Veneto Banca, arrestato l’ex ad Vincenzo Consoli

Veneto Banca, arrestato l’ex ad Vincenzo Consoli

Sequestrato beni da 45 milioni di euro a persone legate all'istituto di credito

da in Arresti, Banche, Cronaca, News Cronaca
Ultimo aggiornamento:
    Veneto Banca, arrestato l’ex ad Vincenzo Consoli

    La Guardia di Finanza ha arrestato l’ex amministratore delegato e direttore generale di Veneto Banca. Vincenzo Consoli è accusato di ostacolo all’esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza ed aggiotaggio. Consoli è stato fermato nell’ambito di una vasta operazione condotta da un centinaio di finanzieri del nucleo speciale di polizia valutaria. Nel blitz è stato anche eseguito un sequestro preventivo per decine di milioni di euro nei confronti di persone legate a Veneto Banca.

    Vincenzo Consoli è agli arresti domiciliari, insieme a lui sono finite sotto indagine quattordici persone. La Guardia di Finanza ha compiuto anche diverse perquisizioni e ha compiuto un sequestro preventivo per circa 45 milioni di euro a persone legate all’istituto di credito. Nell’operazione è stato anche sequestrato un immobile di Consoli il cui valore è stimato in 1,8 milioni di euro, oltre a liquidità e titoli.

    Secondo gli investigatori Consoli avrebbe ostacolato l’attività di vigilanza di Bankitalia e Consob. In particolare sono contestate una serie di operazioni, cosiddette ‘baciate’, in virtù delle quali era la stessa banca a finanziare importanti clienti perché gli stessi acquistassero azioni del medesimo istituto di credito.

    “Il significato economico reale di queste operazioni, celate sotto una veste apparentemente lineare, è chiaro – aggiungono gli investigatori – il cliente ‘finanziato’ deteneva titoli di Veneto Banca per conto della banca”. Le operazioni venivano attuate attraverso investitori compiacenti, disponibili ad intestarsi per un periodo quote di obbligazioni subordinate, sollevando la banca dall’onere di detrarne il controvalore dal patrimonio di vigilanza, come invece prescritto dalla Banca d’Italia. Titoli ‘parcheggiati’ dei quali, in realtà, Veneto Banca rimaneva titolare a tutti gli effetti.
    Il tutto accompagnato dalla concessione di finanziamenti a soggetti in difficoltà economiche e quindi non in grado di restituire le somme ricevute.

    Le indagini riguardano il biennio 2013-2014. Le ispezioni di Banca d’Italia e Consob hanno portato alla luce l’effettiva situazione dell’istituto, è partita l’indagine di procura e gdf che ha portato al blitz di oggi. Secondo gli inquirenti l’obiettivo “era di offrire, all’esterno, l’immagine di una solidità patrimoniale dell’istituto ben maggiore di quella effettiva, idonea ad ingannare la platea dei risparmiatori e gli altri azionisti, rafforzando così, in modo fraudolento, l’immagine della banca e la fiducia nel management”. Inoltre grazie a tali operazioni, i vertici di Veneto Banca davano a Banca d’Italia e Consob “una consistenza patrimoniale superiore al reale, così da rientrare nei parametri di sicurezza che la legge esige per gli istituti bancari”.
    Infine, la creazione di un patrimonio ‘virtuale’ avrebbe consentito all’istituto di credito di fissare il sovrapprezzo delle azioni su valori assai elevati rispetto allo stato reale dell’azienda.

    562

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN ArrestiBancheCronacaNews Cronaca

    Referendum costituzionale 2016

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI