Basquiat, asta record per un ‘teschio’: venduto a New York a 110 milioni di dollari

L'opera, un Untitled del 1982, è stata venduta dalla casa d'aste Sotheby's ad un imprenditore giapponese. L'uomo, un collezionista appassionato di commercio online, acquistò, lo scorso anno, un'altra opera di Basquiat

da , il

    Basquiat, asta record per un ‘teschio’: venduto a New York a 110 milioni di dollari

    Un’opera di Basquiat è stata venduta all’asta a New York alla cifra record di 110,5 milioni di dollari. Si tratta di un dipinto – un Untitled del 1982 – che rappresenta un teschio su sfondo azzurro e ad aggiudicarselo, dopo una serrata trattativa a colpi di rialzi, il miliardario giapponese Yusaku Maezawa, già in possesso di un’altra opera di Basquiat. L’uomo, infatti, appassionato di commercio online, ne acquistò una – lo scorso anno – per la cifra record di 57 milioni di dollari. Un primato, ora, letteralmente stracciato visto che il ‘teschio’ venduto da Sotheby’s rappresenta una delle opere più costose mai vendute all’asta, insieme a capolavori di Picasso, Bacon e Modigliani.

    La casa d’aste Sotheby’s di New York ha battuto all’asta un dipinto di Basquiat, un teschio realizzato nel 1982, per oltre 110 milioni di dollari. A comprare il dipinto un imprenditore asiatico, uno dei 50 più ricchi del Giappone (Yusaku Maezawa, nella foto qui sotto) che, dopo una serrata ‘battaglia’ con il commerciante d’arte Nicholas Mueller, si è aggiudicato l’opera del celebre writer, un dipinto su tela di 1,83 per 1,73 metri, realizzato con olio, acrilico e spray.

    L’uomo, 41 anni, è un imprenditore nipponico piuttosto famoso (è il fondatore, tra l’altro, di una Fondazione di Arte Contemporanea e di Zozotown, un grande centro commerciale di moda online) ed essendo un grande appassionato d’arte, soprattutto di Basquiat, non è nuovo ad acquisti di questo genere. Nel 2016, infatti, si è aggiudicato, comprandolo all’asta, un altro dipinto del celebre writer, per un progetto, ha ammesso lo stesso Maezawa, che gli sta molto a cuore: un museo che sta realizzando nella sua città natale, Chiba, di cui il ‘teschio’ sarà il pezzo forte. Prima però intende prestarlo ai musei e alle istituzioni culturali più importanti del mondo, per dare a tutti la possibilità di ammirare l’opera, preclusa al pubblico per oltre 30 anni. ‘Spero – ha dichiarato il neo proprietario, subito dopo l’annuncio dell’acquisto sul suo profilo Instagram – che porti tanta gioia agli altri come a me, e che questo capolavoro di Basquiat ispiri le nostre generazioni future’.

    Non solo Basquiat, il magnate giapponese possiede anche altre opere d’arte acquistate all’asta: alcuni pezzi di Jeff Koons, Bruce Nauman, Alexander Calder e Richard Prince (comprati tutti nel corso della stessa vendita, nel 2016) e un Picasso, Buste de Femme (Dora Maar), comprato a novembre scorso per soli 22 milioni di euro.

    LEGGI: ASTE RECORD, LE OPERE D’ARTE PIU’ COSTOSE DI SEMPRE

    Il ‘teschio‘ battuto all’asta a New York, è stato dipinto dal compianto Basquiat (morto per overdose a soli 28 anni) nel periodo in cui l’artista era all’apice della sua creatività. Un periodo – ha spiegato Grégoire Billault, che si occupa di arte contemporanea a Sotheby’s – ‘in cui tutto quel che Basquiat toccava diventava fantastico’, cosa che rende l’opera venduta all’asta a New York una delle migliori mai realizzate dal writer newyorkese. Oltre al dipinto di Basquiat (che finì all’asta anche un’altra volta, nel 1984, quando fu acquistato per soli 19mila dollari), sono state vendute diverse altre opere, tra cui lavori di Keith Haring, Mira Schendel e Wolfgang Tillmans.