NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Maturità: i trucchi per copiare che non dovreste mai imparare

Maturità: i trucchi per copiare che non dovreste mai imparare
da in Cultura, Esami di Maturità, Scuola
Ultimo aggiornamento: Lunedì 22/06/2015 17:17

    Chi è prossimo alla Maturità avrà già pensato ai trucchi da utilizzare per copiare: quelli che non dovreste mai imparare, voi studenti preoccupati dell’esame imminente, sono ormai da tempo ‘consultabili‘ in rete. Quanto mai ingegnosi, e tutti con un buon margine di riuscita, i trucchi per copiare sono sempre accompagnati da una certa dose di ansia mista a tranquillità, soprattutto se il rischio di essere scoperti può considerevolmente essere basso. Dipende ovviamente dal tipo di trucco che si decide di utilizzare: noi ve ne suggeriamo alcuni, ricordando a tutti, però, che quello migliore, la cui riuscita è super garantita, è uno solo: studiare!

    Spesso si rischia di perdere del tempo prezioso cercando qualche escamotage per avere a disposizione, durante l’esame, il maggior numero di informazioni possibile. Si sottrae del tempo allo studio per inventare un modo efficace per nascondere bigliettini, cellulari o qualsiasi tipo di applicazione tecnologica che consenta di avere fonti o libri a portata di mano, dimenticando che il trucco migliore per superare gli esami è da sempre credere in sé stessi e nelle proprie capacità.

    Scorrazzando sul web, tuttavia, ci si imbatte nelle invenzioni più stravaganti, che promettono però delle ottime riuscite. E’ il caso, ad esempio, del grandioso metodo proposto dal famoso sito ScuolaZoo: l’orologio bigliettino, un’incredibile invenzione che consiste in un lettore MP3 provvisto di 2GB di memoria, capace di contenere tantissime informazioni, tutte consultabili in qualunque momento dell’esame. Piccolo e compatto, è dotato di un ‘tasto d’emergenza‘ che schiacciato al momento giusto, trasforma il lettore in orologio: sul monitor-quadrante infatti scompaiono gli appunti e compare ‘magicamente’ l’ora. Geniale, non c’è che dire!

    Originale, per la prova d’italiano, anche il ‘metodo del vocabolario‘ proposto da un ingegnoso studente e in circolazione sulla rete, che consiste nel tagliare una pagina del dizionario (che abbia spazio bianco a sufficienza) sulla quale verranno stampate, con gli stessi caratteri e lo stesso format, tutte le informazioni necessarie per l’esame, riposizionando poi la pagina al suo posto.

    Professori permettendo, c’è poi il metodo del cellulare, da utilizzare insieme ad un auricolare e ad un aiuto da casa. Il trucco consiste nell’infilare l’auricolare sotto la maglietta (rigorosamente a maniche lunghe) fino al polso e, fingendo di sorreggere la testa appoggiando il gomito sul banco, parlare all’auricolare dopo aver stabilito l’orario di chiamata con la persona scelta per i suggerimenti, ed aver tolto, ovviamente, la suoneria al telefono. Certo, si corre un bel rischio, ma se la si passa liscia, questo è davvero un metodo stra-sicuro!

    Ma tecnologia, penne vuote, cartucciere e libri in bagno a parte, tra gli escamotage utilizzati per copiare durante gli esami di maturità vale la pena segnalare, quantomeno perché simpatici e originali, anche il metodo delle unghie – sulle quali appuntare le informazioni più importanti – quello del cerchietto – su cui incollare, nella parte che appoggia sui capelli, appunti e bigliettini.

    Poi c’è il metodo del raffreddore, con secchione accondiscendente annesso che, fingendosi raffreddato, si muoverà verso il cestino per buttar via il fazzoletto, al posto del quale invece lascerà cadere degli appunti. Forse un po’ meno indicati per la maturità – visto che i maturandi saranno guardati a vista – questi ultimi trucchi potrebbero essere utilizzati più per le verifiche o i compiti in classe, ma valeva la pena segnalarli, quanto meno per sottolinearne l’originalità e la fantasia.

    Stravaganti, tecnologici, semplici o tradizionali i trucchi per copiare sono davvero tanti. Ma quelli che vi abbiamo segnalato non vogliono certo essere un’ode alla furberia né tantomeno al copiato: studiare, come abbiamo più volte sottolineato, è il metodo migliore, quello che garantisce un buon, se non ottimo, risultato. Ma spesso, per affrontare la maturità, preparare appunti, fogliettini e qualche stratagemma può servire solo ad acquisire maggiore tranquillità, attenuando quell’ansia che accompagna da sempre ogni esame. E poi, perché no, può essere anche un buon metodo di ripasso, anche perché durante l’orale non c’è trucco o stratagemma che tenga.

    1098

    PIÙ POPOLARI