Poesie di Natale in dialetto: ecco le più belle da tutta l’Italia

Quali sono le poesie di Natale in dialetto? Noi ne abbiamo scelte alcune, le più belle, provenienti tutte dalle diverse regioni d'Italia.

da , il

    In questo Natale abbiamo parlato tantissimo di poesia, fornendo utili esempi da utilizzare come meglio preferite. Ci sono state le poesie d’autore e quelle dedicate ai bambini della scuola primaria; però non dimentichiamo che ci sono tantissime poesie e rime natalizie anche in dialetto. Se è vero che sarebbe pura cortesia non parlare in dialetto a chi non lo capisce, è anche vero che perdere tutte le belle tradizioni dei dialetti sarebbe un vero e proprio peccato. Come al solito, potete utilizzare le poesie qui raccolte come più vi aggrada. Potreste usarle come lettura durante il cenone, a patto però di fornire una traduzione a chi il dialetto non lo capisce. Oppure come simpatici segnaposti, sempre con traduzione annessa. O ancora potreste declamarle stentoreamente prima, durante e dopo l’apertura dei pacchetti. Se continuate a seguirci nelle prossime pagine del nostro articolo, troverete alcune poesie di Natale in dialetto: ovviamente ce ne sono tantissime altre, ma per motivi di spazio non possiamo certo citarle tutte. Magari potreste aggiungere le vostre preferite, quelle che vi recitavano le vostre nonne, nei Commenti, in modo da ampliare la scelta. Dove è stato possibile, poi, abbiamo aggiunto anche la traduzione.

    Poesie di Natale in dialetto abruzzese

    La Squije

    La Squije di Natale dure n’ora/

    eppure quanta bbene ti sumente!/

    Tè na vucetta fine, e gna li sente/

    pure lu lancianese che sta fore!/

    Ti vùsciche di botte entr’a lu core/

    nu monne ch’à passate, entr’à la mente/

    ti squaije nu penzere malamente/

    nche nu ndu-lin-da-li che sa d’amore./

    E da na campanelle chiù cumune/

    eppure ti rifà gne nu quatrale,/

    ti fa pregà di core,’n ginucchiune./

    Ugne matine sone ma nen vale/

    la voce de lu ciele, pé ugnune,/

    chi sa pecché! … le té sole a Natale

    Traduzione

    La squilla di natale dura un’ora/ eppure quanto bene si semina!/ Tiene un bacetto fine, e lo sente/ pure il lancianese che sta lontano!/ Ti entra di colpo dentro al cuore/ un mondo che è passato entra nella mente/ ti squaglia un pensiero malamente/ non che non te lo da che sa d’amore./ Vi da una campanella più comune,/ eppure ti rifà come un bambino,/ ti fa pregare di cuore in ginocchio./ Ogni mattina suona ma non vale/ la voce del cielo, per ognuno/ chissà perché ce l’ha solo a Natale.

    Poesie di Natale nel dialetto della Basilicata

    Santa Lucia

    Santa Lucìa ìa pe mari,/

    nnù vivìa e nnù mangiava,/

    la m’bruntai Giasù Mmaria/

    “Cchì tu (g)ai Lucia mia?”/

    “Cchì bboglio avìni ghio,/

    tengo na figùria a l’occhj,/

    pu duluri mi sento morta!”/

    “Và Lucia nel mio (g)orto,/

    ng’è nu pede di finocchio,/

    cu li mani lu chiantai,/

    cu li pidi u scarpisai,/

    cu la vocca l’ho benedetto,/

    và Lucia addove t’ho detto!”/

    Traduzione

    Santa Lucia andava per mare,/

    non beveva e non mangiava,/

    la incontrò Gesù figlio di Maria/

    “Che cosa hai Lucia mia?”/

    “Cosa voglio avere io?/

    Tengo una furia negli occhi,/

    che per il dolore mi sento morta”/

    “Vai Lucia nel mio orto,/

    c’è un piede di finocchio,/

    con le mani l’ho piantato,/

    con i piedi l’ho rimosso,/

    con la bocca l’ho benedetto,/

    va’ Lucia dove ti ho detto!”

    Poesie di Natale in dialetto calabrese

    La nascita di Gesù Bambino

    Undi si’, cori meu? Ti ‘ndi fujisti?/

    ‘Nu Bambineju beju ti arrobbau!/

    Cu’ chiji occhiuzzi latri ti guardau,/

    e ‘na friccia azzippari (trafiggerti) ti sentisti!/

    Ma di’ la veritati: tu perdisti,/

    o fu megghiu pe’ tia ca ti ‘ncappau?/

    Vi’ chi paci e cuntenti ti portau!/

    Mannaja l’ura chi ‘nci dispiacisti!/

    Bambineju, ammansisti (domasti) ‘stu leuni:/

    ma servaggiu si fa prima chi scura:/

    tristu, è stortu, è duru, è ‘nu briccuni./

    Tu nenti fai, si non ‘nci teni cura:/

    lìgalu forti chistu caparruni (caparbio);/

    si nnò ti scappa centu voti l’ura.

    Poesie di Natale in dialetto campano

    E già… è Natale

    Che bello stu cielo stanotte!/

    Miezo a nu manto ê stelle lucente/

    ‘n’angiulicchio, biato, s’abbrazza â luna/

    r’argiento mente attuorno ‘na morra/

    ‘e strumiente sona cuntenta/

    p’’o Bambeniello. E già… è Natale./

    ‘O viento carreja sti nnote/

    e pe ‘nu mumento surtanto i core/

    se scordeno ‘e ppene p’’a ggioia/

    ‘e stu fatto reale./

    “Però, Marì, tu ‘o ssaje ca n’abbasta/

    ‘na museca angelica, ‘na capanna,/

    ‘nu munnu ê pacchette all’abbete,/

    luce e lucette sbrennente/

    pe fa veramente Natale!/

    E quanno mille penziere e mille/

    cchiuove spuntute t’arravoglieno ’a capa/

    comm’a curona ê cristencroce/

    quanno ‘a vita, scura, te fa sputà lacreme/

    amare – dimme tu – è ancora Natale?”./

    “Eh, core mio, tu hai raggione,/

    ma si tutte ‘nzieme ‘a porta do’ core/

    e da’ speranza tenimmo spalancata,/

    si nce facimmo purtà/

    -comme i pasture cu ’a cumeta-/

    fino ô Bambino, forse sulo tanno/

    nce scetammo d’ô sprufunno cchiù funno/

    e capimmo ‘a meraviglia vera do’ Natale”./

    ‘Na morra ‘e strumiente sona luntano/

    ‘o viento int‘’o core carreja sti nnote …/

    È Natale ancora.

    Traduzione

    Quanto è bello il cielo stanotte!/

    Fra un manto di stelle lucenti/

    un angioletto, beato, abbraccia la luna/

    d’argento mentre intorno uno stuolo/

    di strumenti suona gioioso/

    per il Bambinello. E già… è Natale./

    Il vento diffonde le note/

    e per un momento soltanto i cuori/

    accantonano crucci e tormenti/

    per la gioia di questo evento reale./

    “Però, Maria, tu sai bene che non basta/

    una musica celestiale, una capanna,/

    una miriade di doni appesi all’abete,/

    luci e lucine splendenti/

    per fare un vero Natale./

    E quando mille pensieri e mille/

    chiodi appuntiti ti cingon la testa/

    come la corona di Cristo in croce/

    quando la vita, triste, ti fa versare lacrime/

    amare – dimmi tu- è ancora Natale?”/

    “Cuore mio, tu hai ragione,/

    ma se tutti insieme spalanchiamo/

    la porta del cuore e della speranza/

    se ci lasciamo guidare/

    - come i pastori con la cometa -/

    fino al Bambino, forse solo allora ci sveglieremo/

    dal buio profondo e comprenderemo/

    la meraviglia vera del Natale”.

    Un concerto di musica vien da lontano/

    il vento accoglie le note e al cuore le affida …/

    È Natale ancora.

