Dismaland di Banksy: il parco divertimenti più terrificante del mondo

Dismaland di Bansky è il parco divertimenti più terrificante del mondo. Ospita una serie di installazioni che rimandano al mondo delle favole attaccando però i mali del nostro tempo.

da , il

    Si chiama Dismaland, l’ultima opera di Banksy, un parco divertimenti ‘al contrario’ che di divertente ha davvero ben poco. Il controverso street artist – la cui identità è tuttora sconosciuta – è stato l’ideatore, l’organizzatore ed il finanziatore di questa strana, quanto originale, iniziativa che ha coinvolto diversi artisti le cui opere – comprese le dieci create da Banksy – fanno bella mostra di sé su una spiaggia abbandonata presso Weston-super-Mare, nel Somerset inglese. Già la location la dice lunga sull’atmosfera evocata dalla struttura che, a cominciare dal nome – ispirato a ‘Disneyland’ ma di fatto composto dalla parola ‘dismal‘, ossia ‘tetro‘ in inglese – è l’ennesima, geniale provocazione dell’artista che denuncia, così, la società di oggi, dalle istituzioni al capitalismo, dalla politica alla situazione in Medio Oriente. Inaugurato in il 22 agosto scorso, il parco rimarrà aperto solo per qualche settimana, fino al 27 settembre 2015.

    Il realtà Dismaland è solo un’abbreviazione, visto che il nome completo del parco è Dismaland Bemusement Park, dove il termine inglese ‘bemusement‘ (confusione, disorientamento) viene utilizzato, ironicamente, al posto di ‘amusement‘, che in italiano significa ‘divertimento’.

    L’installazione creata da Banksy è davvero sorprendente: una serie di opere ‘fiabesche’ che, sospese tra divertimento ed inquietudine, attaccano il mondo di oggi. Esattamente com’è nello spirito dello street artist: ‘disincantare’ le fiabe per descrivere in maniera esplicita, utilizzando l’arte, la società dei nostri tempi.

    All’interno del Castello che spicca in mezzo al parco c’è questa installazione formata da un gruppo di paparazzi che scatta foto sul luogo dell’incidente accaduto alla carrozza di Cenerentola.Qualcuno vede un chiaro riferimento alla morte di Lady Diana.

    Nello strano Luna Park creato da Bansky alcuni dei personaggi fiabeschi più celebri di sempre sono riproposti in chiave decisamente lugubre: dopo l’incidente di Cenerentola, ecco la Sirenetta non proprio in ottima forma.

    Questa è una delle installazioni più interessanti del parco: un mezzo corazzato antisommossa, con tanto di postazione per cecchini, utilizzato, in passato, in Irlanda del Nord. Nel parco di Banksy ha (anche) uno scivolo per bambini.

    Come ogni parco divertimenti che si rispetti, anche quello di Banksy ha la sua ruota panoramica accanto alla quale trova posto una gigantesca girandola coloratacommissionata, si legge in rete, per fornire energia elettrica‘ a tutta la struttura. Il guaio, però, è che sembra non basti a ricaricare neppure due smartphone contemporaneamente.

    Come dicevamo, il parco ospita una serie di opere realizzate dagli artisti che Banksy ha invitato a partecipare: questa, ad esempio, è frutto del lavoro di Peter Kennard e Cat Phillips.

    Anche questa strana giostra fa parte di Dismaland dove, durante tutto il tour attraverso le installazioni artistiche, il visitatore è accompagnato dalla voce di un bambino che, da un altoparlante, ammonisce: ‘Ricordate, l’ambizione è pericolosa quanto l’accontentarsi‘.

    Ma perché proprio un ex lido, il Tropicana, di una piccola località turistica a far da sfondo a questo anomalo parco divertimenti? ‘Ho amato il Tropicana fin da bambino, ha spiegato lo street artist, perciò riaprire queste porte è stato per me davvero un grande onore‘.