Google doodle: Anna Castelli Ferrieri protagonista del logo che omaggia il design italiano

da , il

    Google doodle: Anna Castelli Ferrieri protagonista del logo che omaggia il design italiano

    Un doodle di Google che è un omaggio al design italiano. In occasione del 94° anniversario della nascita Big G ha cambiato il suo logo per ricordare Anna Castelli Ferrieri, famosissima architetta milanese nata il 6 agosto 1920, vincitrice del Compasso d’Oro (l’Oscar dell’architettura), che ha creato innumerevoli opere architettoniche, restaurato tra gli altri il Chiostro del Bramante a Milano e di palazzo Benci a Firenze e fornito un notevole impulso allo sviluppo del design industriale italiano.

    In occasione del 94° anniversario della nascita, Google omaggia con un doodle Anna Castelli Ferrieri, un’importante designer e architetto italiana, che si fece conoscere soprattutto grazie ai suoi progetti di disegno industriale e a un uso innovativo della plastica. Il doodle la ritrae proprio insieme alle sue più celebri creazioni di design e oggetti per la vita quotidiana. Grazie a Wikipedia, ricordiamo tra l’altro che Ferrieri ha realizzato per Kartell i mobili 4970/84 e i contenitori componibili per la casa e per la Sambonet la linea di posateria Hannah, grazie alla quale vinse il Compasso d’oro, premio vinto due volte – la seconda per la sedia impilabile 4870 di Kartell (1987).

    Nata a Milano il 6 agosto del 1920, la Ferrieri (Castelli è il cognome del marito) ha disegnato tra gli altri gli uffici dell’Alfa Romeo ad Arese e oltre al restauro del Chiostro del Bramante a Milano e di Palazzo Benci a Firenze, si è occupata del piano regolatore di alcune città (tra le più grandi, Torino e Genova). Nel 1966 inizia a collaborare con la Kartell, fondata dal marito, che in Italia diventa pioniera nella produzione degli oggetti in plastica d’uso quotidiano: dopo una lunga carriera ricca di riconoscimenti (vinse due volte il Compasso d’oro, il riconoscimento che viene assegnato dall’Associazione Disegno Industriale per riconoscere il valore delle creazioni di qualità nell’ambito del design italiano), Anna Castelli Ferrieri è morta a Milano nel 2006, ancora nel pieno della sua attività professionale.