qual è il voto minimo che si può prendere alla maturità?

Esiste un punteggio minimo all'esame di maturità? Ecco quali sono i voti minimi assegnati dalla Commissione sia per le prove scritte che per il colloquio orale

da , il

    Qual è il voto minimo che si può prendere alla maturità?

    Archiviati gli scritti, ed affrontata la prova orale, gli studenti s’interrogano sull’esito dell’esame: qual è il voto minimo che si può prendere alla maturità? La domanda è più che lecita, considerando che dall’andamento delle prove dipende l’esito dell’esame: promossi o bocciati? I criteri adottati dalla Commissione si basano, com’è noto, sia sull’esame in sé che sul percorso scolastico dei maturandi. Ma qualora le prove scritte non fossero sufficienti, o il colloquio orale risultasse disastroso, come si regola la Commissione nell’assegnare i voti alla maturità? Esiste un punteggio minimo per le prove dell’esame di Stato? Ecco brevemente come si ottengono i voti alla maturità e qual è il punteggio minimo sia per gli scritti che per il colloquio orale.

    Per gli studenti alle prese con la maturità non è ancora tempo per godersi il riposo: superati gli scritti, ed affrontato l’orale, rimane un solo dubbio: com’è andato l’esame? quale sarà il voto finale? In attesa, per gli incerti, di conoscere il proprio destino, facciamo un po’ di chiarezza su qual è, e come si assegna, il punteggio minimo all’esame di maturità.

    Come si assegnano i voti alla maturità

    Prima di tutto i voti alla maturità si ottengono calcolando i punteggi delle singole prove (da 0 a 15 per gli scritti e da 0 a 30 per l’orale), più i crediti formativi ottenuti nell’ultimo triennio, che vanno da un minimo di 10 punti a un massimo di 25. Calcolando che bisogna ottenere la sufficienza in tutte le prove (10 per gli scritti, 20 per l’orale e 10 per i crediti) il voto minimo per ottenere la maturità è 60, ovvero:

    10 (crediti formativi) + 10 (prima prova) + 10 (seconda prova) + 10 (terza prova) + 20 (orale) = 60

    Voti maturità: il punteggio minimo all’orale

    Il colloquio orale, come sappiamo, vale un terzo di tutto l’esame: ma esiste un voto minimo all’orale della maturità? Sì, esiste: il punteggio minimo è 20-22, quello massimo 30, e la Commissione può decidere se assegnare l’uno o l’altro in base, evidentemente, all’andamento della prova.

    Allo stesso modo, i prof giudicanti possono stabilire, nel caso l’orale fosse stato disastroso, di scendere anche al di sotto dei 20 punti ma, ‘giocando’ sulla tesina (e considerando che al punteggio dell’orale si sommano i voti delle altre prove) è possibile un recupero salvandosi in extremis.