    Poesie di Natale in dialetto emiliano

    l’Av Mari

    L’Av Mari: chi è a cà di eter vaga vi/

    an degh megga par vò cumpèr/

    ch’a psi stèr in fen ch’av pèr./

    Mo se mé a foss vgnò in cà vostra/

    come vo a si vgnò in cà mi/

    al srev un pez ch’a sré andè vi!

    Traduzione

    L’Ave Maria: chi è a casa degli altri vada via,/

    non dico per voi compare/

    che potete restare fin che vi pare./

    Ma se io fossi venuto in casa vostra/

    come voi siete venuto nella mia/

    sarebbe un bel po’ che sarei andato via!

    Poesie di Natale in dialetto friulano

    Aga santa dai Tres Res

    Aga santa dai Tres Res/

    jo ti buti ta chest cjamp/

    jo ti buti ta chest ciavés,/

    il Signòr va cjalant/

    e il demoni va scjampant/

    Pari, Fili, Spirtu Sant!

    Traduzione

    Acqua santa dei Tre Re/

    io ti butto in questo campo/

    fino al punto più lontano/

    il Signore va guardando/

    il demonio va fuggendo/

    Padre, Figlio, Spirito Santo!

    Poesie di Natale in dialetto laziale

    N’antro pacco pe’ Natale

    Come che l’apro ce so’ canti e soni/

    stelle filanti e gente a rallegrasse/

    li fochi d’artificio, er vino a casse,/

    luci abbajianti e splennini festoni./

    Ma como che smartisco l’illusioni/

    ce trovo l’esattore de le tasse,/

    li buffi, co’ mi mojie a lamentasse,/

    li bolli e…’n mucchio de contravenzzioni./

    E più ciafruji levo, più ne stanno,/

    li mammadroni, l’ansie, le paure:/

    è paro paro quello de l’artranno!/

    Infonno c’é ‘n bijietto de Natale:/

    si nun saranno auguri passi pure,/

    abbasta che nun é n’antra cambiale./

    Traduzione

    Come lo apro ci sono canti e suoni,/

    stelle filanti e gente a rallegrarsi,/

    i fuochi d’artificio, il vino a casse,/

    luci abbaglianti e splendidi festoni./

    Ma appena che passano le illusioni/

    ci trovo l’esattore delle tasse,/

    i debiti, con mia moglie che si lamenta,/

    i bolli e un mucchio di contravvenzioni./

    E più impicci tolgo e più ne trovo/

    i nervosismi, le ansie , le paure:/

    e proprio uguale al pacco dello scorso anno./

    Infondo c’è un biglietto di Natale:/

    se non saranno auguri passi pure, ma basta che non sia un altra cambiale.

    Poesie di Natale in dialetto ligure

    Aia de Natale

    Luxe scintillanti in te vedrinn-e/

    tra i rumori assordanti da çittæ,/

    reste coloræ de lampadinn-e/

    e donne infreidoie impelissæ./

    I maxellæ c’han da dâ in te l’euggio/

    pe vende i mëgio stalli preparæ/

    anche l’entrata addobban con l’aofeuggio/

    coscì fan un sacco de dinæ,/

    e cornamuse stan sunnando e nenie/

    mentre a vegetta de rostie/

    a çende o feugo, ma primma a leva a çenie/

    pe poei fâ in moddo che o fornello o tïe./

    In tutte e gëxe han zà preparòu/

    un nïo de paggia lì tra l’äse e o beu/

    co-a Madonna e san Giöxeppe inzenoggiòu/

    aspëtando che nasce o so figgeu.

    Traduzione

    Luci scintillanti nelle vetrine/

    tra i rumori assordanti della città,/

    file colorate di lampadine/

    e donne infreddolite impellicciate./

    I macellai che devono attirare l’attenzione/

    per vendere i pezzi migliori/

    hanno addobbato l’entrata con l’alloro/

    così fanno un sacco di denari,/

    le cornamuse stanno suonando le nenie/

    mentre la vecchietta delle castagne arrostite/

    accende il fuoco, ma prima leva la cenere/

    per fare in modo che il fornello tiri./

    In tutte le chiese hanno già preparato/

    un nido di paglia lì tra l’asino e il bue/

    con la Madonna e san Giuseppe inginocchiato/

    aspettando che nasca il loro bambino.

