Premio Strega 2016, finalisti: i 5 libri in lizza

Premio Strega 2016, finalisti: i 5 libri in lizza

A guidare la cinquina La scuola cattolica, di Edoardo Albinati

da in Cultura, Libri, Narrativa, Premio Strega
Ultimo aggiornamento:
    Premio Strega 2016, finalisti: i 5 libri in lizza

    Premio Strega 2016, finalisti: ecco i 5 libri in lizza per il prestigioso riconoscimento. La cinquina, guidata dal favorito Edoardo Albinati che, con La scuola cattolica, ha ricevuto 220 voti, è stata svelata nella serata di ieri, 15 giugno 2016, a Casa Bellonci a Roma. Qui, come di consueto, si è svolto lo spoglio dei voti espressi dagli Amici della Domenica, ai quali si sono aggiunti quelli dei lettori selezionati dalle librerie indipendenti italiane e i voti delle scuole, Università e Istituti Italiani di Cultura all’estero. Oltre ad Albinati, sono in corsa per il Premio L’uomo del futuro, di Eraldo Affinati (160 voti), Se avessero, di Vittorio Sermonti (156 voti), Il cinghiale che uccise Liberty Valance, di Giordano Meacci (138 voti) e La femmina nuda, di Elena Stancanelli (102 voti).

    Il Premio Strega 2016, dunque, entra nel vivo, con la cinquina finale guidata da La scuola cattolica, di Edoardo Albinati. Antonio Moresco, invece, altro favorito al premio, è stato il primo degli esclusi – il suo libro, infatti, dal titolo L’addio, ha guadagnato ‘solo’ 94 punti. Ma guardiamo più da vicino i cinque libri finalisti al Premio Strega 2016.

    Ambientato a Roma negli anni Settanta, spiega come, in un quartiere relativamente tranquillo si celino personalità tutt’altro che pacate: come gli autori del delitto del Circeo, tra gli ex alunni della scuola frequentata dall’autore che, mescolando personaggi reali e figure romanzate, racconta uno spaccato della storia recente italiana. Tantissimi i temi affrontati, dall’adolescenza alla religione, dall’amicizia al denaro, dalla violenza alla vendetta.

    Il libro rievoca e racconta la figura di don Lorenzo Milani, prete cosiddetto ‘degli ultimi’ autore di una vera e propria rivoluzione pedagogica. Dall’infanzia a Firenze dove nacque, fino all’esperienza della scuola di Barbiana, un racconto lucido e ben testimoniato su una delle figura più importanti dell’Italia degli ultimi cinquant’anni.

    Scrittore, poeta, saggista e traduttore, Vittorio Sermonti racconta, quasi fosse una lunga canzone d’amore, settant’anni di storia e di ricordi personali, tra le difficoltà del dopoguerra e i rapporti familiari. Una lunga autobiografia in cui non mancano gli amori, la passione per il teatro, la musica e gli amici.

    In un immaginario paesino tra Umbria e Toscana, le avventure di uno strano cinghiale che, ad un certo, punto acquista misteriosamente la ragione: come gli umani riesce ad elaborare i pensieri acquistando, al contempo, la consapevolezza della morte. Ma si trova in una sorta di limbo, troppo ‘umano’ per i suoi simili e troppo ‘bestia’ per non essere temuto dagli uomini…

    E’ la storia, drammatica, di un amore malato: Anna, colta e molto intelligente, viene abbandonata dal suo uomo per una donna mediocre e meno affascinante di lei. In preda ad un’ossessione senza tregua, comincia a perseguitare il suo ex compagno, diventando così una stalker…

    LEGGI ANCHE: PREMIO STREGA GIOVANI 2016, VINCE ROSSANA CAMPO

    Aggiornamento di Caterina Padula del 16 giugno 2016

    Premio Strega 2016, candidati: ecco i 12 libri finalisti, selezionati, come di consueto, dal Comitato direttivo presieduto da Tullio De Mauro. Le opere sono state scelte tra i 27 libri presentati ufficialmente il 1° aprile 2016 dagli Amici della Domenica, confermando, come da pronostico, la presenza dei favoriti Eraldo Affinati e Edoardo Albinati. Esclusa dalla dozzina La notte delle falene, di Riccardo Bruni, primo autore del ‘self-publishing’ in corsa per il premio.

