Shadowhunters – Città del fuoco celeste, il libro di Cassandra Clare: trama e recensione dell’ultimo episodio della saga fantasy

da , il

    Shadowhunters – Città del fuoco celeste, il libro di Cassandra Clare: trama e recensione dell’ultimo episodio della saga fantasy

    Shadowhunters – Città del fuoco celeste, il libro di Cassandra Clare, uscito da poche settimane, è già campione di vendite. Trama e recensione hanno risposto, ancora una volta, positivamente alle aspettative di tutti gli appassionati del genere, offrendo la prima un racconto coinvolgente ed intrigante, la seconda confermando il libro tra i più venduti dell’ultima settimana. E c’era d’aspettarselo, visto che già da fine maggio, data di uscita in America, il romanzo era in cima alla classifica dei bestsellers stilata ogni settimana dal New York Times.

    Tra le uscite più attese dell’anno, dunque, Città del Fuoco Celeste, edito dalla Mondadori e ultimo episodio di una delle saghe urban fantasy più famose dell’ultimo decennio, non metterà fine, per la gioia dei numerosi fan, al mondo degli Shadowhunters: Clary, Jace, Magnus, Alec, Simon, Isabelle e tutti gli altri personaggi che sono entrati nel cuore di chi ha seguito la saga fin dal primo episodioShadowhunters – Città di ossa, uscito in Italia nel novembre 2007 – sapranno che i loro beniamini continueranno le loro appassionanti avventure. L’autrice, infatti, è già a lavoro su due nuove trilogie: The Dark Artifices, i cui protagonisti verranno introdotti proprio in quest’ultimo libro e The Last Hours, ambientata nel 1903, che racconta le storie dei figli dei personaggi che tanto sono stati amati nella serie The Infernal Devices conclusa nel 2013.

    Trama

    E’ piuttosto impegnativo descrivere la trama di questo libro, un po’ per evitare di anticipare quello che accadrà, e un po’ perché tra le quasi mille pagine di racconto, accadono davvero un’infinità di eventi, molti dei quali collegati ai cinque libri precedenti. Il filo conduttore della narrazione, tuttavia, è uno solo: evitare che la razza degli Shadowhunters, compresi i loro alleati, sia licantropi che vampiri, venga sterminata.

    Caos e distruzione, infatti, hanno portato l’oscurità nel mondo degli Shadowhunters, i cacciatori e i demoni si preparano alla resa dei conti, mentre Clary, Jace, Simon e il loro gruppo di amici si uniscono per lottare contro il cattivo e peggior nemico che abbiano mai incontrato: il fratello di Clary, Sebastian Morgenstern. Lui è il traditore, colui che ha scelto il male, e nulla, in questo mondo, può sconfiggerlo. I tre ragazzi, uniti da un legame profondo e indissolubile, sono costretti a cercare un altro mondo dove l’estremo scontro abbia una speranza di vittoria, quello dei demoni. Ma il prezzo da pagare sarà altissimo: molte vite, infatti, saranno perdute per sempre, sacrificando l’amore per un bene ancora più grande, scongiurare cioè la distruzione definitiva del mondo degli Shadowhunters.

    Recensione

    Il racconto, così come tutti quelli precedenti, è scritto in terza persona, ma l’autrice è così abile nel farlo che ogni evento sembra esser raccontato dal punto di vista emotivo del personaggio che lo vive. Un espediente letterario difficile da utilizzare, ma il risultato ottenuto dalla Clare è davvero impressionante: il lettore, infatti, riesce ad immedesimarsi completamente nella narrazione, partecipando all’azione e condividendo con i personaggi le loro stesse emozioni.

    Un risultato non da poco per la scrittrice americana, che anche in questa prova si è dimostrata all’altezza nel tessere trame tanto intricate quanto magnetiche, con descrizioni attente, luminose ed intriganti, dando vita a personaggi complessi – oltre che numerosissimi – vivi e totalmente autonomi, come se vivessero al di fuori della penna dell’autrice. Quegli stessi personaggi - e chi ha letto gli altri episodi della saga non può non notarlo – che si presentano tuttavia cambiati, più maturi, come evoluti. E non necessariamente in senso positivo: alcuni vengono distrutti dal dolore o dalla rabbia, altri cambiano per amore, ma tutti seguono un percorso preciso che li rende vivi, umani e soprattutto veri agli occhi del lettore.

    Un romanzo, com’è proprio del genere fantasy, dunque, denso di storie, intrecci, emozioni e colpi di scena in cui non manca il senso – forte – dell’amicizia che lega i personaggi principali: insieme hanno gioito, sofferto e combattuto, sacrificandosi e facendosi coraggio l’un l’altro. Creando un equilibrio speciale che, al di là del racconto appassionante, è forse il segreto principale dell’enorme successo di tutta la saga.