Terremoto Marche, richiedenti asilo aiutano la Protezione Civile

Terremoto Marche, richiedenti asilo aiutano la Protezione Civile

'Sanno cosa vuol dire non avere più una casa'

da in Cronaca, News Cronaca, Terremoto Centro Italia
Ultimo aggiornamento:
    Terremoto Marche, richiedenti asilo aiutano la Protezione Civile

    Foto Facebook

    Venti ragazzi

    richiedenti asilo e residenti nel GUS (Gruppo Umana Solidarietà) di Monteprandone (Marche) sono partiti per Amandola uno dei centri colpiti dal terremoto del 24 agosto per offrire aiuto. Non sanno quale sarà il loro futuro in Italia eppure non ci hanno pensato due volte a raggiungere la Protezione Civile e dare la loro mano. “Sanno esattamente cosa vuol dire non avere più una casa e perdere i propri cari, gli affetti e le proprie cose in solo pochi istanti”, si legge sulla pagina Facebook del gruppo Gus.

    La maggior parte di questi ragazzi proviene dal Nord Africa.

    L’ente si dice orgogliosa del lavoro che stanno svolgendo i propri ragazzi e di come volontariamente abbiano espresso la loro intenzione di correre nei luoghi colpiti dal sisma e dare una mano.
    Anche i 75 richiedenti asilo beneficiari del progetto Sprar di Gioiosa Ionica (Reggio Calabria) hanno deciso di donare il pocket money, la somma garantita loro per le spese personali, a chi è stato colpito dalla tragedia. Di fronte a questi gesti di alta generosità, non ci sarebbe bisogno di alcun commento se non di un semplice ‘grazie’.

    293

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CronacaNews CronacaTerremoto Centro Italia

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI