Segrate Cassanese, ragazzina si getta dall’auto del padre: morta

I motivi del folle gesto sono ancora da chiarire

da , il

    Segrate Cassanese, ragazzina si getta dall’auto del padre: morta

    Si è slacciata la cintura di sicurezza e si è gettata dall’automobile in corsa, dove alla guida c’era il padre 56enne: è la terribile vicenda che ha visto coinvolta una ragazzina di 17 anni, rimasta uccisa da un tir che l’ha travolta sull’asfalto della Cassanese, tra Segrate e Pioltello, in provincia di Milano.

    La ragazzina, per ragioni che devono essere ancora chiarite, si è liberata della cintura di sicurezza e si è lanciata giù dall’auto in corsa: nello stesso senso di marcia stava transitando un camion, che l’ha travolta, senza lasciarle alcuna speranza di sopravvivenza. L’impatto è stato violentissimo, eppure l’uomo alla guida dell’autoarticolato sembra non essersi accorto di nulla, non ha visto la giovane e non si è fermato.

    Secondo i primi rilievi compiuti dai Carabinieri della compagnia di San Donato e dalla polizia stradale, la ragazza di 17 anni, originaria di Pozzolo Martesana, investita e uccisa lunedì pomeriggio, avrebbe fatto tutto da sola: volontariamente si sarebbe gettata sulla corsia della Cassanese, in un momento di traffico intenso.

    Il padre sotto shock ha avuto comunque la forza e la lucidità di accostare sulla corsia di emergenza e chiamare immediatamente il 118. Quando sono arrivati i soccorritori, per la giovane era ormai troppo tardi: non c’era più nulla che si potesse fare. Sul posto sono arrivati anche gli agenti di Polizia di Segrate, per gestire la viabilità e per effettuare i necessari rilievi.

    Gli investigatori stanno indagando sulle motivazioni che hanno spinto la 17enne a compiere un gesto così estremo. Al momento a carico del padre non pende alcuna ipotesi di reato.

    Come aiutare una persona che pensa al suicidio

    I suicidi non sono persone che desiderano morire, ma persone in cui il bisogno di una vita diversa batte fortissimo.

    Se ti sorprendi a pensare al suicidio in maniera reiterata, o se temi che un tuo familiare o conoscente mediti il suicidio, chiedi aiuto.

    Non esiste un problema che non possa essere risolto e persone specializzate in problematiche legate al suicidio possono aiutarti.