I libri più venduti della settimana: la classifica dal 4 al 10 dicembre 2014

E' ancora Carofiglio a dominare la classifica del libri più venduti della settimana, dal 4 al 10 dicembre 2014. Seguito da Alberto Angela e dalla coppia Gramellini- Gamberale.

da , il

    E’ ancora Gianrico Carofiglio a svettare tra i libri più venduti della settimana, nella classifica dal 4 al 10 dicembre 2014: il suo ultimo romanzo, La regola dell’equilibrio, si mantiene ben stabile in prima posizione, mentre la cronostoria degli ultimi giorni di Pompei, firmata Alberto Angela ed entrata in top ten la scorsa settimana, ha già conquistato un ottimo secondo posto. Scivola invece in terza posizione Avrò cura di te, romanzo scritto a quattro mani dalla coppia Gramellini-Gamberale che, in libreria dal 17 novembre scorso, è salito immediatamente ai piani alti delle classifiche. Due le new entry della settimana: il nuovo legal thriller di John Grisham l’ultimo esilarante libro di Luciana Littizzetto.

    1. La regola dell’equilibrio, di Gianrico Carofiglio

    In prima posizione, dunque, ancora La regola dell’equilibrio di Gianrico Carofiglio che, in libreria per Longanesi, segna il ritorno sulla scena narrativa italiana dell’amato avvocato Guerrieri. Il legale stavolta è alle prese con un brutto caso di corruzione che coinvolge uno stimato magistrato suo amico, nonché vecchio compagno di studi. L’occasione è ottima per riflettere sulle contradizioni e sulle ipocrisie dell’ambiente giudiziario italiano.

    2. I tre giorni di Pompei, di Alberto Angela

    Sale in seconda posizione I tre giorni di Pompei, la cronostoria firmata Alberto Angela sulle ultime ore prima della catastrofe che travolse la città campana fra il 23 e il 24 ottobre del 79 dopo Cristo. Edito da Longanesi, il libro racconta, con lo stile semplice e garbato che distingue il giornalista televisivo, quei terribili giorni vissuti da Pompei prima, durante e dopo l’eruzione del Vesuvio con un linguaggio che, come sempre, risulta alla portata di tutti.

    3. Avrò cura di te, di Massimo Gramellini e Chiara Gamberale

    In libreria per Longanesi e scritto a quattro mani dal giornalista di punta de La Stampa, Massimo Gramellini, e da una giovane scrittice di successo, Chiara Gamberale, Avrò cura di te – sceso questa settimana in terza posizione – racconta la storia di Gioconda che, in un momento di profonda crisi personale scrive, per gioco, al suo angelo custode. Filemone, questo il suo nome, le risponde, dando vita così ad un intenso scambio epistolare che porterà la donna a riflettere sui propri errori e a rimettere in discussione tutta la sua vita.

    4. Diario di una schiappa – Sfortuna nera, di Jeff Kinney

    Al quarto posto, sale di una posizione rispetto a sette giorni fa, Diario di una schiappa – Sfortuna nera, ottavo episodio della serie a disegni firmata Jeff Kinney. Fenomeno mondiale di vendite, la saga – che solo in Italia ha venduto oltre 2 milioni di copie – racconta la avventure di Greg, un ragazzino di undici anni alle prese stavolta con una sfera magica che gli servirà per prendere le decisioni più importanti della sua vita.

    5. Il dio del deserto, di Wilbur Smith

    Tra i campioni di vendita degli ultimi anni, Wilbur Smith è tornato in libreria con un nuovo appassionante romanzo che riprende la saga, iniziata vent’anni fa, sulla storia dell’antico Egitto. Il dio del deserto, infatti, in quinta posizione nella classifica dei libri più venduti, continua l’avventura di Taita, sapiente al servizio del faraone che, per far fronte all’invasione degli Hyksos, parte alla ricerca di nuovi alleati. Ma minacce e pericoli incombono su di lui e sul destino di tutti l’Egitto.

    6. L’incredibile Urka, di Luciana Littizzetto

    Prima new entry della settimana, l’ultimo romanzo di Luciana Littizzetto – il quattordicesimo, per la precisione – si piazza direttamente al sesto posto. Dal titolo L’incredibile Urka, il volume, pubblicato da Mondadori, è una sorta di pamphlet ironico in cui la protagonista è una supereroina che ad un certo punto sbrocca e diventa verde dalla rabbia. Se la prende con tutti, soprattutto con gli uomini che, in pieno stile Littizzetto, vengono ferocemente dileggiati. Umorismo e ironia per un libro che arriva, come per tradizione, proprio a cavallo delle feste natalizie.

    7. La guerra dei nostri nonni, di Aldo Cazzullo

    Torna in classifica, dopo qualche settimana di assenza, La guerra dei nostri nonni, di Aldo Cazzullo, una sorta di cronaca-racconto sulla tragedia della Prima Guerra Mondiale combattuta sul fronte italiano tra il 1915 e il 1918. L’autore, da bravo cronista, racconta quegli anni dal punto di vista dei suoi protagonisti più semplici, le famiglie, della quali descrive le storie attraverso l’analisi di lettere, diari ed altro materiale inedito. Uomini e donne comuni di cui l’autore racconta la vicenda drammatica ma molto appassionante.

    8. Morte in mare aperto e altre indagini del giovane Montalbano, di Andrea Camilleri

    Ottavo posto per Morte in mare aperto, di Andrea Camilleri, che perde qualche posizione dopo aver occupato il podio per diverse settimane. Il libro, il quinto dall’inizio dell’anno, era già stato annunciato come bestseller quando ancora era in stampa e, a giudicare dalla vendite, non ha certo deluso le aspettative. Ma con Camilleri, si sa, il pronostico era fin troppo facile. Il volume, edito come sempre, dalla Sellerio, è una raccolta di otto mini-romanzi che raccontano le prime indagini del giovane Montalbano alle prese con mafia, truffe e sequestri. Sullo sfondo, l’Italia degli anni Ottanta.

    9. I segreti di Gray Mountain, di John Grisham

    Specializzato in gialli giudiziari, John Grisham è tornato da poco nelle librerie con un nuovo appassionante thriller dal titolo I segreti di Gray Mountain, pubblicato in Italia da Mondadori. La protagonista della storia una brillante avvocatessa di New York che dopo il crollo della Lehman Brothers perde all’improvviso il lavoro. Si ritrova così a fare la stagista nello studio legale di una cittadina mineraria sui monti Appalachi. La situazione, completamente diversa rispetto a Manhattan, la mette di fronte ai problemi reali della gente comune, portandola a scoprire certe informazioni che sarebbe stato meglio se fossero rimaste sepolte per sempre tra le montagne.

    10. Ciò che inferno non è, di Alessandro D’Avenia

    In decima posizione il terzo romanzo del siciliano Alessandro D’Avenia, Ciò che inferno non è, una storia semi-autobiografica in cui traccia il ritratto di un personaggio conosciuto durante gli anni del liceo, don Pino Puglisi, il sacerdote assassinato nel 1993 dalla mafia perchè salvava dai tentacoli di Cosa Nostra i ragazzi del quartiere più difficile di Palermo, il Brancaccio. Edito da Mondadori, il romanzo cavalca l’onda del successo ottenuto nel 2010 da Bianca come il latte, rossa come il sangue e da Cose che nessuno sa, pubblicato nel 2011.