NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Save The Children lancia l’allarme ‘povertà educativa’ dei giovani italiani

Save The Children lancia l’allarme ‘povertà educativa’ dei giovani italiani

Le regioni peggiori sono la Campania e la Sicilia

da in Bambini, Cultura, Libri, News Cultura
Ultimo aggiornamento:
    Save The Children lancia l’allarme ‘povertà educativa’ dei giovani italiani

    Save The Children lancia l’allarme “povertà educativa”, in Italia i giovani tra i 6 e i 17 anni leggono poco e non visitano i musei. A conquistarsi il primato sono la Campania e la Sicilia, dove è più scarsa l’offerta di servizi e di opportunità educative e formative che consentano ai minori di apprendere, sperimentare, sviluppare e far fiorire liberamente capacità, talenti e aspirazioni.

    Il rapporto inedito di Save the Children, ‘Liberare i bambini dalla povertà educativa: a che punto siamo?’ e il relativo indice di povertà educativa (Ipe) regionale è stato presentato oggi a Roma in occasione della conferenza di rilancio della campagna ‘Illuminiamo il futuro’. Quel che emerge è un’Italia indietro rispetto agli altri paesi dell’Europa cui i servizi educativi e le opportunità extrascolastiche si differenziano da territorio a territorio. Oltre al percorso scolastico – sottolinea l’organizzazione – uno degli elementi fondamentali per contrastare la povertà educativa è determinato dal contesto di vita al di fuori delle mura scolastiche: andare a teatro o ad un concerto, visitare musei, siti archeologici o monumenti, svolgere regolarmente attività sportive, leggere libri o utilizzare internet, sono tutti fondamentali indicatori dell’opportunità o della privazione educativa. In Italia, il 64% dei minori nell’ultimo anno non ha svolto quattro tra le sette attività sopra citate.

    Il 17% ne ha svolta soltanto una, mentre l’11% non ne ha svolta nessuna. Il 48% dei minori tra 6 e 17 anni non ha letto neanche un libro, se non quelli scolastici, nell’anno precedente, il 69% non ha visitato un sito archeologico e il 55% un museo, il 46% non ha svolto alcuna attività sportiva. Nel Sud e nelle Isole la povertà culturale è maggiore, 84% in Campania, al Nord la situazione è migliore ma non del tutto positiva e la privazione culturale e ricreativa riguarda comunque circa la metà dei minori considerati, dove solo le province di Trento e Bolzano scendono al di sotto di questa soglia (rispettivamente 49% e 41%).

    362

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniCulturaLibriNews Cultura
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI