Da pornostar a professore universitario

Due lauree, una carriera da modello, spogliarellista e poi divo del cinema porno gay: oggi Ruggero Freddi insegna all'università La Sapienza di Roma

da , il

    Da pornostar a professore universitario

    Un ex pornostar dietro la cattedra. Carlo Masi era il suo nome d’arte, Ruggero Freddi è il nome da prof (e all’anagrafe). L’ex stella del cinema per adulti ha deciso infatti di abbandonare il mondo hard per sfruttare le due lauree che aveva conseguito e il dottorato di ricerca che aveva vinto. Adesso, inizierà un ciclo di lezioni di Analisi 1 Ingegneria clinica, presso La Sapienza di Roma.

    Ruggero Freddi, infatti, dopo essersi laureato in Ingegneria informatica, aveva iniziato a lavorare come modello, personal trainer e spogliarellista. Entrando nel mondo del porno gay (forse saranno contenti alcuni studenti, quindi) come attore. Fin dal 2004 su di lui si accendono le luci rosse; nel 2013, però, dice basta, e si prende la seconda laurea in Matematica, ottenendo pure il dottorato di ricerca. Adesso è il momento di cambiare vita, di sfruttare le altre sue potenzialità, quelle mentali. Dietro a questa decisione, come sottolinea lui stesso sui social, non c’è comunque il pentimento per la carriera fatta prima.

    Oggi il prof ha 41 anni e, a dire il vero, molti studenti hanno scoperto cosa faceva fino a quattro anni fa solo leggendo il suo profilo Facebook. Anche perché la carriera hard si è svolta prevalentemente negli Stati Uniti. Un video che lo ritrae mentre fa palestra è stato il suo ‘coming out’ per chi conoscesse le sue performance oltreoceano. E dopo la scoperta che il prof è stato un porno divo, sono fioccate le richieste di amicizia.

    A proposito, gli studenti si sono detti contenti di avere alla cattedra una persona tutta fisico e tutta cervello. Lui, molto educatamente, ha risposto così alle richieste di amicizia: “Grazie tante per le gentili richieste di amicizia, ma preferirei tenere nella lista degli amici le persone che conosco personalmente. Comunque, ho aperto la possibilità di seguire questo profilo e non ci sono post o foto private che non vengono visualizzate da tutti”.