NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Capitale Italiana della Cultura 2016-2017: le 10 città finaliste

Capitale Italiana della Cultura 2016-2017: le 10 città finaliste
da in Archeologia, Cultura, Siti patrimonio UNESCO, UNESCO
Ultimo aggiornamento: Giovedì 02/07/2015 13:10

    Capitale Italiana della Cultura 2016-2017: sono 10 le città finaliste in corsa per il titolo, selezionate dalla giuria esaminatrice tra i 24 capoluoghi italiani candidati. I comuni prescelti – selezionati in base al progetto culturale presentato – dovranno inviare, entro il 15 settembre prossimo, un secondo, e molto più approfondito, dossier di candidatura definitivo in base al quale la giuria presenterà al Ministero dei Beni e della Attività Culturali e del Turismo due città italiane Capitali della Cultura, una per il 2016 e l’altra per il 2017. Se quest’anno, infatti, il titolo di Capitale italiana della Cultura è stato una sorta di ‘premio di consolazione’ – andato, tra l’altro, a Lecce, Cagliari, Perugia, Ravenna e Siena, le 5 città ‘sconfitte’, lo scorso autunno, dalla competizione che ha visto Matera diventare Capitale Europea della Cultura 2019 – per gli anni a venire la ‘sfida’ si fa più seria: dal prossimo anno, infatti, il titolo andrà ad una sola città italiana, insieme all’assegno da 1 milione di euro da utilizzare per progetti ed iniziative culturali. Ma quali sono le 10 città finaliste? Guardiamole insieme, nelle prossime pagine.

    Aquileia è un piccolo centro del Friuli fondato nel 181 aC come colonia romana. E’ tra i siti archeologici più importanti dell’Italia Settentrionale ed è stata, insieme a Udine e a Cividale del Friuli, una delle capitali storiche della regione. Aquileia è tra le 10 città finaliste per il titolo di Capitale Italiana della Cultura per il prossimo biennio, un titolo che, come è stato spiegato dal Mibact, è nato soprattutto dopo lo straordinario successo, e la grande partecipazione di numerose realtà italiane, del processo di selezione per la nomina di Capitale Europea della Cultura 2019, andato, com’è noto, alla città di Matera.

    Al confine con la Svizzera, Como è, oltre che una città paesaggisticamente splendida, anche un centro in bilico tra due differenti culture. Situato sull’omonimo lago, conta poco meno di 85mila abitanti.

    Famosa in tutto il mondo per gli scavi archeologici, la città di Ercolano è stata fondata, secondo la leggenda, da Ercole e distrutta dall’eruzione del Vesuvio nel 79 dC. E’, insieme a Pompei, Patrimonio dell’Umanità e dell’UNESCO e concorre per il titolo di Capitale Italiana della Cultura 2016-2017.

    Anche Mantova, con il suo splendido patrimonio rinascimentale, è tra le 10 città finaliste per il titolo di Capitale Italiana della Cultura. Città d’arte e preziosissima custode dell’eredità storica dei Gonzaga è, dal 2008, nella lista dei Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO.

    Con i suoi quasi 200mila abitanti, Parma è una delle città più belle dell’Emilia Romagna. Sede universitaria tra le più antiche d’Italia, nel 2014 è stata inserita dal quotidiano inglese The Telegraph al quarto posto come miglior luogo al mondo in cui risiedere per qualità della vita.

    Famosissima in tutto il mondo per la celebre Piazza del Duomo – detta anche ‘dei Miracoli’ – Pisa ha, tra i suoi monumenti, la caratteristica Torre Pendente, un campanile del XII secolo che cominciò ad inclinarsi dieci dopo l’inizio della sua costruzione. Come molte delle città in lizza per il titolo di Capitale Italiana della Cultura, anche Pisa ha alcuni monumenti, come Piazza del Duomo, nell’elenco dei siti Patrimonio UNESCO dell’Umanità.

    Ancora una città toscana, tra le 10 finaliste in corsa per il titolo di Capitale Italiana della Cultura. Un titolo che, come spiegato dal Ministero, si propone di valorizzare i beni culturali e paesaggistici delle città, di riqualificare lo spazio urbano, migliorare i servizi turistici e, soprattutto, stimolare lo sviluppo culturale attraverso progetti, iniziative e strategie pianificate che coinvolgano anche la popolazione.

    Ogni città candidata, tra cui anche Spoleto, ha inviato il proprio dossier culturale, valutato dalla giuria esaminatrice in base al progetto, ai caratteri innovativi, alla qualità, alla fattibilità e alla sostenibilità delle proposte avanzate.

    Antica colonia della Magna Grecia, Taranto è conosciuta, per la sua posizione geografia, anche come la ‘Città dei due Mari‘, nome dovuto al Mar Grande e al Mar Piccolo attorno ai quali, tra penisole naturali ed un’isola artificiale, si estende buona parte dell’abitato.

    Tra le 10 città finaliste in corsa per diventare Capitale Italiana della Cultura, anche la città umbra di Terni, famosa in tutto il mondo come la ‘città degli innamorati’ poiché ha dato i natali a San Valentino che ne è, tra l’altro, anche il patrono.

    1219

    PIÙ POPOLARI