Terremoto a Macerata: torna la paura in Centro Italia

L'Ingv ha registrato due intense scosse di magnitudo 4.0 e 4.1 nelle Marche, con epicentro a Visso, alle 23.16 e alle 23.19. Non sembrano esserci danni ambientali e a persone.

da , il

    Terremoto a Macerata: torna la paura in Centro Italia

    Terremoto a Macerata: due intense scosse di magnitudo 4.0 e 4.1 della scala Richter sono state registrate dai sismografi dell’Ingv nelle Marche, rispettivamente alle ore 23.16 e alle ore 23.19; epicentro a Visso (Macerata). Non solo, altre scosse di terremoto hanno fatto sobbalzare la terra in Centro Italia: poco prima di queste due forti scosse di terremoto, ce n’è stata un’altra di magnitudo 3.5 della scala Richter, con epicentro fra Visso e Preci (Perugia). Vediamo nel dettaglio tutti i dati relativi alle scosse di terremoto, manifestatesi nel corso della notte.

    Il terremoto è stato avvertito nettamente anche a Monte Cavallo, Ussita, Fiordimonte e Pievetorina. Nonostante non siano stati registrati danni ambientali, a strutture pubbliche e private, e non vi siano stati feriti tra gli abitanti colpiti dalle ultime scosse, la paura è tornata nuovamente a crescere. Del resto il terremoto in Italia, soprattutto nelle zone centrali, non sembra voler mollare la presa.

    Nella notte, l’Ingv ha registrato anche altre scosse di terremoto di intensità inferiore: alle ore 3.42 una scossa di magnitudo 3.4 della scala Richter ha interessato Pizzoli, in provincia dell’Aquila. Anche l’Abruzzo rientra nello sciame sismico, che nelle ultime dieci ore ha avuto un innalzamento della frequenza e dell’intensità delle scosse. L’ipocentro è stato registrato a circa 13 km sotto il livello del terreno, mentre l’epicentro è stato individuato dal centro nazionale INGV presso i comuni di Pizzoli, Barete, Capitignano, Cagnano Amiterno, Montereale, Scoppito, Campotosto, L’Aquila, Crognaleto, Borbona, Lucoli, Tornimparte, Amatrice.

    Per rimanere sempre aggiornati sul terremoto in tempo reale, continuate a seguirci.