Scozia, il dipinto da 20 sterline è un Raffaello da 20 milioni

Scozia, il dipinto da 20 sterline è un Raffaello da 20 milioni

La scoperta incredibile nella regione dell'Aberdeenshire: il quadro era in un castello di proprietà statale

da in Arte, Cultura, Dipinti, News Cultura, Opere d'arte, Pittori
Ultimo aggiornamento:
    Scozia, il dipinto da 20 sterline è un Raffaello da 20 milioni

    Quella che in molti avevano identificato come una copia da 20 sterline in realtà potrebbe essere un autentico Raffaello da 20 milioni di sterline. La scoperta incredibile arriva dalla Scozia, precisamente da Methlick, nell’Aberdeenshire dove si trova la Haddo House, castello di proprietà statale: lì è stata ritrovato il quadro intitolato “La Vergine Maria“, ritenuta prima opera di un pittore della scuola raffaellesca e poi una semplice copia. Recuperato dalla soffitta polverosa del castello nel corso delle riprese per la serie tv di BBC Four “I capolavori perduti della Gran Bretagna”, è stato pulito e restaurato, dando così agli esperti la possibilità di studiarlo da vicino e di attribuirlo, quasi con assoluta certezza, al maestro del Rinascimento italiano.

    Il quadro ha una storia davvero particolare. Ad acquistarlo fu George Hamilton-Gordon, il 4° conte di Aberdeen e primo ministro tra il 1852 e il 1855; all’epoca venne comprato come un Raffaello originale ma poi nel tempo era stato attribuito a Innocenzo da Imola, pittore italiano (1490 – 1550) che si ispirava all’Urbinate. In seguito era stata identificata come una copia di scarso valore.

    Ora la scoperta: la Madonna di Haddo, come è stata ribattezzata, è stata identificata come opera originale di Raffaello dagli esperti britannici Bendor Grosvenor e Jacky Klein del National Trust scozzese.

    Il suo valore all’asta potrebbe oscillare tra i 20 e i 35 milioni di sterline.

    Abbiamo sempre saputo che le opere conservate nella Hado House erano molto speciali e questa scoperta conferma la sua importanza nel mondo dell’arte scozzese“, ha dichiarato a BBC Jennifer Melville, capo delle collezioni, archivi e biblioteche presso il National Trust for Scotland.

    Non ci sono molti posti dove si può vedere un dipinto di uno dei giganti del Rinascimento appeso in sala da pranzo in un’intimità speciale con le opere: speriamo che ora sempre più persone vengano in questa parte della Scozia“, è stato il suo augurio.

    358

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ArteCulturaDipintiNews CulturaOpere d'artePittori

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI