Premio Nobel per la Letteratura 2015: gli scrittori favoriti

Premio Nobel per la Letteratura 2015: gli scrittori favoriti
da in Cultura, Letteratura, Premi letterari, Premio Nobel, Scrittori, Scrittrici, Philip Roth
Ultimo aggiornamento: Venerdì 09/10/2015 18:09

    Manca poco all’assegnazione del Premio Nobel per la Letteratura 2015 e tra gli scrittori favoriti spiccano, anche quest’anno, alcuni dei nomi più illustri della narrativa mondiale. In attesa della decisione dell’Accademia di Svezia che, come di consueto, assegnerà il premio nei primi giorni di ottobre, circolano le scommesse su chi si aggiudicherà l’ambito riconoscimento. Sebbene le ultime edizioni hanno dimostrato che i pronostici del Nobel riservati ai letterati siano oltremodo difficili, se non impossibili – Patrick Modiano, vincitore nel 2014, non compariva affatto nell’elenco dei super favoriti – anche quest’anno i bookmaker inglesi si sono scatenati fornendo una top five di nomi tra i quali dovrebbe celarsi il vincitore. Tra outsiders ed eterni candidati, ecco gli scrittori favoriti al Premio Nobel per la Letteratura 2015.

    Habitué tra i candidati al Nobel ormai da anni, Joyce Carol Oates è una delle scrittrici più prolifiche degli Stati Uniti. E’ autrice di un centinaio di libri, tra romanzi, racconti, opere teatrali, poesie e saggi ricevendo, dal 1967 ad oggi, numerosi premi e riconoscimenti. Molto attiva sui social, dove ha pubblicato i suoi, ormai celebri, consigli per diventare scrittori, si ricorda soprattutto per romanzi come Blonde, sulla vita di Marilyn Monroe, Sorella, mio unico amore e Doppio nodo.

    Sono anni ormai che il pluripremiato scrittore statunitense si ritrova, stando ai pronostici, tra i super favoriti al Premio Nobel per la Letteratura. Che sia la volta buona? Considerato uno dei più grandi romanzieri ebrei di lingua inglese, è diventato famoso alla fine degli anni Sessanta con il controverso romanzo Lamento di Portnoy, una sorta di lungo monologo in cui il protagonista racconta la sua vita. Vincitore di numerosi premi letterari, alcuni suoi libri, tra i quali, appunto, Lamento di Portnoy e Addio Columbus e cinque racconti – con cui inizia, alla fine degli anni Cinquanta, la sua carriera di scrittore – sono stati tratti dei film di grande successo.

    Lo scrittore keniota, poeta e drammaturgo, considerato uno dei massimi esponenti della letteratura africana, era tra i candidati favoriti anche lo scorso anno quando, alla fine, vinse Modiano. Se dovesse vincere il Nobel per la Letteratura, sarebbe il secondo autore, proveniente dall’Africa nera, ad aggiudicarsi il prestigioso riconoscimento – il primo fu il nigeriano Wole Soyinka, nel 1986. Ma mentre quest’ultimo scrive in inglese, Ngugi Wa Thiong’o scrive anche in gikuyu e in swahili, le lingue del Kenia. Il suo primo romanzo, Weep Not, Child (uscito in Italia col titolo di Se ne andranno le nuvole devastatrici), è stato anche il primo in lingua inglese pubblicato da uno scrittore dell’Africa orientale.

    Hakuri Murakani è anch’esso inserito, ogni anno, nella lista dei favoriti al Nobel per la Letteratura. Nato a Kyoto nel 1949, è tra gli scrittori/traduttori giapponesi più famosi del mondo. Acclamato dalla critica sia in Giappone che all’estero, i suoi romanzi hanno venduto milioni di copie. Tra le sue opere più celebri Nel segno della pecora, del 1982, Kafka sulla spiaggia, del 2002 e Underground. Racconto a più voci dell’attentato alla metropolitana di Tokyo, del 1997, in cui raccoglie le interviste ai sopravvissuti e ai parenti della vittime dell’attacco compiuto con il gas Sarin dalla setta Aum.

    Come già nel 2014, anche quest’anno in cima alla top five dei bookmaker inglesi sui super favoriti al Nobel per la Letteratura 2015, c’è lei, Svetlana Aleksievic, giornalista e scrittrice bielorussa conosciuta in tutto il mondo grazie ai suoi libri in cui analizza le conseguenze sociali del post Unione Sovietica. Costretta all’esilio, nel 2000, dal presidente bielorusso Aleksandr Lukašenko, è autrice di romanzi e di reportage letterari in cui racconta la tragedia di Chernobyl, la vita dei soldati russi sul fronte afgano, la fine dell’Urss e la vita della Russia di oggi. Tra le sue opere più famose, Tempo di seconda mano. La vita in Russia dopo il crollo del comunismo, Ragazzi di zinco e Preghiera per Chernobyl.

    Oltre a quelli inseriti nella top five stilata in base ai dati delle agenzie di scommesse inglesi, nella rosa dei favoriti al Premio Nobel per la Letteratura 2015 compaiono, tra gli altri, anche i nomi di Amoz Oz, Milan Kundera, Umberto Eco, Ian McEwan, Thomas Pynchon e Salman Rushdie. Sembrano favoriti anche Dacia Maraini, Bob Dylan e (incredibile!) E.L. James, l’autrice delle celeberrime cinquanta sfumature.

    1103

    PIÙ POPOLARI