Le statue più famose del mondo: un viaggio per scoprire le meraviglie della scultura

Le statue più famose del mondo: un viaggio per scoprire le meraviglie della scultura
da in Arte, Cultura, Scultura
Ultimo aggiornamento:

    Quali sono le statue più famose del mondo? Oltre a palazzi, castelli, paesaggi mozzafiato ed angoli di natura incontaminati, molti Paesi, dall’Europa all’America, dall’Asia alle isole del Pacifico, sono ricchi di attrazioni che riguardano l’arte della scultura. E molte delle statue sparse per il globo, belle, strane, gigantesche o sorprendenti, costituiscono una delle mete preferite dal popolo dei vacanzieri. In questo articolo noi ve ne proponiamo alcune, per le altre scorrete la fotogallery appena qui sopra.

    Tra le statue più famose del mondo il primo posto non poteva non spettare all’imponente figura del Cristo Redentore che campeggia, dall’alto dei suoi 38 metri, sulla baia della capitale brasiliana. Inserita, dal 2007, tra le sette meraviglie del mondo moderno, la statua, in calcestruzzo e pietra saponaria, è stata costruita tra il 1922 e il 1931, ed è visitata ogni anno da quasi due milioni di turisti che scelgono di arrivare fin lassù, a 700 metri di altezza, anche per godere del panorama mozzafiato che, dal Pan di Zucchero a Copacabana, si estende sotto i loro piedi.

    Situata sulla riva occidentale del Nilo, la Sfinge di Giza è la scultura monumentale più antica del pianeta – sembra risalire, infatti, al 2500 a.C. E’ la più grande statua monolitica tra le sfingi egizie – è lunga oltre 70 metri, alta 20 e larga 6 – e fu ricavata probabilmente da un affioramento di roccia durante la costruzione delle Piramidi di Giza. Fino a qualche tempo fa si riteneva che il volto del leone rappresentasse il faraone Chefren ma studi recenti hanno dimostrato che in realtà il volto ha le sembianze di Cheope, secondo sovrano della IV dinastia.

    Pur non essendo delle statue vere e proprie, i volti scolpiti sul massiccio montuoso delle Black Hills sono sicuramente tra le sculture più famose del mondo. Realizzate a partire dal 1927 da Gutzon Borglum e dal mastro carpentiere italiano Luigi Del Bianco, le sculture rappresentano i volti di quattro famosi presidenti americani: George Washington, Thomas Jefferson, Theodore Roosevelt e Abraham Lincoln. L’opera, alta circa 20 metri, è tra le mete turistiche più importanti d’America, grazie anche alle spettacolari bellezze paesaggistiche che circondano l’enorme blocco granitico delle Black Hills.

    E’ decisamente la statua più famosa del mondo e, a detta di molti, anche la più bella. E’ situata sulla Liberty Island al centro della baia di Manhattan a New York e fu donata dai francesi agli americani nel 1883 in occasione del centesimo anniversario della Dichiarazione di Indipendenza. Divenuta monumento simbolo della città, la statua, progettata intorno al 1865 da Frédéric Auguste Bartholdi, è alta oltre 90 metri e rappresenta una donna che con una mano sorregge una fiaccola e con l’altra un libro, mentre le sette punte della corona posta sulla testa rappresentano i sette mari.

    Anche se non brilla per altezza od imponenza, la scultura che raffigura una delle eroine più celebri delle fiabe di Andersen va senz’altro annoverata tra le statue più famose del mondo. Alta solo 1,25 metri, la Sirenetta è stata realizzata intorno al 1913 dallo scultore Edward Eriksen ed è posta all’entrata del porto della capitale danese. Avendo subito, nel corso degli anni, diversi attacchi vandalici – uno dei peggiori, nel 1990, causò un taglio sul collo di quasi 20 centimetri – è stato deciso di rimpiazzare la statua con una nuova sirenetta, identica all’originale e costruita su un unico blocco di metallo.

    Maitreya rappresenta, nella cultura buddista, il prossimo Buddha, quello del futuro, la cui rinascita è attesa da tutti i seguaci di questa religione. La statua di Leshan, scolpita nella roccia della montagna Linyunshan, è una delle più maestose che rappresentano l’Illuminato e, per oltre un millennio, è stata anche la più alta in assoluto. Detta anche ‘Il Buddha gigante‘, è stata iniziata nel 713 ad opera del monaco cinese Haitong che sperava così di calmare le acque turbolente dei fiumi che affliggevano le navi mercantili costrette a solcarli ogni giorni. La statua infatti, alta 71 metri, è stata scolpita esattamente nel punto in cui confluiscono i fiumi Minjiang, Dadu e Qingyi.

    Concludiamo la nostra breve rassegna delle statue più famose del mondo – per le altre vi rimandiamo alla fotogallery qui sopra – con le controverse sculture che campeggiano sull’Isola di Pasqua, nel Pacifico meridionale. Ricavate da un unico blocco di tufo vulcanico, le statue monolitiche dette Moai variano dai 2,5 fino ai 10 metri d’altezza ed occupano la superficie dell’isola quasi in un migliaio. Ancora oggi le motivazioni sulle loro origini restano un mistero, ma le ipotesi maggiormente condivise le vogliono come monoliti augurali che portano benessere e prosperità laddove rivolgono lo sguardo. Decisamente non belle, anzi piuttosto inquietanti, proprio per il mistero che vi aleggia attorno rientrano comunque nella top ten delle statue più belle ed originali del mondo.

    1181

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ArteCulturaScultura
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI