Origine e significato dei segni zodiacali

Origine e significato dei segni zodiacali
da in Civiltà antiche, Cultura, Pianeti, Segni zodiacali
Ultimo aggiornamento: Martedì 29/11/2016 07:17

    Scopriamo insieme qual è l’origine e il significato dei Segni Zodiacali, una origine che si perde nella notte dei tempi. Alcuni dei simboli che conosciamo oggi appaiono negli oroscopi greci già circa 2000 anni fa. Alcuni di questi simboli sembrano essere veri e propri segni alchemici, mentre altri, più semplicemente, si riferiscono alla forma delle costellazioni stesse alle quali si riferiscono. Per capire meglio la vostra personalità, o solo per curiosità, proseguite insieme a noi questo viaggio nell’Oroscopo, alla scoperta dell’origine e del significato dei segni Zodiacali.

    La parola Zodiaco deriva dal Greco “zodiakos”, che significa letteralmente il cerchio degli animali, ma anche “ciclo della vita”, ed è una fascia circolare immaginaria parallela all’equatore avente una circonferenza di 360 gradi e una ampiezza di 17. È attraversato dall’eclittica solare, la linea circolare che rappresenta il cammino apparente del sole. Tutti i pianeti, osservati dalla terra, si muovono all’interno di questa fascia. I 12 segni zodiacali sono le sezioni in cui è diviso lo Zodiaco, misurano 30 gradi ciascuno di latitudine e devono il loro nome ad una costellazione, secondo le regole dell’Antico calendario babilonese. Il calendario babilonese assegnava un segno a ciascun mese, partendo dalla posizione del Sole all’equinozio di primavera (21 marzo) che, a quell’epoca, era nella costellazione dell’Ariete. Per questo motivo la prima costellazione dello zodiaco è ancora chiamata Ariete. Il Segno Zodiacale di ciascuno, quindi, è determinato dalla posizione del Sole secondo ora, data e luogo di nascita.

    L’Ariete è un segno zodiacale cardinale e di fuoco legato ad un’idea di energia vitale e fecondante. Questo elemento distintivo si riflette in ogni settore della sua esistenza. E’, infatti, dotato di una forza innovativa straordinaria: difficilissima, se non impossibile, da domare. E’ sempre pronto ad agire, anche quando una mossa risulta inaspettata o, addirittura, inopportuna. Il mito occidentale più antico che si collega all’Ariete è quello degli Argonauti alla ricerca del vello d’Oro, mito eroico, che celebra l’intraprendenza, la virilità, il coraggio. Il simbolo dell’Ariete può essere descritto come rassomigliante al muso e alle corna di un capro o di un ariete. In alternativa, il simbolo è simile a quello di un germoglio nel momento in cui emerge dal terreno in primavera. Il Sole transita nell’Ariete fra il 20 Marzo e il 20 Aprile. Il pianeta dominante è Marte, l’elemento è il fuoco, la qualità è cardinale.

    Il Toro è un segno zodiacale di terra, governato da Venere, collegato all’archetipo della Madre Terra, femminile e lunare, che eternamente genera l’universo e nutre i viventi, grembo fertile che riceve i semi e li sostiene nella crescita. Nella mitologia greca una versione che riguarda la costellazione del Toro narra di Zeus (Giove) che, invaghitosi di Europa, avvicina la fanciulla trasformandosi in Toro, la fa montare in groppa e la conduce a Creta dove la seduce. In Egitto Osiride era raffigurato come un Toro e Iside aveva corna di vacca. Il Toro è dotato di una resistenza e di una pazienza che lo portano a raggiungere mete impossibili per qualsiasi altro segno. Appartenendo alla schiera dei segni fissi, è piuttosto moderato e tradizionalista. Ha la tendenza a fare le cose piano, ma molto bene. Il Sole transita nel Toro dal 21 Aprile al 21 Maggio. Il pianeta dominante è Venere, l’elemento è la terra, la qualità è fissa.

    Il Gemelli è il terzo segno dello Zodiaco e ha come corrispondente terrestre la III Casa. Si tratta di un Segno d’Aria: la sua natura è intellettuale e mutevole, è governato dal pianeta Mercurio. Il simbolo dei Gemelli è basato sulle stelle gemelle Castore e Polluce nella costellazione dei Gemelli. E’ raffigurato in senso letterale con il numero romano II, e il tema della dualità è la chiave del significato del segno. Infati il Gemelli è considerato il primo segno mutevole dello Zodiaco. Risulta affascinante quanto inafferrabile. Il Gemelli è un tipo eclettico per eccellenza: si interessa di qualsiasi cosa e ha una voglia di conoscere inarrestabile, ma non riesce ad essere molto costante in una singola attività. Il Sole transita nel Gemelli dal 21 Maggio al 21 Giugno. Il pianeta dominante è Mercurio, l’elemento è l’aria, la qualità è mutevole.

    Il simbolo del Cancro è circolare, interno e protettivo. E’ il segno dell’immaginazione, del romanticismo, del continuo cambiamento del proprio stato d’animo. La simbologia del Cancro riconduce a valori materni e femminili, è infatti descritto come simbolo delle ovaie, dei seni e della vicinanza della relazione madre-bambino, che riflette le qualità di nutrimento del segno. Qui ritroviamo tutti i miti legati alla Grande Madre. Nella tradizione egizia il Cancro era il dio dell’alba Kepre, personificato dallo scarabeo che, si racconta, spingesse il dio Ra (sole) nel suo passaggio giornaliero sulla terra. Il Sole transita nel Cancro approssimativamente tra il 22 Giugno e il 22 Luglio. Il pianeta dominante è la Luna, l’elemento è l’acqua, la qualità è cardinale.

    Il segno zodiacale del Leone è solitamente caratterizzato da fiducia e ottimismo, integrità, onestà e lealtà. Come suggerito dal suo simbolo, il segno del Leone è il più fiero dello Zodiaco. Si dice che i nati in Leone siano in intimo rapporto con il Fuoco del Serpente, il quale conferisce il genio creativo, quando snoda le sue spire e sale verso il cuore e la testa. Il simbolo del Leone è simile alle stelle della costellazione del Leone. Il suo simbolo racchiude la testa e la criniera di un leone. Nelle civiltà mesopotamiche il Leone era identificato col Sole, che transita nel segno tra il 23 Luglio e il 22 Agosto. Il pianeta dominante è il Sole, l’elemento è il fuoco e la qualità è fissa.

    Sono numerosi i miti legati alla costellazione zodiacale della Vergine, che vanta origini molto antiche. Nella cultura assiro-babilonese il segno della Vergine viene collegata alla dea Ishtar, o Astart, dea della fertilità e della primavera. Anche il mito di Persefone, che fu rapita da Ades e portata negli inferi, la ricorda. Il segno della Vergine, in particolare, marca un periodo in cui i pensieri sono quasi interamente rivolti verso l’ana­lisi interiore; coloro che sono nati in questo segno stanno preparandosi, infatti, per un completo cambiamento di coscienza, e debbono quindi curare tutte le fasi secondarie della preparazione per il grande passo, che comincerà nel segno successivo. Il segno della Vergine è dunque di qualità mutevole e indica la linea di progresso dei nati in questo segno, i quali debbono essere riflessivi, ragionevoli, usando discernimento e discriminazione e diligenza nell’arte di mi­gliorare se stessi. Il Sole transita nel segno dal 22 Agosto al 23 Settembre. Il pianeta dominante è Mercurio, l’elemento è la terra, la qualità mutevole.

    Il segno della Bilancia è stata un’aggiunta allo Zodiaco. Per i greci, le deboli stelle di questa costellazione facevano parte dello Scorpione ed era nota come Chelae (pinze) riferite al pericoloso animale. E’ posizionato tra i segni della Vergine e dello Scorpione. Da esso prende in prestito le chele, appunto, per creare i piatti della Bilancia. E’ noto come il simbolo del Sole che tramonta sull’orizzonte occidentale, dal momento che la Bilancia è associata al lato occidentale dell’oroscopo. Secondo i romani, la Bilancia rappresenta lo strumento col quale la dea della giustizia Astrea, nella vicina Costellazione della Vergine, pesava il destino di tutti i mortali. Il segno della Bilancia, o meglio il suo simbolo, infatti, rivela la mèta che tal segno si prefigge e i metodi che seguirà per raggiungerlo. La mèta è l’equilibrio, l’equanimità, l’armonia, la Giu­stizia. L’inizio della Bilancia corrisponde anche all’equinozio di autunno. Il pianeta dominante è Venere, l’elemento è l’aria e la qualità cardinale. Il Sole transita nel segno dal 23 Settembre al 23 Ottobre.

    Il simbolo dello Scorpione è simile a quello della Vergine, una ‘m’. La costellazione dello Scorpione è una fra le più belle costellazioni estive. Il mito parla di questo animale che uccise il cacciatore Orione su ordine della dea Gea. Il cacciatore venne poi resuscitato da Esculapio, leggendario guaritore che si supponeva fosse antenato di Ippocrate. La forma richiusa su se stessa nel segno della Vergine e il “pungiglione” nello Scorpione sono stati descritti come la versione femminile e maschile dello stesso simbolo. I nativi del segno, grazie all’esaltazione di Mercurio, hanno un’intuizione profonda e penetrante che coglie con immediatezza il senso delle cose. Un’altra tipica caratteristica del segno è la volontà, così come la permalosità, che può acuirsi sino a divenire desiderio di vendetta, è sconsigliabile avere uno Scorpione come nemico. I nati sotto questo segno sono persone la cui caratteristica fondamentale risiede nella rigenerazione che permette loro di trovare dentro di sé risorse infinite. Marte governa il segno, l’elemento è l’acqua e la qualità è fissa. Il Sole transita nel segno dal 23 Ottobre al 22 Novembre.

    Il glifo del Sagittario è anch’esso simile alla costellazione, con la freccia dell’arciere rivolta verso l’alto pronta ad essere lanciata verso il cielo. Alcuni ritengono che la linea che attraversa la freccia simbolizzi il fatto che il Sagittario è un centauro, metà umano metà cavallo. Il centauro è una figura della mitologia greca, metà uomo e metà cavallo, dal carattere irascibile, violento, selvaggio, rozzo e brutale, incapace di reggere il vino. Si tratta di un segno mutevole, appartenente alla triplicità del fuoco. Hanno una mente molto attiva, ma sono inclini alla distrazione, in quanto mancano di disciplina e non amano concentrarsi su qualcosa troppo a lungo. Giove governa il segno, l’elemento è il fuoco, la qualità è mutevole. Il Sole transita nel segno dal 22 novembre al 20 dicembre.

    Il simbolo del Capricorno comprende la forma a v della testa dell’Ariete e la coda di pesce del cavalluccio marino, dal momento che la costellazione del Capricorno si trova nei “mari del sud” della sfera celeste. In alternativa è stata descritto come la capra che si piega sulle ginocchia. E’ il segno del solstizio d’inverno, della fase più fredda e buia della natura, che si chiude nel gelo invernale. L’immagine del Capricorno rappresenta una creatura mitologica, per metà capra e per metà pesce, simbolo di ascesi verso la vetta della montagna, elevazione e purificazione dalle profondità dell’inconscio personale e collettivo. Il Capricorno, dunque, appartiene tanto al mondo manifesto quanto all’immanifesto. E’ un Dio Pan, un Satiro, Satana, ma anche il Capro espiatorio. Saturno è il pianeta dominante, l’elemento è la terra e la qualità e cardinale. Il Sole si trova in Capricorno approssimativamente fra il 22 Dicembre e il 20 Gennaio.

    L’Acquario è un segno d’Aria, fisso, il simbolo dell’Acquario descrive le onde dell’aria o onde radio, e si collega particolarmente alla trasmissione di informazioni attraverso gli elementi. L’Acquario è simboleggiato dall’Uomo, o portatore di acqua, che tiene presso al suo cuore un’urna, dalla quale mesce Acqua di Vita, per la delizia ed il ristoro di coloro che sono assetati di spiritualità. Il segno del portatore d’acqua è importante poiché è il segno della Nuova Era, e indica come lo sviluppo evolutivo del genere umano possa essere perseguito nei 2.000 anni che seguiranno alla presente epoca, che è sul finire. L’Età dell’Acquario evoca proprio uno dei dodici periodi o eoni in cui alcune credenze esoteriche dividono la storia dell’umanità. Il pianeta dominante di questo segno di fratellanza è Urano, l’elemento è l’aria, la qualità è fissa. Il Sole transita nell’Acquario approssimativamente fra il 21 Gennaio e il 19 Febbraio.

    I Pesci hanno come simbolo due pesci o delfini aggiogati insieme ma ognuno dei quali nuota in direzione opposta. Ciò significa che ai Pesci manca la capacità di stabilire e fissare una direzione. Sono emotivi e sensibili e possono essere influenzati. Nel simbolo del Tao, che caratterizza la rappresentazione del segno dei Pesci, appare con chiara evidenza proprio la dimensione totalizzante del dodicesimo archetipo dello zodiaco. Nello zodiaco, i Pesci sono raffigurati che procedono nel senso opposto, ma restano legati da un sottile filo, esprimendo il concetto astratto della relazione che giudica se stessa e ciascuno si ritira sulle proprie posizioni, per meditare. Per questo motivo la costellazione esprime un profondo misticismo introspettivo, con forme di psichismo e rassegnazione. Giove e Nettuno sono i pianeti dominanti, l’elemento è l’acqua, la qualità è mutevole. Il Sole transita nei Pesci approssimativamente dal 20 Febbraio al 19 Marzo.

    2603

    Referendum costituzionale 2016

    PIÙ POPOLARI