Santa Lucia, la storia: origine e riti magici

Nata a Siracusa alla fine del III secolo, muore uccisa da una spada il 13 dicembre del 304

da , il

    Santa Lucia, la storia: origine e riti magici

    Martire cristiana tra le più venerate, Santa Lucia, alla cui storia sono legate leggende e tradizioni assai affascinanti, si festeggia, com’è noto, il 13 dicembre, data che corrisponde alla sua morte avvenuta, nel 304, durante le persecuzioni di Diocleziano. Nonostante le scienze astronomiche c’insegnino che il solstizio d’inverno si verifica tra il 21 e il 22 dicembre, secondo la tradizione popolare (famoso, a tal proposito, il detto ‘Santa Lucia, il giorno più corto che ci sia’) il giorno in cui si celebra la protettrice della vista corrisponde al più corto dell’anno, a quello, cioè, in cui il sole tramonta prima. E’ il ‘giorno della Santa della Luce’, una giovane martire siciliana che, narra la leggenda, preferì morire piuttosto che sposare un pagano. Ma qual è la storia (vera) di Santa Lucia? Eccola brevemente, tra mito, tradizioni e realtà.

    La storia di Santa Lucia si lega inevitabilmente alle persecuzioni che, tra la fine del III e i primi del IV secolo, portarono alla morte tantissimi cristiani. Secondo la tradizione – per lo più di tratta di racconti di epoca normanna della cui veridicità non si hanno conferme documentate – Lucia (nata nel 283 a Siracusa) proveniva da una famiglia benestante e, promessa in sposa ad un giovane siracusano, era destinata ad un futuro, sereno, come moglie e come madre. Un giorno, per aiutare la mamma malata da anni, Lucia si reca a Catania per pregare sulla tomba di Sant’Agata la quale, apparendole in visione, le chiede di dedicare la sua vita ai poveri e ai più deboli. Tornata a Siracusa, e trovata la madre guarita, Lucia rompe il fidanzamento e decide di dedicarsi ai cristiani costretti a vivere nelle catacombe. Il promesso sposo, però, non comprendendo la scelta della donna, decide di vendicarsi e denuncia Lucia con l’accusa di essere cristiana.

    M_Minniti_Martirio_de_Santa_Lucía

    Ma la giovane non rinnega la sua fede, anzi, forte nel corpo ma soprattutto nello spirito, rimane irremovibile anche sotto tortura – secondo la leggenda, infatti, diventa così pesante che né gli uomini, né i buoi e né la pece bollente riescono a spostarla, fino a quando viene uccisa, pugnalata alla gola.

    Prima di morire Lucia riceve l’Eucaristia e predice la fine della persecuzioni (e la sua stessa morte) a Diocleziano, ma la leggenda vuole che si sia cavata gli occhi ponendoli su un piatto o una coppa: in realtà questo episodio, storicamente del tutto infondato, si ricollega alla ben più nota tradizione popolare che, in virtù del nome Lucia, ha sempre invocato la santa come protettrice degli occhi e della vista.

    I riti legati alla festa di Santa Lucia

    Spiegando brevemente la storia di Santa Lucia, non possiamo non parlare dei riti e delle tradizioni che si legano al culto di questa martire. Intanto, in alcuni Paesi del Nord Europa è Santa Lucia, invece che Babbo Natale, a portare i doni ai più piccoli, in più, così come molte festività pagane assorbite dal Cristianesimo, anche quella di Santa Lucia sembra derivare da antiche celebrazioni legate all’agricoltura e alle stagioni. Vi sono, infatti, alcune similitudini tra la martire siracusana e Demetra, dea dei campi invocata in Sicilia, a cui si raccomandava il buon esito dei raccolti.

    Secondo alcune leggende, inoltre, la notte del 13 dicembre Santa Lucia vola sui campi in segno di buon auspicio, mentre in alcune zone del Nord Italia (ad esempio in Veneto e in Trentino) i bambini sono soliti scrivere una lettera alla Santa per chiederle in dono dei regali e, per attirarla presso le loro case, sistemano del cibo sul davanzale delle finestre. Ma guai a farsi trovare svegli, perché, racconta la leggenda, se Santa Lucia trova i piccoli alzati li acceca lanciando loro della cenere negli occhi.

    In Puglia, invece, nella zona di Manfredonia, si allestiscono falò nei rioni cittadini, mentre in molte località del Sud si accendono candele nella notte tra il 12 e il 13 dicembre: il fuoco, infatti, simboleggia la vittoria della Luce contro il Buio e, di conseguenza, del Bene che vince sul Male. In alcuni Paesi europei, invece, soprattutto in Svezia e in Danimarca, all’alba del 13 dicembre, le bambine, vestite di bianco, sfilano per le strade delle città con una candela accesa in mano, offrendo dolcetti e cantando canzoncine di Natale.

    Tra i ‘riti magici‘ che accompagnano il culto di Santa Lucia, c’è anche quello propiziatorio per l’amore. Poiché la notte del 13 dicembre è legata alla luce e quindi alla rinascita, chi è in cerca dell’anima gemella può invocare l’aiuto della Santa: basta pettinarsi, proprio quella notte, con un pettine nuovo di zecca e, una volta sistemato sotto al cuscino, attendere che la Santa ci compaia in sogno: secondo la leggenda, con lei ci sarà anche l’uomo della nostra vita…

    Per godere, infine, di una buona vista, nel giorno in cui si celebra Santa Lucia è usanza, in tutta Italia, farsi benedire gli occhi. E’ un rituale organizzato un po’ ovunque, anche se il più antico è quello che ha luogo a Verona dove nacque, nel XIII secolo, dopo un’epidemia che colpì soprattutto i bambini. In pellegrinaggio scalzi verso la chiesa di Santa Agnese, i piccoli resistettero al freddo dopo che i genitori promisero loro dei doni: sarebbe stata proprio Santa Lucia, per ringraziarli delle loro preghiere, a portarli.