    Poesie di Natale in dialetto lombardo

    Voglia di natale

    Col cœur an’mò ingarbiaa in de la cassina/

    el se bestira i òss l’ultim paisan,/

    e la candela pizza in la bosia/

    la mett in ciar i barlafus d’on temp:/

    la bròcca in del tripee portacadin,/

    l’acquasantin e la Maria Bambina/

    fassada in de la cuna d’on veder a campana./

    E l’œucc el corr sui trav e sul camin/

    con dent an’mò freguj de scendra antiga./

    La vœuja de Natal l’è lì con lù/

    sul materass de fœuja de melgon./

    La vœuja d’on Natal come ona vòlta,/

    con tanti vos che riven de lontan,/

    come in d’on sògn…/

    Vos de tosann che canten sul sentee…/

    …là in fond… tra i fontanitt.. vesin al Lamber…/

    “Tu scendi dalle stelle…”/

    Su donca! Riva gent!/

    Gh’è chi el Natal, Natal come ona vòlta…/

    Mett el pariœu sul fœugh…/

    canella, acqua e saa, farina gialda…/

    e…alé…òli de gombed./

    Se sgrana trii rosari/

    e se la cuntom-sù dent in la stalla./

    Gh’è chì l’Armida, quella di ricamm,/

    el Gino cavallant cont el clarin…/

    i fiœu ch’hinn mai cressuu, el bergamin./

    Tra el pòrtich e la stalla… quanta gent…/

    ghe vœur an’mò on quej scagn, ona banchetta/

    e on para de fiaschett… per la polenta./

    Se smòrza la candela sul ciffon,/

    el gatt el s’è fognaa in d’on quej canton/

    e intant l’ultim paisan/

    el nega in d’on bell sògn…/

    e par ch’el rida.

    Traduzione

    Con il cuore ancora aggrovigliato nella cascina/

    si stiracchia le ossa l’ultimo contadino./

    E la candela accesa nella bugia/

    mette in luce le cianfrusaglie di un tempo:/

    la brocca nel treppiedi porta catino,/

    l’acquasantino e la Maria Bambina/

    fasciata nella culla/

    di una campana di vetro./

    E l’occhio corre sulle travi e sul camino/

    con dentro ancora briciole di antica cenere./

    La voglia di un Natale è lì con lui/

    sul materasso di foglie di granoturco./

    La voglia di un Natale come un tempo,/

    con tante voci che arrivano da lontano,/

    come in sogno…/

    Voci di ragazze che cantano sul sentiero…/

    …là in fondo… tra i fontanili… vicino al Lambro…/

    “Tu scendi dalle stelle…”/

    Su, dunque! Arriva gente…/

    C’è qui Natale, il Natale di un tempo…/

    Metti il paiolo sul fuoco…/

    cannella, acqua e sale, farina gialla…/

    e… alé… olio di gomito./

    Si sgranano tre rosari/

    e ce la raccontiamo dentro la stalla./

    C’è l’Armida, quella dei ricami…/

    il Gino cavallante con il clarino…/

    i figli mai cresciuti, il bergamino./

    Tra il portico e la stalla… quanta gente…/

    occorrono altre sedie, una panca/

    e un paio di fiaschetti per la polenta./

    Si spegne la candela sul comodino,/

    il gatto si è ficcato in qualche angolo/

    e intanto l’ultimo contadino/

    annega in un bel sogno/

    e sembra ridere.

