Salone del libro di Torino 2014, il programma tra cultura, musica e cucina

Salone del libro di Torino 2014, il programma tra cultura, musica e cucina
da in Cultura, Editoria, Fumetti, Letteratura, Libri, Musica, Salone del Libro di Torino, Scrittori, Cultura Torino
Ultimo aggiornamento:
    Salone del libro di Torino 2014, il programma tra cultura, musica e cucina

    Torna il Salone del Libro 2014, in programma quest’anno al Lingotto di Torino dall’8 al 12 maggio: l’evento, nato nel 1988 è arrivato alla sua ventisettesima edizione, spera di bissare le 330mila presenze della scorsa edizione, grazie ad oltre 1200 espositori e 1400 convegni e dibattiti che qualificano il Salone Internazionale del libro come un vero e proprio festival della cultura dedicato a grandi e piccini. Dopo il salto, una panoramica sugli eventi principali, suddivisi per sezioni – con l’avvertenza che molte di queste si “sovrappongono”.

    La lista degli ospiti del Salone del libro 2014 di Torino è pressocché infinita: Jostein Gaarder (Il mondo di Sofia e Il mondo di Anna), Jamie McGuire, Simonetta Agnello Hornby, Mario Calabresi, Valerio Massimo Manfredi, Franco Maria Ricci, Michela Marzano, Silvia Avallone, Dacia Maraini, Licia Troisi e Rossano Ercolini. Previsti anche Premi Nobel e autori, ma anche scienziati, filosofi, storici, personalità del mondo dello spettacolo e molti altri grandi nomi, nel segno del dialogo tra le culture e del rispetto tra idee differenti.

    Il Salone del libro di Torino 2014 propone “Bene Male Mah… Storie del giusto e dell’ingiusto“, il programma curato anche quest’anno dall’esperto di letteratura per ragazzi Eros Miari. Negli appuntamenti proposti – dedicati anche agli adulti – viene spiegato come i buoni non possono fare a meno dei cattivi e tra bene e male il confine non è per niente netto: bene e male, giusto e ingiusto s’incontrano e sfumano. Molti gli ospiti per i più piccoli: ci saranno Geronimo Stilton, Pier Cortese e Pierdomenico Baccalario, ma anche John Boyne (autore de Il bambino col pigiama a righe), Luigi Garlando, Yaël Hassan, Nicola Davies (la zoologa scrittrice della Bbc) e per i più piccini Delphine Chedru e Adrien Albert con il suo bellissimo “Al fuoco! Al fuoco!”.

    Mumble mumble è il ciclo di appuntamenti che il Salone del libro di Torino 2014 dedica a fumetti, graphic novel e romanzi illustrati. Molti gli ospiti previsti, tra cui Tiziano Scarpa con Massimo Giacon, Gud e Tuono Pettinato. In occasione dei 50 anni di Mafalda saranno distribuite delle strisce disegnate che il pubblico potrà compilare e incollare su una parete dedicata al celebre personaggio. All’interno del Bookstock è inoltre presente una piccola libreria del fumetto che raccoglie i titoli più significativi della produzione illustrata, mentre il Padiglione 5 sarà animato dalla libreria per ragazzi con un’offerta varia sulla produzione italiana e internazionale per bambini e ragazzi.

    Molti gli appuntamenti del Salone del libro con protagonista l’Europa: Andrea Bajani presenta L’Europa a 16 anni, naturale evoluzione del progetto il Vocabolario allargato iniziato nell’edizione 2011 del Salone. Per tre mesi, tredici studenti di Torino e dodici dell’Einstein Gymnasium di Berlino hanno lavorato all’individuazione di dieci parole (Pelle, Tangram, Àncora, Nonostante, Sipario, Stormo, Magnete, Chiocciola, Brace, Circo) per raccontare l’Europa.

    Assieme a Bajani e ai ragazzi del piccolo «comitato scientifico», saliranno sul palco del Village scrittori, storici e giornalisti europei, da Luciano Canfora a Eugen Ruge, da Tiziano Scarpa a Jean Mattern a Vasile Ernu. Venerdì 9 è prevista una serata-concerto dedicata all’Europa: tra i protagonisti Petra Magoni, Simone Cristicchi, Vittorio De Scalzi e Yoyo Mundi.

    Il Salone del libro di Torino 2014 non si dimentica di chi ama la musica (e si sente spirituale): previsti incontri con Francesco De Gregori, Giovanni Lindo Ferretti storico leader dei Cccp, Piero Pelù, Francesco Mandelli dei Soliti idioti; non manchera una panoramica sul rapporto tra fede e rock, con gli incontri con Francesco Lorenzi, frontman dei The Sun, un gruppo di rock cristiano,e “I believe in a promised land“, spettacolo di Andrea Monda e Antonio Zirilli che guida nei riferimenti religiosi nascosti fra i testi e le melodie di Bruce Springsteen, Bono e Bob Dylan. Da segnalare che quest’anno il paese ospite d’onore del Salone del libro è… lo Stato del Vaticano, ossia la Santa Sede.

    Con Grandi maestri il Salone del libro di Torino 2014 omaggia due grandi educatori italiani: il maestro Mario Lodi, una delle figure che più hanno segnato il tentativo di rinnovamento del sistema educativo e scolastico italiano del dopoguerra, venuto a mancare poche settimane fa, e il libraio Roberto Denti, il fondatore della prima Libreria dei Ragazzi d’Italia (nel 1972, a Milano), scomparso un anno fa.

    Il Salone del libro 2014 di Torino non dimentica gli ebook, con un’area dedicata alle start up tecnologiche che si occupano di piattaforme per la lettura condivisa e di tutoraggio per gli studenti, senza dimenticare software per la creazione di contenuti digitali interattivi, dalle applicazioni di supporto all’apprendimento e allo sviluppo di nuove capacità per i bambini a strumenti per esercitare e migliorare la conoscenza delle lingue straniere, fino a progetti che sperimentano la realtà aumentata. Appuntamento all’interno del Salone (Book to the future, Padiglione 2), dove si terranno momenti di interazione tra il pubblico e gli addetti ai lavori e incontri b2b. Le 10 start-up prescelte sono 20lines – Treviso, Bliu Bliu – Vilnius (Lituania), JB Lab – Torino, MaieuticaLabs – Torino, Newscron – Lugano, (Svizzera), Pubcoder – Torino, SPAM – Milano, Timbuktu – San Francisco, (USA), TwoReads – Venezia, Xoonia – Milano.

    Non mancherà Book to the future, evento giunto alla sua quarta edizione in cui si parlerà di libri elettronici e nuove tendenze del mercato, non dimenticando la rivoluzione del self publishing che sta arrivando anche da noi e in tutta Europa.

    Il cuore del Village sono gli otto laboratori che propongono attività per tutti, bambini e adulti: da non perdere è il DigiLab, il laboratorio nato nel 2012 e dotato di tablet, che permette al pubblico di scoprire e sperimentare le novità dell’editoria non cartacea: curato da Davide Morosinotto, DigiLab prevede le sezioni Kids, dedicata ai più giovani, e People, pensata per il pubblico adulto.

    Otto in totale i laboratori previsti al Salone del libro di Torino 2014, tra cui Nati per leggere per la fascia 0-6 anni; il laboratorio di scrittura curato dalla Scuola Holden; il laboratorio d’Arte che ospiterà le attività del Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli; gli illustratori ospiti del Salone; il laboratorio Autori; quello dedicato alla Scienza dove si esploreranno gli ambienti della terra e dello spazio e ancora il MultiLab e OpLab curato da Area Onlus.

    Due gli appuntamenti di rilievo che il Salone del libro di Torino 2014 offre ai golosi: Tentazione e Meditazione, appuntamento che fa incontrare i libri con la straordinaria arte dei maestri cioccolatai di Torino e del Piemonte, e CookBook, un padiglione interamente dedicato alle pubblicazioni etnogastronomiche, con un mix tra sapori e saperi estremamente gradito dal pubblico del Salone.

    1331

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CulturaEditoriaFumettiLetteraturaLibriMusicaSalone del Libro di TorinoScrittoriCultura Torino
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI