Il Museo d’Orsay a Roma, le opere del complesso parigino esposte al Vittoriano

da , il

    Il Museo d’Orsay sbarca a Roma. Il complesso museale di Parigi porta nella Capitale i suoi lavori per la prima volta: una collezione di capolavori realizzati tra il 1848 e il 1914 che comprende tele di Seurat, Sisley, Degas, Monet, Gauguin, Van Gogh, Corot, Manet e Pissarro, per un totale di più di sessanta opere che narrano e illustrano un periodo artistico molto intenso, dalla pittura accademica dei Solon per arrivare al simbolismo, passando per l’epoca dell’impressionismo. La mostra, che è stata inaugurata lo scorso 22 febbraio, sarà allestita fino a domenica 8 giugno nel Complesso del Vittoriano.

    Intitolata Musée d’Orsay. Capolavori, l’esposizione è curata dal presidente del museo Guy Cogeval, che è a capo anche del Museo dell’Orangerie: ha collaborato alla realizzazione della mostra anche il direttore delle collezioni Xavier Rey.

    Ma cosa possono trovare i visitatori della manifestazione? La rassegna si articola in cinque sezioni, la prima delle quali è dedicata all’arte dei Solon; con la seconda, invece, si possono osservare da vicino i mutamenti che la Scuola di Barbizon hanno favorito nella pittura del paesaggio, dando il la allo studio della luce degli impressionisti.

    Nella terza sezione si ha l’opportunità di entrare in contatto con la modernità rappresentata dagli impressioni; nella quarta, poi, c’è spazio per lo sviluppo del linguaggio pittorico che ha contraddistinto la seconda metà del XIX secolo. La quinta sezione, infine, è dedicata all’eredità che l’impressionismo ha lasciato.

    L’ambasciatore francese in Italia Alain Le Roy ha sottolineato che questa mostra “è un avvenimento speciale per gli scambi artistico-culturali tra i nostri due Paesi, un’ulteriore testimonianza di una forte relazione tra i nostri due Paesi e di una vivacita’ di scambi culturali unica. Non è un caso che ci siano numerose mostre dedicate all’arte francese in Italia, tra le quali ‘Cézanne e gli artisti italiani del Novecento’“.

    La mostra è aperta dal lunedì al giovedì dalle nove e trenta alle diciannove e trenta; il venerdì e il sabato dalle nove e trenta alle ventitré; e la domenica dalle nove e trenta alle venti e trenta. L’ultimo ingresso è consentito un’ora prima dell’orario di chiusura. Il prezzo del biglietto è di 12 euro, con ticket ridotto a 9 euro per gli over 65 e gli studenti under 26.