    Poesie di Natale in dialetto marchigiano

    U’ Natale nòu

    Truerà ‘nco’ ‘na strada/

    que’la stella/

    pe’ bucca’ dréntu ‘sta tèra/

    e parlà de PACE/

    ‘nte ‘sti celi ‘nfradiàti?/

    Solu un occhiu de fede,/

    ‘éde ‘na luce,/

    un balùgenu grannu de speranza,/

    un udore bònu de Natale,/

    un còre chiaru/

    che sciùcca le lagréme e calma/

    i piànti longhi de ‘sse criature./

    Su la porta de ‘na stalla/

    se dée chiùde/

    l’abbissu del monnu/

    e u’ Natale nòu,/

    cul baluginà chiàru de cèlu/

    ‘rierà/

    cume un sole che spunta/

    quànnu se alza la luna,/

    cu’ ‘na calma de pàja/

    e lale sopra i cìji.

    Traduzione

    Troverà spiragli/

    ancora la cometa/

    per scivolare sulla terra/

    e annunciare PACE/

    in questi cieli contaminati?/

    Soltanto occhi di fede/

    scorgono una luce,/

    un bagliore grande di speranza,/

    una fragranza natalizia d’amore,/

    un cuore chiaro/

    che asciughi lacrime e plachi/

    singhiozzi lunghi di bambini./

    Sulla soglia di una stalla/

    si chiuda/

    il bàratro del mondo/

    ed un Natale nuovo,/

    dai chiari barlumi di cielo,/

    giunga/

    come un sole che sorge,/

    quando spunta la luna/

    con quiete di paglia/

    ed ali sulle ciglia./

    Poesie di Natale in dialetto molisano

    Nateale lundeane

    Cara mamma, Nateale st’arrevénne/

    e me vé sémbre nustalgioja/

    d’arrabbracciarte dòppe tanda énne/

    e d’arvedaje ru paese moja./

    Ru présepie de sopr’a chella taura/

    come na vòlda vularroja arfeaje,/

    che la ranoja,l’èdera e la laura/

    na grotta tante bbella arraccungeaje./

    Arsendòjera na zé la pasturélla/

    gna la suneava sémbre la scupoina,/

    che la zambogna e che la tutarélla,/

    déndr’a la casa nòstra la matoina./

    E la veijria a saira accussì bbélla/

    arrappeccìea na ndoccia vularroja,/

    e na ferreata d’ostia e na pèzzélla/

    tande saproita me l’armagnarroja./

    Da chésse tradezìune accuscì cheare/

    a sta lundeane è na malengunoja,/

    ma ce separa tanda tanda meare/

    e d’arvèderle facce la vuloja./

    Pe’ té mò stiénghe schitta a pregà Ddoja:/

    te pòzza allundaneà da ogne meale/

    e darte la salìute e l’allegroja./

    Augurie cara mamma, bon Nateale.

    Traduzione

    Cara mamma, Natale sta arrivando/

    e mi viene sempre la noastalgia/

    di abbraccirarvi dopo tanti anni/

    e di rivedere il mio paese./

    Il presepio sopra a quel tavolo/

    come una volta vorrei rifare/

    con il muschio,l’edera e l’alloro/

    una grotta l’aggiusterei così bella./

    Risentirei un pò la Pastorale/

    come la suonava sempre lo zampognaro/

    con la zampogna e la ciaramella,/

    nella nostra casa di mattino./

    E a vigilia a sera così bella/

    vorrei accendere una ‘ndoccia,/

    e un’ostia e una pizzetta/

    così saporita mi rimangerei./

    Da queste tradizioni così semplici/

    stare lontano è una malinconia,/

    ma ci separa tanto tanto mare/

    e di rivederti faccio desiderio./

    Per te ora sto perciò pregando Dio:/

    ti possa tener lontano da tutti i mali/

    e darti la salute e la gioia./

    Auguri cara mamma, buon Natale.

