NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Biblioteche spettacolari in giro per il mondo

Biblioteche spettacolari in giro per il mondo
da in Architettura, Arte, Cultura
Ultimo aggiornamento: Lunedì 22/06/2015 15:24

    Quali sono le biblioteche più spettacolari in giro per il mondo? Spesso meta di visite turistiche, sono però, soprattutto per gli amanti dello studio e della lettura, dei luoghi di grande fascino, dove i volumi, sistemati per bene tra ripiani e scaffali, non possono non apparire davvero bellissimi. Non solo. Entrare in uno di questi magnifici posti significa poter scegliere tra un’infinità di libri di ogni genere ed ammirare, stando comodamente seduti, la straordinaria bellezza di molti di questi templi del sapere: oltre ad essere degli edifici di grande importanza storica, molte delle biblioteche più spettacolari del pianeta sono dei veri capolavori di architettura contemporanea. Non ci credete? Scorrete le prossime pagine, avrete modo di ammirare alcuni dei luoghi di lettura più belli ed affascinanti dell’intero pianeta.

    Situata nella foresta ai margini del villaggio di Jiaojiehe, a due ore dal caos della capitale, la piccola biblioteca Liyuan sembra essere totalmente in controtendenza rispetto ai ritmi frenetici della Cina di oggi. La sala di lettura, così come l’intera costruzione, è pensata infatti non solo come luogo per offrire un servizio ma come vera e propria esperienza personale, intima e a contatto con la natura.

    Disegnato dall’architetto olandese Jo Coenen, questo piccolo gioiello di comfort e di design, disposto su 10 piani, è fornito di oltre mille postazioni di lettura, la maggior parte delle quali con internet e computer. La biblioteca, inaugurata nel luglio del 2007, è diventata in poco tempo una delle costruzioni più belle della capitale olandese, meta perfetta per chi, turista o lettore, ha bisogno di dedicare un po’ di tempo al piacere dei libri.

    Tra le biblioteche più spettacolari del mondo, quella situata negli edifici del Parlamento di Ottawa è stata inaugurata nel 1876. Ricchissima di volumi antichi, è tra le mete più importanti per i turisti in visita nella capitale canadese.

    La maestosa Biblioteca Nazionale di Pechino, la seconda più grande del mondo, conta una superficie di 250mila metri quadrati ed ospita ogni giorno oltre 12mila lettori. Inaugurata nel 1909, accoglie, tra le migliaia di scaffali, qualcosa come 29 milioni di volumi, a disposizione degli ospiti tutti i giorni dell’anno.

    Con i suoi 158 milioni di documenti la splendida Library of Congress di Washington è la biblioteca più grande del mondo. Ospita, infatti, più di 50 milioni di manoscritti, tantissimo materiale stampato in quasi cinquecento lingue, la più ampia raccolta di libri rari sull’America Settentrionale – di cui anche una Bibbia di Gutenberg – e la collezione più grande del mondo di film, mappe, spartiti musicali e registrazioni sonore. L’edificio che la ospita, inoltre, il Palazzo Thomas Jefferson, è considerato tra gli esempi più imponenti dell’architettura tipica dell’American Renaissance.

    Progettata nel 1990 dall’israeliano Moshe Safdie, la Biblioteca Centrale di Vancouver riprende, soprattutto esternamente, le linee tipiche dell’anfiteatro romano; ricorda, infatti, il Colosseo. Accoglie quasi 3 milioni di volumi – tra stampe, documenti e libri – ed è la seconda biblioteca più grande del Canada.

    Tra le più grandi della Scandinavia, la Biblioteca Reale di Copenaghen è suddivisa in quattro siti – ognuno dedicato ad una area tematica – ed ospita una collezione di circa 11mila volumi, tra libri e manoscritti. Il nuovo edificio, inaugurato nel 1999 e progettato da Schmidt Hammer Lassen, è stato costruito contiguo al primo e viene comunemente chiamato The Black Diamond, a causa delle lastre di marmo nero e di vetro scuro che rivestono tutta la facciata esterna.

    La Bibliotheca Alexandrina è il centro culturale più importante dell’area del mar Mediterraneo. Costruita per onorare quella antica distrutta dai romani, ha un aspetto imponente ed una struttura singolare: è rivolta verso il mare e ricorda vagamente una meridiana. Inaugurata nel 2002, copre una superficie di 70mila metri quadrati, distribuiti su undici livelli, e comprende tre musei, quattro gallerie d’arte un planetario ed un laboratorio per il restauro dei manoscritti.

    Oltre ad essere una delle biblioteche più belle e spettacolari del mondo, la New York Public Library è anche una delle più famose, nonché la terza più grande dell’America del Nord. Stiamo parlando della struttura situata a Manhattan, sulla Quinta Strada, che rientra in un sistema molto più ampio di biblioteche che comprende, accomunate tutte dallo stesso nome, ben 87 edifici, tutti distribuiti nei quartieri di Manhattan, Bronx e Staten Island. La collezione complessiva ospitata da tutte le strutture conta oltre 50 milioni di testi, tra libri, manoscritti e documenti di vario genere.

    Decisamente moderna, la Biblioteca di Stoccarda è costituita da un insieme di scale e di ampi spazi, tutti rigorosamente bianchi. Progettata dallo studio Yi Architechts la struttura è composta da nove piani suddivisi in diverse sezioni, dall’Arte alla musica, dal Diritto Amministrativo a quella dedicata alla Terza Età. E’ tra le biblioteche multimediali più famose ed attrezzate del mondo.

    Unica al mondo per struttura – la facciata esterna riproduce, infatti, i dorsi delle copertine di alcuni dei libri più letti in assoluto – la Biblioteca Pubblica di Kansas City è stata fondata nel 1873. Dotata di diversi spazi dedicati ai bambini, offre, tra l’altro, un servizio gratuito online per ricevere aiuto nello svolgimento dei compiti. Piccola curiosità: i titoli dei libri in evidenza all’esterno dell’edificio, ventidue in tutto, sono stati scelti direttamente dai cittadini, che hanno inserito tra gli auotri più ‘gettonati’ di sempre anche Shakespeare e Tolkien.

    Questa splendida struttura, disegnata da Herzog & de Meuron per il Politecnico di Brandeburgo fondato nel 1991 dopo la riunificazione della Germania, è formata da un involucro di vetro e lettere che riproduce i caratteri di alfabeti diversi. Completata nel 2004 ospita, all’interno, una colossale scala a chiocciola che collega i numerosi piani. Davvero un magnifico esempio di architettura contemporanea.

    L’antica Biblioteca del Tempio di Haeinsa è sicuramente una delle più suggestive ed affascinanti del mondo. E’ patrimonio mondiale dell’umanità poiché custodisce, tra i volumi che ospita, anche le Triptaka Koreana, una preziosissima collezione di testi buddhisti – oltre otto mila – incisi su tavolette di legno risalenti al XIII secolo dopo Cristo.

    Situata all’interno del monastero benedettino di Admont, è la più grande biblioteca monastica del mondo: le sue dimensioni, infatti, sembrano quelle di una cattedrale. L’edificio è in stile rococò, mentre l’interno è illuminato da una serie di bellissime cupole decorate con affreschi allegorici in Trompe-l’œil, opera del pittore barocco Bartolomeo Altomonte.

    Costruita alla fine del Settecento è situata all’interno di uno dei complessi monumentali più importanti della capitale, ed è diventata Biblioteca Nazionale solo nel 1990, ossia dopo la caduta del regime comunista. Ospita 6 milioni di documenti, tra i quali una raccolta mozartiana con manoscritti originali. Dallo stile elegante e suggestivo, è un notevole esempio di architettura barocca, in particolar modo la sala lettura che era, un tempo, il refettorio dell’edificio.

    Oltre ad essere una delle biblioteche più spettacolari del mondo, è anche una delle più antiche: è stata fondata, infatti, nel 1712. Situata all’interno della magnifica Loong Room, ospita circa cinque milioni di testi, un’importante collezione di antichi manoscritti ed il famoso Libro di Kells, tra i capolavori più importanti dell’arte decorativa medievale.

    Situata nel centro della città, è stata costruita alla fine dell’Ottocento seguendo lo stile neomanuelino, una sorta di revival architettonico che riprendeva i motivi del tardo gotico portoghese. E’ aperta al pubblico dal 1900 ed accoglie la più grande collezione di opere portoghesi al di fuori dei confini nazionali. Oltre ai volumi ospita anche una serie di dipinti di José Malhoa, Eduardo Malta e Oswaldo Teixeira.

    Originariamente costruita nel 1911, è stata ampliata alla fine degli anni Ottanta perché il vecchio edificio non riusciva più a contenere le collezioni che nel corso del tempo sono andate aumentando. Tutto il materiale quindi è stato trasferito in questa bellissima biblioteca, senz’altro tra le più sorprendenti del mondo.

    Questa incredibile struttura, realizzata interamente in legno, è stata progettata da un team di giovani architetti dello studio Helen & Hard di Oslo. Inaugurata nel 2011 è attualmente una delle biblioteche più moderne d’Europa. Concepita in modo da sfruttare a pieno la luce del giorno, costituisce un prolungamento architettonico della piazza principale della città. Al suo interno, oltre a migliaia di volumi e numerose sale lettura, anche aree congressi, un caffè e diversi punti di ritrovo.

    2414

    PIÙ POPOLARI