Canto Sacro, torna a Roma il Festival Internazionale ‘Fausto Flammini’ dal 5 al 7 giugno 2015

da , il

    Canto Sacro, torna a Roma il Festival Internazionale ‘Fausto Flammini’ dal 5 al 7 giugno 2015

    Canto Sacro, torna a Roma il Festival Internazionale ‘Fausto Flammini’: appuntamento dal 5 al 7 giugno 2015, nella basilica di Santa Maria in Aracoeli. Il Festival, promosso dal Centro Culturale Aracoeli dei Francescani di Roma in collaborazione con Roma Capitale e l’Associazione Musicale Vocalia Consort, propone concerti di musica vocale sacra di ogni epoca e tradizione, concentrandosi in particolare, in questa sesta edizione, a testimoniare la ricchezza e la versatilità della produzione musicale intesa nell’accezione più vasta, non solo liturgica ma anche religiosa, spirituale e meditativa.

    Torna a Roma l’edizione 2015 del Festival Internazionale di Canto Sacro ‘Fausto Flammini’, la rassegna dedicata al grande patrimonio musicale dal gregoriano all’età conteporanea. L’edizione 2015 sarà prevalentemente incentrata sulla musica barocca con una preziosa incursione nella musica slava nella serata di apertura con due gruppi vocali italiani e di una formazione proveniente dalla Bulgaria. Obiettivo della rassegna, in scena dal 5 al 7 giugno, proporre concerti di musica vocale sacra di ogni epoca e tradizione ma soprattutto una testimonianza della ricchezza e della versatilità della produzione musicale, non solo liturgica ma anche religiosa, spirituale e meditativa.

    Questo il programma 2015 del Festival Internazionale di Canto Sacro: tutti i concerti inizieranno alle 21 nella basilica di Santa Maria in Aracoeli e sono ad ingresso libero. Venerdì 5 giugno 2015, il quartetto vocale Svetoglas proporrà le magnetiche sonorità della tradizione folkloristica bulgara attraverso antiche monodie e moderne improvvisazioni sulle armonie del canto ortodosso; sabato 6 giugno, il Vocalia Consort diretto da Marco Berrini e accompagnato da un consort di strumenti antichi, interpreterà – in occasione del decennale della sua fondazione – una delle più intime e suggestive pagine del barocco d’oltralpe: Membra Jesu nostri di Dietrich Buxtehude (1680). Domenica 7 giugno, infine, sarà la volta dell’ensemble Abchordis, giovane ed emergente gruppo vocale e strumentale italiano che presentrà Sacre stravaganze, interamente dedicate alla scuola napoletana del Settecento e frutto di un accurato lavoro di ricerca e di studio di pagine e autori a torto dimenticati.

    Il Festival Internazionale di Canto Sacro è promosso dal Centro culturale Aracoeli dei Francescani di Roma, il Comune di Roma e l’Associazione musicale Vocalia Consort, grazie al contributo di FG GROUP, il Festival si avvale dei prestigiosi patrocini di Roma Capitale, del Pontificio Consiglio della Cultura e del Vicariato di Roma. Per maggiori informazioni, www.centroculturalearacoeli.it