    Poesie di Natale in dialetto piemontese

    Parchè propi pàr Nadàl

    L’éva al di’t Nadàl, cönd ti m’è piantà./

    Che giurnaa. Fin in fùnd al cor ti m’è sgilà./

    Tücc évan alégar, cùntént, al caud , in cùmpàgnia,/

    e mi disprà, sönza al tö càlòr, da par mi, cùmè na spia./

    I mögn düi tòich at già-sc in divantai. Önca al naas e i’urögi,/

    sautàvan via, dùmà vardài, tönt chi évan frögi./

    Pàrluma mia di péi, sgilè cùmè’n bùrdón./

    Ti m’è pròpi ruvinà la giurnaa, ti mè fàcc staa da cön./

    Ma cù-s tè mai gnü in mént, parchè pròpi par Nadàl,/

    ti pùdevi mia faam càpi, ti pùdevi daam un signàl./

    T’il sé bögn inca ti, bastard d’un brüsàdór,/

    che trùva n’idràulic al di’ t Nadàl, l’è cùmè trùvà ’n tisòòr./

    Traduzione

    Era il giorno di Natale, quando mi hai lasciato./

    Che giornata. fino in fondo al cuore mi hai gelato./

    Tutti erano allegri, contenti, al caldo, in compagnia,/

    e io disperato, senza il tuo calore solo come una spia./

    le mani due pezzi di ghiaccio sono diventate./

    Anche il naso e le orecchie si staccavano solo a guardarle, tanto erano fredde./

    Non parliamo dei piedi, gelati come una rapa./

    Mi hai proprio rovinato la giornata, mi hai fatto sentire come un cane./

    Ma cosa ti è venuto in mente, perchè proprio a Natale, potevi darrmi un avvertimento./

    Lo sai bene anche tu, bastardo di un bruciatore,/

    che trovare un’idraulico il giorno di Natale, è come trovare un tesoro./

    Poesie di Natale in dialetto pugliese

    Poesia di Natale

    Nu’ passarìdde mèzze spelàte, sop’a la nève stève appeggiaàte,/

    tremmuèsce e a malapène move le scèdde/

    soffre pe ffame e soffre pe frìdde/

    eppure iè Natàle, fèste d’ammòre/

    fosse che u passere non dène u core?/

    Sì, non dène l’aneme confrònde a nnu’!/

    Ges’Criste alle peverìdde pinzece tu….!

    Poesie di Natale in dialetto sardo

    Torrat Nadale

    Falat dae chelu/

    i n chejas lughidas/

    in piattas e carrelas/

    a festa tramudadas/

    in domo de su riccu/

    dae saradu incoronadu,/

    inoghe igùe…/

    inue bi ses tue/

    cun sa bertela piena…/

    Est Nadale,/

    sa festa tua, fiza…/

    sa festa de su perdonu e de s’amore/

    sa festa de su dolore/

    sa festa de su tribagliu/

    sueradu santamente/

    sa festa de sa zente/

    sidida de paghe./

    Festa de homines de bona voluntade.

    Poesie di Natale in dialetto siciliano

    Natali oggi

    Ora ca s’avvicina lu Natali/

    Me’ figghiu voli rigalatu un jocu/

    E già pripara la so’ littricedda/

    Pi’ dumannari qualchi cosa bedda./

    “Papà”, mi dissi, “vulissi rigalatu/

    Lu robot, ca si trasfurma e parra,/

    e poi ancora la televisioni/

    unni vidiri sulu li cartoni./

    Vulissi puru unu di ddi jochi/

    Ca servinu a cumprenniri la vita,/

    Oppuru lu computer ‘ntilligenti,/

    ca fa li cunta e nun si scorda ‘i nenti”./

    Mi vinni ‘n menti lu me tempu jutu,/

    di quannu ‘stu binessiri nun c’era,/

    e lu cchiù beddu pupu canusciutu,/

    fu ‘na quasetta china ‘i sirratura.

    Traduzione

    Ora che Natale s’avvicina/

    mio figlio vuole in regalo un gioco/

    e già prepara la letterina/

    per domandare qualcosa carina./

    “Papà”, mi disse, “vorrei in regalo/

    un robot, che si trasforma e parla,/

    e poi ancora la televisione/

    dove vedere solo cartoni animati./

    Vorrei anche uno di quei giochi/

    che servono a capire la vita,/

    oppure il computer intelligente,/

    che fa di conto e non dimentica nulla”./

    Mi torna in mente il mio tempo andato,/

    quando questo benessere non c’era,/

    e il gioco più bello conosciuto/

    fu una calzetta piena di segatura.