    La settantesima edizione del Premio Strega entra dunque nel vivo con la conferma della dozzina ufficiale dei libri candidati al riconoscimento. Ecco, qui di seguito, quali:

    L’uomo del futuro, di Eraldo Affinati, (Mondadori)

    La scuola cattolica, di Edoardo Albinati, (Rizzoli)

    Dove troverete un altro padre come il mio, di Rossana Campo, (Ponte alle Grazie)

    Dalle rovine, di Luciano Funetta, (Tunué)

    Le streghe di Lenzavacche, di Simona Lo Iacono, (e/o)

    La reliquia di Costantinopoli, di Paolo Malaguti, (Neri Pozza)

    Il cinghiale che uccise Liberty Valance, di Giordano Meacci, (minimum fax)

    L’addio, di Antonio Moresco, (Giunti)

    Conforme alla gloria, di Demetrio Paolin, (Volando)

    La figlia sbagliata, di Raffaella Romagnolo, (Frassinelli)

    Se avessero, di Vittorio Sermonti, (Garzanti)

    La femmina nuda, di Elena Stancanelli, (La nave di Teseo)

    Come di consueto, la prima selezione dei 5 libri finalisti si terrà nella storica sede della Fondazione Bellonci: qui, il prossimo 15 giugno, avverrà lo spoglio dei voti degli Amici della Domenica ai quali si aggiungeranno quelli dei lettori selezionati dalle librerie indipendenti italiane (associate all’Associazione Librari Italiani) e quelli espressi da scuole, università e Istituti Italiani di Cultura all’estero. La seconda votazione, e la proclamazione del vincitore del Premio Strega 2016, avverrà invece venerdì 8 luglio all’Auditorium Parco della Musica di Roma.

    I 12 libri finalisti, tra quelli candidati al Premio, parteciperanno inoltre alla terza edizione dello Strega Giovani (vinta, lo scorso anno, da Chi manda le onde, di Fabio Genovesi) a cui prenderà parte una giuria di ragazzi, scelti tra gli studenti di una cinquantina di istituti superiori italiani. Il vincitore, infine, sarà annunciato lunedì 13 giugno 2016.

    Aggiornamento di Caterina Padula del 14 aprile 2016

    Prende ufficialmente il via il Premio Strega 2016 e tra i candidati, per la prima volta, c’è anche un autore di Amazon Publishing, Riccardo Bruni. Lo scrittore, considerato un ‘pioniere’ dell’autopubblicazione in Italia, si presenta con il romanzo dal titolo La notte delle falene, vera novità della settantesima edizione del premio. I libri selezionati sono in tutto 27 e sono stati scelti, come di consueto, dagli Amici della Domenica, lo storico gruppo che fin dal 1947 assegna il riconoscimento letterario ad un’opera di narrativa italiana. Tra i romanzi in gara, il Comitato presieduto da Tullio De Mauro sceglierà, il 14 aprile, i 12 libri finalisti, mentre il 15 giugno verrà selezionata la cinquina finale.

    Il Premio Strega 2016 comincia ad entrare nel vivo, con l’annuncio dei libri candidati alla settantesima edizione del riconoscimento. Oltre al già citato Bruni, e agli altri autori che, come Affinati, Sermonti e Albinati, già rientravano tra gli scrittori in lizza, ecco la lista ufficiale delle 27 opere in gara:

    L’uomo del futuro, di Eraldo Affinati, (Mondadori)

    La scuola cattolica, di Edoardo Albinati, (Rizzoli)

    Viaggio in bianco e nero, di Alessandra Altamura, (Il Foglio)

    La notte delle falene, di Riccardo Bruni, (Amazon Publishing)

    Dove troverete un altro padre come il mio, di Rossana Campo, (Ponte alle Grazie)

    Quaderni di un terrorista, di Giano Corte Moschin, (Biblioteca dei Leoni)

    Notturno bizantino, di Luigi De Pascalis, (La Lepre)

    Non adesso, per favore, di Annalisa De Simone, (Marsilio)

    Dalle rovine, di Luciano Funetta, (Tunué)

    La casa blu, di Massimiliano Governi, (e/o)

    La guerra è finita, di Lucia Guarano, (Round Robin)

    Le streghe di Lenzavacche, di Simona Lo Iacono, (e/o)

    Miracolo a Piombino, di Gordiano Lupi, (Historica)

