Arte senza glutine: dai quadri ai film, come sarebbero le opere senza grano e cereali

Il progetto di un blogger francese

da , il

    Come sarebbe il mondo dell’arte senza glutine, proteina che si trova soprattutto in grano e cereali? La risposta la fornisce Gluten Free Museum, che ha provato ad immaginare quadri e altre opere – come film o cartoni animati – senza glutine e derivati (come pasta e brioches). Gluten Free Museum non è un museo vero e proprio, ma il Tumblr di un blogger francese che propone opere d’arte ‘modificate’, senza gli alimenti che contengono glutine. Tra le altre troviamo Le Spigolatrici di Jean-Francois Millet, l’Estate di Giuseppe Arcimboldo, la Lattaia di Jan Vermeer, l’Estate di Giuseppe Arcimboldo, una scena di Pulp Fiction di Quentin Tarantino, il commissario dei Simpson e la celebre scena da Lilli e il vagabondo che vi proponiamo in apertura di questo multi pagina: molto romantica senza pasta, eh?

    Se Lilli e il Vagabondo non avrebbero più uno spaghetto da dividersi, anche il ritratto di Pablo Picasso fatto dal francese Robert Doisneau perderebbe… qualcosa!

    Lo stesso dicasi per Still-Life di Giacomo Ceruti: l’immagine a sinistra è quella completa, la seconda la provocazione di glutenimage.tumblr.com

    Il riposo dopo il lavoro in un modo senza glutine (o meglio, senza grano) sarebbe… solo riposo

    E anche l’Estate (opera di Giuseppe Arcimboldo) sarebbe meno ricca…

    Parziale buona notizia per i contadini: la Mietitura di Brueghel sarebbe tutto riposo

    La Natura Morta di Cezanne sarebbe meno ricca…

    Lo stesso dicasi per la scarsa Colazione sull’erba

    La Lattaia di Jan Vermeer avrebbe ben poco da abbinare al latte versato

    Samuel L. Jackson ne Le Iene sarebbe più arrabbiato senza ‘merendina’?

    Ad American Gothic (Gotico americano) dell’artista statunitense Grant Wood mancherebbe uno dei suoi elementi iconici…

    …. mentre senza ciambelle il poliziotto Clancy Winchester dei Simpson avrebbe tutto da guadagnarne