Halloween: i libri più belli per la festa delle streghe

Halloween: i libri più belli per la festa delle streghe. Dai grandi classici del passato ai moderni bestseller dedicati a fantasmi, zombie e vampiri.

da , il

    Si avvicina Halloween e tra i libri più belli per la festa delle streghe ve ne vogliamo segnalare alcuni dedicati a chi è appassionato di letteratura horror. Dai classici del passato fino agli autori più moderni, i protagonisti del genere sono loro, zombie, fantasmi e vampiri, per un campionario vastissimo di libri dedicato al mondo del sovrannaturale. Quelli in commercio sul ‘tema Halloween‘ però non si limitano alle sole creature della notte: tanti, infatti, sono i libri dedicati, ad esempio, alle ricette a tema o alle decorazioni, insieme ai titoli dedicati ai bambini o ai saggi sull’origine della festa. Aspettando che arrivi l’ora delle streghe, dunque, ecco alcuni suggerimenti di lettura per la notte più paurosa dell’anno. Guardiamoli insieme.

    Dracula, Bram Stoker

    La nostra carrellata dei libri più belli dedicati ad Halloween non poteva non cominciare con un grande classico della letteratura horror: Dracula, di Bram Stoker. Scritto nel 1897 in forma epistolare, si ispira, com’è noto, alla figura di Vlad III, principe di Valacchia. A detta dei più Dracula è l’ultimo grande romanzo di genere gotico che, riprendendo il mito del vampiro, dà vita ad un racconto dalle atmosfere cupe ed affascinanti al contempo, in cui l’orrore e la paura la fanno ovviamente da padrone. Per chi ama i classici del genere, assolutamente da non perdere.

    Intervista col vampiro, Anne Rice

    Altro classico dedicato ai vampiri, il romanzo di Anne Rice, scritto nel 1973, è il primo della serie intitolata Cronache del vampiro. Tra i bestseller più famosi degli anni Settanta, non fa particolarmente paura, anzi: non solo ha per protagonisti i vampiri più belli di sempre, ma l’intero racconto ha cambiato la percezione comune legata all’idea del diabolico dissanguatore. Per chi non lo conoscesse, il protagonista del romanzo è Louis de Pointe du Lac, un vampiro che racconta la sua storia al giornalista Daniel Molloy. Dopo la morte del fratello, nel 1791, Louis non vuole più vivere ma non ha il coraggio di togliersi la vita; il vampiro Lestat de Lioncourt, quindi, gli offre la possibilità di vivere per sempre, nutrendosi però di sangue umano.

    Le notti di Salem, Stephen King

    Tornando a tempi più recenti, ecco un altro classico dedicato al mondo dei vampiri: Le notti di Salem, firmato Stephen King. Il protagonista è Ben Mears, uno scrittore di successo che torna dopo anni nella città dov’è cresciuto. Deciso ad esorcizzare i fantasmi del passato, inizia a scrivere un romanzo su Casa Marsten, una vecchia villa abbandonata dove ha vissuto, da bambino, una terribile esperienza. Nonostante gli anni la casa è ancora al centro di spaventose leggende e, con l’arrivo di due strani inquilini, le morti in città aumentano inspiegabilmente. Chi sono i misteriosi abitanti della casa? Con l’aiuto di un’affascinante e coraggiosa ragazza, Ben si troverà di fronte alle sue paure infantili, non sapendo però che il più terribile degli orrori è lì ad aspettarlo.

    L’ora delle streghe, Anne Rice

    Tra i libri più belli da leggere ad Halloween non può certo mancare L’ora delle streghe, ancora un romanzo sul genere dell’americana Anne Rice. Primo di un’altra fortunata serie gotico-fantasy, il libro è ambientato a New Orleans dove ogni giorno una donna siede immobile sotto il portico di una vecchia casa fatiscente. Il suo unico visitatore è un giovane pallido ed elegante che scompare ogni volta che qualcuno tenta di avvicinarlo. Intanto a San Francisco un restauratore, prima annegato e poi straordinariamente risorto, riceve dal regno dei morti un incarico da svolgere nel mondo dei vivi. Un romanzo appassionante sull’eterna lotta tra bene e male.