    Poesie di Natale in dialetto toscano

    Non proprio di Natale, ma molto bella lo stesso:

    M’è stato regalato tre viole:/

    Me le son messe sotto il capezzale/

    Tutta la notte ho sentito l’odore./

    Quando che mi partii dal mi’ paese,/

    Lasciai piangendo la mi’ innamorata./

    E l’era tanto bella e sì cortese/

    Mi prese a domandare della tornata,/

    E gli risposi con poche parole:/

    La tornata sarà quando Dio vole./

    E gli risposi con parola umìle:/

    La tornata sarà fra maggio e aprile./

    E quante volte m’affaccio nel colle/

    Per veder se ‘l mi’ amor vedo apparire/

    E non vedo tremar altro che foglie./

    Quando nasceste voi nascè una valle/

    Nascè una stella tra la luna e il sole./

    Nascè l’ulivo per farvi la palma,/

    Nascè l’incenso per darvi l’odore.

    Poesie di Natale in dialetto trentino

    Stasera

    Stasera, stasera/

    gh’è vènt de bufera;/

    a lum de candela/

    la nòna la sgrana/

    memorie lontane/

    de anguane,/

    zobiane./

    Stasera, stasera/

    la selva l’èviva,/

    l’è tut movimènt/

    de ombrie tra le rame/

    sui spigoi del vènt./

    “Wer reitet so spàt durch Nacht un Wind?”/

    E conta che conta/

    filando ricordi/

    che vègn da lontan,/

    ritorna ‘l Salvan/

    da la man spaventose/

    pelose,/

    rugose,/

    che ‘l squarta, che ‘l sbrana,/

    che l’urla a la luna,/

    lontana lontana,/

    dal fònt de la tana./

    “Mein Vater, mein Vater, und horest du nicht?”…/

    Tra i alberi passa/

    slusori e figure,/

    la selva l’è viva/

    de strane creature./

    La conta la nòna,/

    a lum de candela,/

    la lònga sequela/

    de storie lontane/

    de anguane,/

    zobiane./

    Se sgrana la nenia,/

    ma zà ‘l matelòt/

    colora i so sogni/

    del blu de la nòt …

    Poesie di Natale in dialetto umbro

    ‘Na speranza c’è…

    Ghjé s’è stranito er sonno da le stelle,/

    la luna non pòle troà pace,/

    stanotte succete quarghjccosa;/

    njscjuno s’er sà spiecà,/

    ma sotto sotto ‘n mistero ci stà./

    San Ghjuseppe s’arcomanna:”arrì so’ somaro mio, moémece, doemo apprescià,/

    e no’ scencellà tanto,/

    ché porti la Matre de Dio!/

    Pe’ stù Fjo che sta pe’ nasce,’n posto se troerà!”/

    E’ menzanotte sonata,er monno s’è fermato,/

    ‘na stalla apre le porte./

    E’ ghjta proprio bene,/

    nasce tra paja e fieno,/

    l’amabbile Bambino./

    L’angiulitti a mìarate,volanno tra le stelle,/

    vonno a chiappà la luna,/

    pe’ accenne le cannelle;/

    artroono li strumenti,le trombe/

    e li clarini,ghjé donno a tutto fiato,/

    pe’ svejà la ghjente./

    ” Er Fjaréllo è nato,svejateve/!

    Ghjete a veté quant’è carillo!/

    Cambiate er calendario de’ la storia,/

    perché ammo’ ‘na speranza c’è/

    e non dicete più ch’è tutto ‘nu sfacèlo,/

    perché ogghj su sta Terra/

    c’jà messo le mane er Célo!/

    Se dice che a Beagne, la notte de Natale/

    le bestie parlaono e specie li somari./

    La somara de Fischio,/

    quella de Bagattella,/

    er somaro de Neno de Cirocco/

    e qujllo de Cascò,/

    arraggjaono co’ ‘na voce/

    che parìa ‘na campana che fa din don!

    Traduzione

    Le stelle non hanno più sonno/

    la luna non trova più pace/

    stanotte succede qualcosa di strano,che nessuno si sa spiegare,ma c’è un mistero./

    San Giuseppe si rivolge al somaro e si raccomanda di fare in fretta e di non traballare tanto, perché trasporta la Madre di Dio. Spera di trovare un posto per far nascere il Bambino./

    E’ mezzanotte in punto,il mondo sembra fermo,una stalla li accoglie.E’ andata bene ,il Bambino amabile nasce tra la paglia e il fieno./

    Gli angioletti a migliaia volando tre le stelle vanno sulla luna per accendere le candeline.ritrovano i loro strumenti musicali e suonano a tutto fiato per svegliare la gente.gridano: il Figliuolino è nato,/

    andate a vedere quant’è carino!/

    Ora cambia la storia,e non dite più che/

    il mondo è in sfacelo,perché oggi sulla Terra ci ha messo le mani il Cielo!/

    Si dice che a Bevagna la notte di Natale parlavano gli animali e specie gli asini ,ragliavano come una campana che fa din don!

    Poesie di Natale in dialetto valdostano

    Anche qui non proprio natalizia, ma molto bella:

    Ah, retournar!… Ah, ritornar

    Lou ransignol chanto pus sa chancoun/

    din le sere d’istà,/

    coumo din les misoun/

    pus se senten i chant di minà./

    Lou silenci es din ma coumbo/

    sus les lièri l’erbo es loungo,/

    de lou béu temp passà/

    soulèt en recort es istà./

    Ah! retournar ai temp di nosti paire,/

    quouro èren tuchi urcus,/

    bèn que de sòut n’avìhen gaire./

    Euro ren que de croubas chànten per nous/

    e, coumo na tristo chancoun,/

    seméo que dìsen: «Vitoun,/

    nousiauti venarèn après de vous!»/

    Traduzione

    L’usignolo non canta più la sua canzone/

    nelle sere d’estate,/

    cosi come nelle case/

    più nen si odono i canti dei bambini./

    Il silenzio è nella mia vallata,/

    sulle aie l’erba è lunga,/

    del bel tempo andato/

    è rimasto solo un ricordo…/

    Ah, ritornare al tempo dei nostri padri,/

    quando tutti erano felici,/

    benché avessero pochi soldi./

    Ora non cantano che i corvi per noi è/

    e, come una triste canzone,/

    sembrano dire: «Montanari,/

    noi prenderemo il vostro posto».

    Poesie di Natale in dialetto veneto

    El me pastore sopo

    L’è cascà in tera/

    e s’à roto ‘na gambeta,/

    finta de gnente,/

    nissun à visto ‘na lagrimeta./

    El me pastore,/

    su le so spale n’agneleto,/

    l’ò sempre tegnù da conto/

    col so difeto./

    La stradeta de farina,/

    el lagheto e tuto el resto/

    e ogni ano, lu,/

    lo fracà in mezo al mus-cio fresco,/

    in mezo a le pegore,/

    ‘n’anara o ‘n’oco:/

    nissun faséa caso…/

    che lu el fusse sopo./

    Vegnarà el curato/

    a premiare el presepio pi’ belo/

    e qualchedun cavarà dal mus-cio/

    el me pastorelo/

    el l’à cavà/

    sbregandome ìa qualcossa dal core/

    che a mi…/

    el me piasèa sopo… el me pastore.

    Traduzione

    E’ caduta a terra/

    e si è rotta una gambetta/

    finta di niente,/

    nessuno ha visto una lacrimetta./

    Il mio pastore,/

    sulle sue spalle un agnello,/

    l’ho sempre conservato/

    con il suo difetto./

    La stradina di farina,/

    il laghetto e tutto il resto/

    e ogni anno,/

    l’ho fatto stare in piedi in mezzo al muschio fresco,/

    tra le pecore,/

    un’anatra o un oco:/

    nessuno faceva caso…/

    che lui fosse zoppo./

    Arriverà il curato/

    a premiare il presepe più bello/

    qualcuno toglierà dal muschio/

    il mio pastorello,/

    lo ha tolto/

    strappandomi qualcosa dal cuore/

    che a me… piaceva zoppo…/

    il mio pastore./