Igor il russo ultime notizie: cartolina da Livorno firmata Igor, si esamina la grafia

Nuovo capitolo nella ricerca di Igor il russo, il killer di Budrio. Norbert Feher avrebbe spedito una cartolina da Livorno indirizzata ai carabinieri. E' stato davvero Igor Vaclavic a scrivere, o si tratta dell'ennesima falsa segnalazione?

da , il

    Igor il russo ultime notizie: cartolina da Livorno firmata Igor, si esamina la grafia

    Ultime notizie su Igor il Russo: avrebbe scritto e spedito una cartolina arrivata nelle scorse ore al comando dei carabinieri di Ferrara. Norbert Feher si sarebbe preso gioco degli uomini dell’arma con un messaggio non molto chiaro scritto con una grafia in stampatello ma piuttosto incerta, in cui annuncia di avere lasciato l’Italia: “Per grazie Livorno. Addio Italia m… e soldati skifi”. Firmato: “Igor”. Gli inquirenti stanno verificando l’attendibilità della cartolina, mentre il giallo sul serbo prosegue. Del killer di Budrio sembrano non esserci più tracce.

    LA CARTOLINA SPEDITA DA IGOR IL RUSSO

    La cartolina spedita da Igor il russo ha come immagine l’Amerigo Vespucci, la famosa nave scuola della Marina Militare italiana, e riporta un segno di freccia marcata a penna che indica la poppa del veliero. Il timbro postale con data 17 maggio è del Centro meccanizzato delle poste di Firenze. La cartolina, pubblicata dalla Nuova Ferrara e dal Tirreno, potrebbe essere uno scherzo, ma gli inquirenti stanno lo stesso analizzando il reperto per scovare tracce, esaminando la grafia e cercando eventuali impronte.

    CHIESTO LO STATO DI LATITANZA PER IGOR IL RUSSO

    NORBERT FEHER E STATO A LIVORNO?

    Il giallo di Norbert Feher alias Igor il russo si arricchisce di un nuovo mistero. Davvero c’è Igor dietro la spedizione della cartolina? E perché mai il presunto triplice omicida avrebbe segnalato così la sua partenza dall’Italia? Davvero è stato a Livorno? O si tratta dell’ennesima falsa segnalazione su Igor? Quello che sappiamo per certo è che le forze dell’ordine ancora non sanno dove si trova l’uomo più ricercato d’Italia, in fuga da oltre due mesi dopo aver ucciso a Budrio il barista Davide Fabbri e una settimana dopo, nel Ferrarese, Valerio Verri, guardia ecologica volontaria.

    QUELLE DOMANDE ALLA VEDOVA FABBRI: ‘PERCHE’ IGOR HA SCELTO PROPRIO IL VOSTRO BAR?’

    IL SOSPETTO: E SE IGOR AVESSE AGITO SU COMMISSIONE?

    Mentre gli inquirenti cercano di capire dove stanare Igor, si fa avanti il sospetto che l’uomo abbia agito su commissione, effettuando la rapina al bar di Riccardina di Budrio non per caso. Davide Fabbri, infatti, come confermato anche dalla vedova, era un appassionato di orologi antichi e frequentava mercatini e antiquari. Particolare che avrebbe potuto attirare l’attenzione di Feher e di un suo presunto complice che avrebbe anche favorito la sua latitanza.

    IL VADEMECUM DEI CARABINIERI: ‘SE VEDETE IGOR…’