La storia d’amore più bella del mondo, di Massimo Incerpi: trama e recensione

La storia d’amore più bella del mondo, di Massimo Incerpi: trama e recensione

Il corteggiamento e l'amore tra social network e reality show

da in Cultura, Libri, Narrativa, News Cultura, Prodotti Cultura
Ultimo aggiornamento:
    La storia d’amore più bella del mondo, di Massimo Incerpi: trama e recensione

    Da molti definito il libro romance dell’estate 2016, La storia d’amore più bella del mondo, di Massimo Incerpitrama e recensione subito dopo il salto – affronta il tema, più che mai attuale, degli amori nati in TV. Chiaramente ispirato a trasmissioni cult come Uomini e Donne e Temptation Island, il romanzo di Incerpi (in libreria da giugno per Newton Compton), racconta la storia di Azzurra che, affascinata da una famosa trasmissione televisiva, decide di parteciparvi in qualità di ‘corteggiatrice’.

    Primo romanzo di Massimo Incerpi, La storia d’amore più bella del mondo racconta come può nascere un sentimento oggi, tra modelli televisivi, telecamere e reality show. La trama, infatti, non fa altro che riprendere ciò che vediamo in programmi ormai straconosciuti, quelli firmati Maria De Filippi per intenderci, basati sull’incontro tra uomini e donne, di cui gli uni, come in questo caso, sono ‘tronisti‘ e le altre ‘corteggiatrici‘.

    Azzurra è una studentessa universitaria che vive con la madre: ha diciannove anni, è bella ed è molto giudiziosa. Un giorno, a dispetto del parere contrario di amici e parenti, decide di partecipare ad una trasmissione televisiva: è una di quelle in cui c’è un ragazzo corteggiato da più pretendenti e che alla fine ne sceglie una da frequentare ‘in esterna’.
    Durante la prima puntata Azzurra conosce Omar, venticinquenne belloccio e carismatico che la conquista fin dal primo momento. Il giovane non sembra però prestarle attenzione: è attirato dalle altre corteggiatrici deludendo le aspettative della bella studentessa. Ma, terminata la registrazione, Omar le fa una proposta: una giornata a Parigi da trascorrere loro due da soli. Azzurra è sorpresa ed entusiasta, e proprio mentre sta per lanciarsi in questo nuova avventura, il suo ex, Tommy, ricompare dal passato, intenzionato, dopo un tradimento, a riconquistarla definitivamente…

    Semplice e scorrevole, la trama de La storia d’amore più bella del mondo racconta l’amore vissuto secondo certi schemi tipicamente televisivi.

    L’intento, come lo stesso Massimo Incerpi ha dichiarato, era ‘scrivere una storia romance contemporanea che riprendesse i modelli dei dating show o dei peopleshow‘, trasmissioni entrate nell’immaginario collettivo che appassionano i giovani delle ultime generazioni. Come la diciannovenne Azzurra che prostata da una profonda delusione (il suo ex, Tommy, l’ha lasciata per un’altra), decide che partecipare a quella trasmissione è l’unico modo per rimettersi in gioco. Vuole innamorarsi di nuovo e quando vede Omar per la prima volta sente che può essere l’uomo giusto per lei. Del resto, ha spiegato ancora l’autore, il corteggiamento, e di conseguenza l’innamoramento, sono molto cambiati negli ultimi anni e il romanzo, in maniera leggera, spiega proprio questo: ‘Nel libro, dice Incerpi, parlo di una storia d’amore che nasce in Tv, quindi di un fatto noto, di cose che succedono nella realtà, di come le telecamere, oggi, siano in grado di riprendere e di concretizzare il colpo di fulmine’. Un amore che nasce sotto i riflettori, dunque, amplificato dalle telecamere, che ‘può bucare lo schermo ma anche essere l’anticamera dell’empatia, quella che unisce due persone e che fa nascere l’amore’.
    La storia d’amore più bella del mondo, che poi è il titolo della trasmissione a cui la protagonista del libro decide di partecipare, è consigliato a chi, quelle trasmissioni le segue e le ama: tra litigi, discussioni, lacrime e ripensamenti, tutto gira intorno ad una scelta, quella che farà il protagonista sperando che possa essere davvero l’inizio di un (grande) amore.

    725

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CulturaLibriNarrativaNews CulturaProdotti Cultura

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI