I premi letterari più importanti d’Italia

Dal Campiello al Premio Strega, i riconoscimenti che danno lustro agli scrittori di casa nostra

da , il

    I premi letterari più importanti d’Italia

    Dedicati essenzialmente alla narrativa, i premi letterari più importanti d’Italia sono dei prestigiosi riconoscimenti assegnati, ogni anno, ad opere ritenute particolarmente rilevanti. Quelli più autorevoli, dal Premio Strega al Campiello, consentono – grazie alla grande eco che nel mondo della cultura (e non solo) hanno da sempre – di far conoscere al pubblico le opere in gara, che siano romanzi, racconti, saggi o fiabe. Al contempo, offrono agli scrittori visibilità e un certo pregio, permettendo soprattutto agli esordienti di raggiungere, in breve tempo, un pubblico più vasto.

    Quali sono, dunque, i premi letterari più importanti d’Italia? Il nostro Paese vanta alcuni tra i riconoscimenti più rinomati del mondo che, fin dalla loro fondazione, hanno dato lustro a scrittori e ad opere entrate di diritto nella storia della narrativa.

    Premio Strega

    Uno dei concorsi storici nel campo della narrativa di casa nostra è senza dubbio il Premio Strega, istituito da Goffredo e Maria Bellonci nel ’47 e nato all’interno di una cerchia di amici amanti dei libri e della cultura. Il riconoscimento, tra i più celebri ma anche tra i più discussi – ogni anno, infatti, non mancano polemiche riguardo ai criteri di assegnazione – viene assegnato a un romanzo pubblicato in Italia tra il 1° aprile dell’anno precedente e il 31 marzo dell’anno in corso e, dato il prestigio, ormai consolidato, del concorso, è un’ottima vetrina per le opere in lizza: chi entra tra i cinque romanzi finalisti, infatti, ottiene in poco tempo una notevole visibilità. Tra gli scrittori vincitori più famosi, ricordiamo Ennio Flaiano che, con il suo unico romanzo, Tempo di uccidere, vinse la prima edizione nel ’47, Elsa Morante, Umberto Eco e Natalia Ginzburg. Tra i riconoscimenti letterari più importanti d’Italia, il Premio Strega si assegna nel mese di luglio.

    Premio Andersen

    Altro celebre riconoscimento, tra i premi letterari più importanti d’Italia, è il Premio Andersen, fondato nel 1982 da Gualtiero Schiaffino e dedicato alla letteratura per l’infanzia. Si tratta del riconoscimento italiano più prestigioso nel campo dei libri per ragazzi che premia non solo gli scrittori ma anche gli illustratori e gli editori, giudicati dalla redazione della Rivista Andersen in base alla loro produzione complessiva. Solitamente, la giuria degli esperti assegna il premio alla fine di maggio.

    Premio Bancarella

    Il Premio Bancarella, invece, è il primo tra i premi letterari più importanti d’Italia ad esser nato per iniziativa dei librai e non di un gruppo di letterati. I venditori ambulanti degli anni Cinquanta, infatti, quelli che dall’Alta Lunigiana scendevano ogni anno per vendere i libri, cominciarono ad un certo punto a radunarsi annualmente per confrontarsi sul lavoro e sui criteri di concorrenza. Dal primo raduno, nella primavera del ’52, è nato il Premio Bancarella assegnato ogni anno – anch’esso a luglio – ad un libro originale, distinto dagli altri soprattutto per la sua ‘vendibilità’.

    Premio Bagutta

    Fondato nel 1926 a Milano, il Premio Bagutta nasce nella trattoria della famiglia Pepori ritrovo, al tempo, di artisti e letterati. Durante una cena tra amici, infatti, un gruppo di intellettuali (tra i quali Adolfo Franci, critico e sceneggiatore cinematografico, lo scrittore Riccardo Bacchielli e il giornalista Orio Vergani) decise di istituire questo premio con lo scopo di conferire prestigio a libri senza pressioni da parte del governo. Una caratteristica, questa, che rimane ancora oggi, dato che, pur essendo un premio letterario molto importante, il Bagutta non garantisce un incremento di vendite tanto quanto altri riconoscimenti italiani. A differenza degli altri premi letterari più importanti d’Italia, il Bagutta si assegna d’inverno, in genere alla fine di gennaio.

    Premio Campiello

    Parlando dei premi letterari più importanti d’Italia è d’obbligo citare un altro celebre riconoscimento, il Premio Campiello, fondato nel ’62 in Veneto grazie all’impulso di una famiglia di industriali, i Valeri Manera. Anche in questo caso, l’obiettivo era quello di far conoscere al grande pubblico i libri migliori pubblicati durante l’anno, dando l’opportunità anche agli scrittori esordienti di entrare nel mondo della narrativa italiana. Solitamente, a giudicare i 5 libri finalisti del Campiello (scelti da una giuria di critici) sono 300 lettori comuni di diversa estrazione sociale, età e professione, scelti ogni anno tra tutti coloro che chiedono di farne parte, mentre l’opera vincitrice viene decretata a Venezia (di solito al Teatro La Fenice), nel mese di settembre.

    Premio Italo Calvino

    Tra i premi letterari più importanti d’Italia è il caso di citare anche il Premio Italo Calvino, fondato nel 1985 a Torino per far conoscere il talento creativo degli scrittori esordienti. Il riconoscimento, infatti, premia le opere prime inedite della narrativa italiana, con un’attenzione particolare alla qualità della scrittura. Istituito poco dopo la morte di Calvino, è stato fortemente voluto da un gruppo di amici dello scrittore, tra i quali Natalia Ginzburg, Lalla Romano e Norberto Bobbio: l’intento (seguendo idealmente il lavoro di Calvino che lavorava anche in veste di editor per Einaudi) era quello di promuovere il lavoro dei nuovi autori e degli scrittori esordienti inediti. Il Premio Italo Calvino si assegna a Torino alla fine di maggio.

    Premio Mondello

    Anche il Premio Letterario Internazionale Mondello Città di Palermo è uno dei riconoscimenti più importanti nell’ambito della letteratura e della narrativa italiane. Istituito nel ’75 da un gruppo di intellettuali siciliani ebbe grande prestigio fin dall’inizio grazie all’illustre giuria della quale facevano parte alcuni dei critici letterari più importanti d’Europa. Riservato in particolare ai giovani autori, il Premio Mondello possiede diverse sezioni, dalla poesia alle opere straniere, dalla traduzione alla comunicazione, con una serie di premi a margine come il Premio Speciale della Giuria, il Premio Speciale del Presidente e il Super Mondello, assegnato al libro di un autore italiano, vincitore assoluto del concorso.

    Premio Mario Luzi e Premio Grinzane Cavour

    Tra i premi letterari più importanti d’Italia, infine, vale la pena menzionare anche il Premio Mario Luzi, incentrato soprattutto sulla produzione poetica contemporanea, sulla saggistica e sul teatro e il Premio Grinzane Cavour, nato nel 1982 con l’intenzione di avvicinare i giovani al mondo dei libri e della letteratura