Vaccini: bimba respinta dall’asilo perché la mamma si rifiuta di firmare l’autocertificazione

Una bambina è stata respinta all'asilo nido vicino Udine perché la mamma non ha voluto firmare l'autocertificazione sull'avvenuta vaccinazione perché, secondo lei, contro la privacy

da , il

    Vaccini: bimba respinta dall’asilo perché la mamma si rifiuta di firmare l’autocertificazione

    Una bambina è stata respinta dall’asilo dopo che la mamma si era rifiutata di firmare l’autocertificazione sull’avvenuta vaccinazione. Secondo la donna, che ha chiamato pure i carabinieri, il documento avrebbe violato la privacy. L’episodio si è verificato vicino Udine lunedì mattina. Il giorno dopo, stando a un servizio del Tg1, la bambina è entrata in classe.

    VACCINI, I FALSI MITI DA SFATARE

    La storia, accaduta in una scuola dell’infanzia di Latisana, in provincia di Udine, è stata riportata dal Messaggero Veneto. Lunedì mattina una donna ha portato la figlia all’asilo.

    La bimba, due anni, non era stata ancora vaccinata ma la madre aveva garantito all’istituto che avrebbe presto provveduto.

    Le insegnanti le avevano chiesto già venerdì di presentare l’autocertificazione dell’avvenuta richiesta alla Asl di fissare l’appuntamento per la profilassi obbligatoria.

    La mamma, però, si è rifiutata di firmare l’autocertificazione perché, ha accusato, avrebbe violato la privacy. “I dati forniti saranno trattati dal personale scolastico, docente e non docente”: questa la frase incriminata, secondo la donna, arrivata a chiamare i carabinieri.

    Gli agenti, imbarazzati, le hanno chiesto di riportare la piccola a casa visto che non aveva firmato i documenti: le nuove norme sui vaccini parlano chiaro.

    Questo lo sfogo della mamma più tardi su Facebook: «La legge sui vaccini prevede diverse opzioni, ovvero la presentazione di una dichiarazione in cui si indica quali vaccinazioni sono state effettuate, esonero, omissione o copia della richiesta di appuntamento presso l’Asl per la vaccinazione. Pertanto, io che non ho vaccinato allego copia di raccomandata all’Asl. Venerdì vengo diffidata dal portare mia figlia in asilo in quanto non ho compilato e firmato una dichiarazione imposta dalla Regione Friuli Venezia Giulia. Il documento non è assolutamente conforme ai fini della legge, che rifiuto quindi di firmare. Chiedo che i dati personali vengano trattati solo dal dirigente scolastico, come autorizzato dal Garante della Privacy».