Modigliani, asta record per ‘Nu couché’: battuto a New York per 170 milioni di dollari

Superato il record della 'Tête', venduta nel 2014 a 'soli' 70.725.000 dollari

da , il

    Un quadro di Modigliani è stato battuto all’asta ad un prezzo record di 170 milioni di dollari. Si tratta del famoso ‘Nu couché‘, dipinto dall’artista livornese nel 1917 ed acquistato da un collezionista cinese, in un’asta Christie’s a New York. Si tratta del secondo prezzo più alto mai pagato per un’opera di Modì, dopo il record, ormai battuto, realizzato nel 2014 da una ‘Tête‘ scolpita in pietra: stimata sui 30 milioni di dollari, l’opera è stata battuta all’asta da Sotheby’s a New York per oltre 70 milioni di dollari.

    Asta record, dunque, per il famoso quadro di Amedeo Modigliani, ‘Nu couché‘, conosciuto anche come ‘Nudo rosso‘ o ‘Nudo disteso con braccia aperte‘. Dopo nove minuti di lanci e rilanci al cardiopalma, il quadro è stato venduto per 170 milioni di dollari circa, con molta probabilità ad un magnate cinese. A detta degli esperti di Christie’s, infatti, prima della vendita all’asta, il quadro è stato esposto in Cina dove ha suscitato enorme interesse tra collezionisti e semplici appassionati.

    Il ‘Nu couché‘ fa parte della celebre serie di nudi che Amedeo Modigliani dipinse nel 1917 per Leopold Zborowsky, un polacco trapiantato a Parigi, tra i più importanti mercanti d’arte dell’epoca.

    Il quadro, considerato per la grazia formale e la forte suggestione erotica uno dei capolavori assoluti del pittore livornese, fu esposto per la prima volta nella Galerie Berthe Weill di Parigi nel 1917: la mostra, però, suscitò talmente tanto scalpore che il giorno dopo, per motivi di sicurezza, la polizia ordinò che fosse immediatamente sospesa.

    Dopo la vendita record del celeberrimo nudo, anche Modigliani entra a pieno titolo ‘nel club dei 100 milioni all’asta’, di cui fanno parte Picasso, Warhol, Giacometti, Bacon e Munch.