    Festa di Halloween al castello fantasma, Mary P. Osborne

    Festa di Halloween al castello fantasma è, invece, un racconto dedicato ai più piccini. L’autrice è Mary P. Osborne, scrittrice statunitense per l’infanzia amata dai bambini di tutto il mondo. A Camelot qualcuno ha rubato il Diamante del Destino di re Artù e, come se non bastasse, gli abitanti sono vittime di un misterioso incantesimo. Toccherà a Jack ed Annie, i piccoli viaggiatori del tempo, provare a recuperare la pietra salvando così il regno di Camelot.

    Halloween storia e tradizioni, Jean Markale

    Per chi, invece, volesse saperne di più, da un punto di vista storico ed antropologico, sulla festa di Halloween, c’è questo bel libro di Jean Markel che ne ricostruisce la storia, partendo dalle origini fino ai tempi più recenti. Dagli antichi rituali druidici di Samain alla festa cattolica di Ognissanti: un saggio sulla metamorfosi di un rito pagano che non tralascia di analizzare il modo in cui viene percepito (e festeggiato) nella società contemporanea.

    La stella nera di New York, Libba Bray

    Cambiando decisamente genere, La stella nera di New York è un altro bel romanzo consigliato a chi ama le storie thriller con l’aggiunta di (un bel) po’ di paranormale. Primo di una tetralogia che ‘viaggia’ nel mondo dell’occulto d’oltreoceano, il romanzo di Libba Bray è ambientato nella New York degli anni Venti, tra locali jazz e liquori di contrabbando. La protagonista è Evie O’Neill che dopo l’ennesimo scandalo nella piccola città dove vive, viene spedita dai genitori nella Grande Mela. Qui, insieme allo zio che dirige il Museo dell’Occulto e della Superstizione, si trova alle prese con una serie di omicidi a sfondo esoterico sui quali, suo malgrado, sarà chiamata ad indagare.

    La notte degli zombie, Jonathan Maberry

    Per chi ama la ‘zombie novel‘, invece, che mescola sentimenti, drammi umani ed un bel po’ di investigazione, c’è questo bel librone (334 pagine) di Jonathan Maberry, pubblicato da Delos Books nella collana Odissea. Zombi. La storia è presto detta: il medico di una prigione inietta ad un condannato a morte una sostanza che fa marcire il corpo mantenendo sveglia la coscienza, ignorando però che, come tutte le droghe, anche questa ha un effetto indesiderato: prima di essere sepolto, infatti, il detenuto si sveglia. Una chiamata, quindi, avverte la polizia di un’effrazione all’interno della camera mortuaria della prigione e lo spettacolo che gli agenti si trovano davanti è agghiacciante: il sangue e i morsi sui corpi mutilati la dicono lunga su cosa e successo, anche perché ad un certo punto i cadaveri cominciano a muoversi, famelici e deliranti. Come andrà a finire?

    Racconti del terrore, Edgar Allan Poe

    Per la notte delle streghe qualsiasi libro di Edgar Allan Poe va bene! Racconti del terrore, però, ci sembra il più indicato poiché raccoglie (quasi) tutti i racconti più gotici composti dall’autore americano. Pubblicato per la prima volta nel 1845, il volume è suddiviso in sezioni – racconti fantastici, del mistero e dell’incubo, e del terrore e del grottesco – ed include le storie più famose di Poe: da Il gatto nero, a La cassa oblunga, da La verità sul caso di Mr. Valdemar, a I delitti della Rue Morgue. Ancora un grande classico assolutamente da non perdere.

    La scomparsa dell’Erebus, Dan Simmons

    Pubblicato in versione originale nel 2007 col titolo The Terror, l’imponente romanzo di Dan Simmons è basato su una storia vera che l’autore sviluppa però in chiave fantasy-horror. La vicenda riguarda la scomparsa di due navi inglesi, la Erebus e la Terror, di cui si persero le tracce nel 1845, mentre ricercavano il famigerato Passaggio a Nord-Ovest. Durante le ricerche, continuate per buona parte dell’Ottocento, furono trovate le tombe di alcuni membri dell’equipaggio e, nonostante i racconti degli Innuit, entrati in contatto con la spedizione, non si riuscì a fare chiarezza sulle sorti dei due vascelli inglesi. A distanza di molti anni, nel 1981, nuove indagini portarono a nuove agghiaccianti scoperte: le navi rimasero bloccate dai ghiacci artici e l’equipaggio, piegato dall’ipotermia e dallo sgorbuto, sembrò cedere al cannibalismo.