Divide il pane con l’ambasciatore Usa, ricambia acquistando fiorentine

A Pian di Scò il macellaio e alimentarista divide l'ultimo filone con un uomo che, qualche giorno dopo, svela la sua identità e ricambia il gesto di generosità

da , il

    Divide il pane con l’ambasciatore Usa, ricambia acquistando fiorentine

    Divide l’ultima pagnotta con uomo, senza sapere la sua identità. Per ringraziarlo, questi torna e gli acquista bistecche e altri prodotti. Sì, perché non era un uomo qualunque, ma l’ambasciatore americano presso la Santa Sede. L’episodio è avvenuto a Ferragosto a Pian di Scò. A raccontarlo Paolo Filippini, negoziante di Valdarno aretino. Il 15 agosto, ha ricevuto la visita di due uomini che parlavano inglese che gli hanno fatto capire che cercavano del pane. Il macellaio e alimentarista, che aveva conservato l’ultimo filone per sé e per la famiglia, non ha esitato e ha deciso di regalarne metà ai due.

    Qualche giorno dopo, davanti al negozio, si è fermata un’auto con le bandierine a stelle e strisce. E’ sceso uno dei due che gli aveva chiesto il pane, ossia Louis Lawrence Bono, in vacanza nei dintorni. Si è presentato, quindi ha acquistato bistecche alla fiorentina e altri prodotti tipici, dicendosi colpito per la generosità del macellaio. E volendo così ricambiare il gesto della divisione del pane.

    Paolo Filippini, 48 anni, è noto a Pian di Scò. Il giorno di Ferragosto, trovare del pane fresco è molto difficile in un piccolo paese. Lui, però, non ci ha pensato neanche un attimo e, in un inglese maccheronico, ha fatto capire ai due clienti di voler dividere gratuitamente il filone con loro. Un gesto di grande generosità. Mai si sarebbe aspettato di aver condiviso il pane con l’ambasciatore americano presso il Vaticano. Una storia da film, verrebbe da dire.

    “Ero rimasto colpito dalla solidarietà con cui mi avevi diviso quel pezzo di pane” ha spiegato Lawrence Bono. Filippini racconta: “Quando ho visto entrare in negozio uomini armati mi sono sinceramente impaurito. Ma poi ho riconosciuto la persona che era entrata qui a Ferragosto e sono rimasto senza parole. Ho capito e mi sono davvero emozionato”. E quell’auto blindata non è passata inosservata, ha attirato molti paesani curiosi di scoprire quale personalità fosse arrivata da loro e per quale motivo.