Piastra per capelli pericolosa: provoca scosse elettriche e ustioni gravi

Secondo il RAPEX in Italia vi è in commercio una piastra per capelli che non rispetta le norme europee riguardanti il buon funzionamento degli impianti elettrici. Questo apparecchio tende a surriscaldarsi, provocando agli utenti ustioni gravi, fino a scosse elettriche molto forti.

da , il

    Piastra per capelli pericolosa: provoca scosse elettriche e ustioni gravi

    Come ogni anno il RAPEX, ossia l’organo che si occupa di segnalare a tutti i Paesi membri dell’Unione Europea i prodotti più pericolosi in commercio, ha messo sotto la lente di ingrandimento una specifica tipologia di piastra per capelli, la quale causerebbe gravi ustioni e scosse elettriche.

    La segnalazione è giunta in Italia, dopo che l’Ispettorato croato ha rilevato un importante e grave difetto trovato nel prodotto sotto accusa, il quale causerebbe delle fortissime scosse elettriche quando è in uso.

    Questo deriva dal fatto che la piastra in questione è stata fabbricata non seguendo gli standard europei e la Direttiva sul Basso Voltaggio (LVD), che regolano la produzione di tutti quegli oggetti caratterizzati da impianti a corrente.

    La piastra per capelli sotto accusa è Made in Italy; si tratta del modello DICTROLUX 608.374, codice a barre 8015361923143.

    Cosa c’è che non funziona? Secondo il RAPEX questo prodotto ha il cavo elettrico che potrebbe fuoriuscire, lasciando scoperte tutte le parti attive; di conseguenza, se l’utente entra in contatto con la zona non isolata, potrebbe essere soggetto a una scossa elettrica anche molto potente.

    Ma non è tutto, in quanto si segnala che anche l’involucro è difettoso, perché tende a surriscaldarsi; questo al momento dell’utilizzo, potrebbe causare delle gravissime ustioni a livello degli arti superiori.

    Quindi, il presidente dello “Sportello dei Diritti”, Giovanni D’Agata, raccomanda a tutti i cittadini di controllare con estrema attenzione il codice e la marca della piastra in uso, soprattutto se è stata acquistata su internet, in quanto si tratta di un oggetto molto pericoloso e dannoso per la salute degli utenti.