Miracolo di Sant’Antonio a Padova? Il marito è sterile ma lei resta incinta

Una donna è rimasta incinta nonostante il marito fosse sterile, tanto che a Padova qualcuno sta gridando al miracolo di Sant’Antonio

da , il

    Miracolo di Sant’Antonio a Padova? Il marito è sterile ma lei resta incinta

    Una donna è rimasta incinta nonostante il marito fosse sterile, tanto che a Padova qualcuno sta gridando al miracolo di Sant’Antonio. È proprio nella Basilica di Sant’Antonio che una coppia si è presentata a padre Enzo Poiana, sacerdote che ama celebrare messe per le coppie sterili, parlando del loro caso che avrebbe del miracoloso.

    Questa la storia che, come sempre, dividerà credenti e scettici. A gennaio dello scorso anno la coppia, poiché erano mesi e mesi che tentavano invano di fare un figlio, si era recata da medici specialisti. Se lei era stata definita sana, era emerso che la causa della mancata gravidanza era lui. Secondo i medici l’uomo era infatti totalmente sterile e senza nessuna possibilità di procreare. I due, rassegnandosi ormai all’adozione, avevano cominciato a frequentare la Basilica di Sant’Antonio, ricevendo dal prete la benedizione. Un giorno, tornati da Roma dove erano andati per vedere il papa, avevano trovato nella cassetta della posta il santino di Sant’Antonio. Il giorno dopo lei aveva scoperto di essere incinta. Aspettava un bimbo, nonostante la sterilità del marito.

    Immaginiamo già il sarcasmo dei maligni… Fatto sta che sia la coppia che il sacerdote sono convinti che ci sia davvero lo zampino di Sant’Antonio. «Non ci credevano – racconta padre Poiana al Gazzettino – Il test di gravidanza li ha visti felicissimi. Hanno subito avuto la certezza che fosse stato Sant’Antonio a mandargli il bambino e che poi, per far capire che l’intercessione era stata sua, e non del santo Padre, gli aveva fatto trovare nella cassetta postale il suo santino… Qualche settimana fa è nato Giovanni e adesso verranno in Basilica con quel piccolo che hanno tanto atteso e che ormai non speravano più di avere».