    La reliquia di Costantinopoli, di Paolo Malaguti, (Neri Pozza)

    Quando Roma era un paradiso, di Stefano Malatesta, (Skira)

    Il cinghiale che uccise Liberty Valance, di Giordano Meacci, (minimum fax)

    L’addio, di Antonio Moresco, (Giunti)

    Conforme alla gloria, di Demetrio Paolin, (Voland)

    Quel fiume è la notte, di Flavia Piccinni, (Fandango)

    Quasi morta, di Amy Pollicino, (Anordest)

    La figlia sbagliata, di Raffaella Romagnolo, (Frassinelli)

    Il fischio finale, di Davide Rubini, (Gilgamesh)

    Il paese dei segreti addii, di Mimmo Sammartino, (Hacca)

    L’allegro manicomio, di Lodovica San Guedoro, (Felix Krull)

    Se avessero, di Vittorio Sermonti, (Garzanti)

    La femmina nuda, di Elena Stancanelli, (La nave di Teseo)

    La sumera, di Valentino Zeichen, (Fazi)

    Aggiornamento di Caterina Padula dell’1 aprile 2016

    Alla vigilia del riconoscimento letterario più prestigioso d’Italia, il Premio Strega edizione 2016, cominciano a circolare i nomi dei possibili candidati. Dopo le polemiche seguite al no di Feltrinelli (motivato dal ‘bisogno di un profondo processo di rinnovamento poiché non è possibile, ha spiegato il presidente della Casa Editrice Carlo Feltrinelli ‘che a concorrere siano sempre gli stessi soggetti editoriali’), arrivano le candidature degli altri colossi dell’Editoria italiana, con Mondadori e Rizzoli in primis che puntano, rispettivamente, su L’uomo del futuro, di Eraldo Affinati e su La scuola cattolica, di Edoardo Albinati.

    Dopo la rinuncia a concorrere al Premio Strega 2016 di Feltrinelli e di Einaudi – che ha vinto, tra l’altro le ultime due edizioni (nel 2015, con La ferocia, di Nicola Lagioia e nel 2014 con Il desiderio di essere come tutti, di Francesco Piccolo) – comincia a delinearsi la rosa dei (possibili) candidati.
    Come dicevamo, Rizzoli concorrerà con Edoardo Albinati e il suo poderoso romanzo (oltre 1300 pagine) La scuola cattolica, Mondadori con L’uomo del futuro (dedicato a don Milani) di Affinati e Frassinelli con La figlia sbagliata, firmato Raffaella Romagnolo.
    Per quanto riguarda le altre Case Editrici, invece, Garzanti punta su Vittorio Sermonti e il suo romanzo autobiografico dal titolo Se avessero, mentre L’addio, il poliziesco a firma di Antonio Moresco, è il libro proposto da Giunti.

    Stando alle news che circolano in rete, tra i romanzi in gara al prossimo Premio Strega 2016, dovrebbero esserci anche Quando Roma era un paradiso, di Stefano Malatesta (proposto da Skira) e Non adesso, per favore, di Annalisa De Simone, candidato invece da Marsilio. Giordano Meacci, invece, è la proposta di minimun fax, Luciano Funetta quella di Tunuè mentre per Fandango dovrebbe esserci Flavia Piccinni.

    Tra i possibili candidati, infine, sembra sicura la presenza di Valentino Zeichen con La sumera, per Fazi Editori, Demetrio Paolin con Conforme alla gloria, per Voland, Luigi De Pascalis con Notturno bizantino (La Lepre Edizioni), Amy Pollicino con Quasi morta. Il segreto della felicità, (Edizioni Anordest), Rossana Campo con Dove troverete un altro padre come il mio, per Ponte alle Grazie e Elena Stancanelli con La femmina nuda, candidato da La nave di Teseo.

    Il Premio Strega 2016 che si terrà, diversamente dagli anni scorsi, non più a al Ninfeo di Villa Giulia ma all’Auditorium Parco della Musica di Roma, dovrebbe avere i suoi 12 candidati semi-finalisti entro la prima metà del mese di aprile, per poi decretare il vincitore dell’edizione di quest’anno (la settantesima) l’8 luglio 2016.

    2123

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CulturaLibriNarrativaPremio Strega Ultimo aggiornamento: Giovedì 16/06/2016 11:41
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI