Mostra di Walter Bonatti a Milano: a Palazzo della Ragione fino all’8 marzo 2015

da , il

    Una mostra dal titolo Walter Bonatti. Fotografie dai grandi spazi è in corso a Milano a Palazzo della Ragione che ospita, fino all’8 marzo 2015, quasi cento scatti del grande reporter alpinista. L’esposizione è la prima mai dedicata alla vita ed al lavoro del celebre fotografo esploratore scomparso nel 2011 che in più di trent’anni di avventure ha immortalato i luoghi meno conosciuti e più impervi della Terra. Promossa dal comune di Milano, la mostra è a cura di Alessandra Mauro ed Angelo Ponta, in collaborazione con l’archivio fotografico Bonatti, e rientra nel progetto multidisciplinare Milano Cuore d’Europa dedicato agli artisti che, con la loro produzione, hanno contribuito ad arricchire l’identità culturale europea.

    Una grande personale dedicata a Walter Bonatti, dunque, è in corso nel capoluogo lombardo che celebra, così, uno dei fotografi più significativi del panorama culturale e giornalistico italiano. Quasi un centinaio di scatti, di cui 7 di grandissimo formato, sono esposti a Palazzo della Ragione insieme a video, documenti e oggetti personali che testimoniano, attraverso un percorso espositivo che racconta i viaggi compiuti dal reporter esploratore, un trentennio e più di imprese e di avventure spesso al limite della sopravvivenza.

    Soprannominato ‘il re delle Alpi‘, Bonatti trasformò il suo immenso amore per le montagne e per i grandi spazi in lavoro grazie all’interesse per la fotografia, vissuta, da sempre, come un mezzo d’eccellenza per raccontare i magnifici paesaggi entro i quali si muoveva. Balzando con disinvoltura ed originalità da una parte all’altra dell’obiettivo, Bonatti ha trasferito nei suoi scatti le fatiche e le gioie delle sue ‘scoperte’, immortalando luoghi spesso inaccessibili in grandiosi ‘autoritratti ambientali’ – ‘protagonista di ciò che racconta, ha spiegato Alessandra Mauro, il lavoro di Bonatti è un selfie ante-litteram‘.

    Oltre agli scatti, come dicevamo, la mostra accoglie anche oggetti personali legati alla vita del fotografo, che fu alpinista fino al 1965: gli scarponi di cuoio consumati sul Cervino, la macchina fotografica, la macchina da scrivere ed i guanti bianchi di lana usati durante la tragica scalata del Monte Bianco nel 1961, quando, dei sette alpinisti partiti ne tornarono a casa tre, Bonatti compreso.

    Nato a Bergamo nel 1930, Walter Bonatti è stato protagonista, fino alla prima metà degli anni Sessanta di grandi imprese alpinistiche, dedicandosi successivamente all’esplorazione come reporter e come inviato del settimanale Epoca. Da sempre tra le figure più popolari grazie alle imprese compiute, fu animato per tutta la vita dalla passione per le sfide estreme che, unita alla professionalità da grande reporter e al talento per la narrazione, lo ha reso uno dei fotografi più significativi di tutto il panorama culturale italiano.

    La mostra Walter Bonatti. Fotografie dai grandi spazi, è aperta tutti i giorni, dalle 9.30 alle 20.30. Il giovedì e il sabato è aperta fino alle 22.30.

    Per informazioni www.palazzodellaragionefotografia.it