Province dove si vive meglio in Italia: la classifica del Sole 24 Ore per il 2017

Come ogni anno, il Sole 24 Ore ha stilato la classifica delle province in Italia dove si vive meglio, con un cambio al vertice: al primo posto c'è Belluno, Milano perde 6 posizioni per il nuovo parametro della litigiosità, Roma a meno 11. Nelle ultime 15 posizioni solo province del Sud, ultima è Caserta

da , il

    Province dove si vive meglio in Italia: la classifica del Sole 24 Ore per il 2017

    Il Sole 24 Ore ha pubblicato la classifica sulle province dove si vive meglio in Italia nel 2017, con un cambio al vertice: Belluno balza al primo posto, scavalcando Aosta, mentre Caserta scende all’ultimo posto con Reggio Calabria – ultima lo scorso anno – che sale di tre posizioni, superando anche Taranto. Come ogni anno, la classifica viene redatta dagli esperti del Sole 24 Ore prendendo in considerazioni diversi parametri, di cui alcuni nuovi, il che ha portato a molte modifiche nella classifica generale. Milano per esempio scende di 6 posizioni, Roma di ben 11, mentre Ascoli Piceno sale di 27 e Pescara di 19: anche per il 2017 la differenza più marcata è tra Nord e Sud, con le prime posizioni occupate tutte da province sopra il Po e le ultime da quelle meridionali.

    La classifica sulla qualità della vita in Italia per il 2017 rimarca dunque la differenza tra Nord e Sud, con un Paese spaccato a metà anche secondo i nuovi parametri presi in considerazione dagli esperti del Sole 24 Ore. La ricerca ha preso in considerazione sei tematiche: ricchezza e consumi; lavoro e innovazione; ambiente e servizi, demografia e società, giustizia e sicurezza, cultura e tempo libero.

    Per ogni area, si prendono in esame 42 dati divisi per sezione (qui il dettaglio) come il tasso di disoccupazione, i reati denunciati, le iniziative culturali e così via, stilando singole classifiche per argomento in base ai punteggi ottenuti. La classifica finale si ottiene con la media dei punteggi nelle aree, ottenendo così il titolo di provincia e città più vivibile.

    Dopo la pubblicazione della classifica del 2017, in molti si sono concentrati sulla perdita di posizione di Milano, passata da seconda a ottava con sei posizioni in meno rispetto al 2016. A pesare è stato il parametro della giustizia e sicurezza e, nel dettaglio, l’indice di litigiosità, come spiega lo stesso quotidiano, cioè il numero di cause civili: Bari, Roma e Milano sono agli ultimi tre posti perché registrano il più alto numero di cause civili, dovuto in particolare all’alto numero di abitanti concentrati in città.

    Milano dunque paga i tribunali intasati di cause civili, ma conquista la prima posizione per ricchezza e consumi e il secondo per lavoro e innovazioni: anche Roma perde ben undici posizioni, piazzandosi 24esima, ma a dispetto del capoluogo lombardo, non sono solo i “litigi” a pesare. La Capitale si “salva” solo per la voce cultura e tempo libero, seconda in tutta Italia dietro a Firenze, per l’enorme e splendido patrimonio artistico e culturale, ma registra posizioni più basse nelle altre aree tematiche: alla voce ricchezza e consumi è al 53° posto.

    Questa la classifica della qualità della vita in Italia nel 2017 stilata dal Sole 24 Ore.

    1. Belluno

    2. Aosta

    3. Sondrio

    4. Bolzano

    5. Trento

    6. Trieste

    7. Verbano-Cusio-Ossola

    8. Milano

    9. Gorizia

    10. Udine

    11. Siena

    12. Firenze

    13. Pordenone

    14. Bologna

    15. Ascoli Piceno

    16. Reggio nell’Emilia

    17. Livorno

    18. Forlì

    19. Treviso

    20. Cuneo

    21. Arezzo

    22. Parma

    23. Ravenna

    24. Roma

    25. Verona

    26. Modena

    27. Rimini

    28. Bergamo

    29. Monza e Brianza

    30. Vicenza

    31. Macerata

    32. Como

    33. Lecco

    34. Pesaro

    35. Piacenza

    36. Biella

    37. Ancona

    38. Prato

    39. Cremona

    40. Torino

    41. Mantova

    42. Padova

    43. Venezia

    44. Vercelli

    45. Ferrara

    46. Brescia

    47. Pisa

    48. Genova

    49. Perugia

    50. Novara

    51. La Spezia

    52. Oristano

    53. Grosseto

    54. Lucca

    55. Cagliari

    56. Fermo

    57. Varese

    58. Savona

    59. Terni

    60. Teramo

    61. Lodi

    62. Pescara

    63. L’Aquila

    64. Alessandria

    65. Rovigo

    66. Asti

    67. Potenza

    68. Chieti

    69. Olbia-Tempio

    70. Imperia

    71. Viterbo

    72. Massa

    73. Pavia

    74. Matera

    75. Nuoro

    76. Pistoia

    77. Rieti

    78. Isernia

    79. Ogliastra

    80. Ragusa

    81. Sassari

    82. Latina

    83. Campobasso

    84. Enna

    85. Crotone

    86. Bari

    87. Frosinone

    88. Siracusa

    89. Messina

    90. Catanzaro

    91. Cosenza

    92. Caltanissetta

    93. Catania

    94. Barletta-Andria-Trani

    95. Benevento

    96. Agrigento

    97. Palermo

    98. Vibo Valentia

    99. Trapani

    100. Medio Campidano

    101. Carbonia-Iglesias

    102. Avellino

    103. Foggia

    104. Lecce

    105. Salerno

    106. Brindisi

    107. Napoli

    108. Reggio Calabria

    109. Taranto

    110. Caserta