Toro, segno zodiacale: le caratteristiche

Toro, segno zodiacale: le caratteristiche

Amante del bello, chi è nato sotto questo segno è deciso, affettuoso e testardo

da in Cultura
Ultimo aggiornamento:
    Toro, segno zodiacale: le caratteristiche

    Dopo l’Ariete, rieccoci a parlare di oroscopo con il Toro, segno zodiacale detto ‘fisso’ le cui caratteristiche ne fanno simbolo di nascita e di fecondità – è infatti un segno femminile, appartiene all’elemento terra e nasce in un periodo in cui la stagione, la primavera, è già ben definita. Va dal 21 aprile al 20 maggio ed è governato, secondo l’astrologia occidentale, da Venere. I nati sotto il segno del Toro sono generalmente tenaci e molto concreti: la praticità, così come la testardaggine e la pazienza, sono alcune delle loro caratteristiche principali, insieme all’amore per il bello e per ciò che riguarda i valori fondamentali dell’esistenza – la casa, la famiglia, gli affetti.

    Il segno zodiacale del Toro è, per natura, riflessivo e tendenzialmente molto pacifico. Il fatto di essere un segno di terra, per di più ‘primaverile’, lo porta ad avere un carattere esuberante e impulsivo ma, come l’animale che lo rappresenta, è perseverante, caparbio e assai tranquillo, a patto però di non farlo infuriare.
    Essendo influenzato da Venere, il Toro è anche molto vanitoso, con un buon senso estetico e con un certo gusto per il piacere. Una delle sue più grandi virtù è la lealtà, non tollera l’intrigo e ha un forte senso dell’amicizia.

    Tra le caratteristiche di questo segno, tuttavia, c’è anche qualche difetto: è possessivo, pigro e la mancanza (quasi) totale di autocritica lo porta ad essere un po’ presuntuoso. E’ amorevole con chi gli sta intorno quanto geloso delle persone che ama, ma guai a prenderlo in giro: può diventare molto pericoloso se si sente tradito o strumentalizzato.

    Come già detto, essendo influenzato da Venere il Toro è un segno molto sensibile, sensuale ed incline ad un certo piacere. Romantico e affettuoso, difficilmente s’innamora a prima vista, ma una volta trovata l’anima gemella sa essere protettivo e fedele nel tempo. Essendo dotato di un buon senso estetico, chi è nato sotto questo segno tiene molto all’aspetto fisico, al look e a come appare agli occhi degli altri.

    Dal punto di vista fisico, la salute dei ‘taurini’ è generalmente buona, benché ogni tanto risenta, del resto come tutti, di stress e di debilitazione. L’alimentazione, invece, è uno dei punti deboli poiché è eccessiva e spesso molto disordinata. Secondo l’astrologia, il punto anatomico del segno del Toro è la gola, con tutto ciò che da essa dipende – faringe, tonsille, corde vocali.
    Per quanto riguarda il lavoro, infine, i nativi del Toro sono determinati, ambiziosi e portati per i lavori manuali; amando parecchio la natura, sono inclini ai lavori agricoli, edili o a contatto con il cibo – una delle professioni più indicate, infatti, è proprio quella dello chef.

    Il culto del Toro è nato molto probabilmente in Asia, intorno al 4500 a.C. Nella mitologia dei Fenici è spesso associato agli dei, in primis al dio del sole El, simbolo di fertilità e di potere assoluto. Una delle tradizioni più famose legata al mito del Toro è
    quella secondo la quale Zeus, invaghito di Europa, figlia del re dei Fenici, si trasformò in un toro bianco per poterla avvicinare. Il toro era così bello e mite che la ragazza decise di cavalcarlo ma Zeus, che voleva possederla a tutti i costi, la condusse fino all’isola di Creta. Qui, riprese le sue reali sembianze, generò con Europa tre figli: Sarpedone, Radamante e Minosse. A quest’ultimo è legata la leggenda più famosa sul mito del toro, quella del Minotauro, animale mostruoso e sanguinario ucciso da Teseo con l’aiuto di Arianna.

    Elemento: terra
    Metallo: rame
    Segno: femminile
    Segno opposto e complementare: Scorpione
    Colori: verde o rosa
    Pianeta: Venere
    Profumo: muschio
    Parti del corpo: collo e gola
    Motto: ‘Io ho
    Persone famose: George Clooney, Penelope Cruz, William Shakespeare, Audrey Hepburn, Andrea Pirlo, Sigmund Freud

    857

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Cultura Ultimo aggiornamento: Giovedì 21/04/2016 16:53
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI